Perché passare a Windows 10? Ecco i motivi per cui conviene

Dal 29 luglio sarà possibile scaricare il nuovo sistema operativo di Microsoft, Windows 10. Conviene? Ecco i motivi per cui conviene fare l’aggiornamento.

Mercoledì 29 luglio in 190 Paesi nel mondo, inclusa l’Italia, sarà disponibile il nuovo sistema operativo targato Microsoft, Windows 10.
Windows 10 sarà scaricabile gratuitamente da tutti coloro che già possiedono una versione avanzata del sistema operativo (le versione 7 e 8.1); sarà infatti possibile fare l’aggiornamento per un anno, fino al 29 luglio 2016.
La domanda che si fanno gli utenti a questo punto è una sola: conviene passare a Windows 10?
Ecco i motivi per cui conviene fare il passaggio.

Windows 10, un sistema operativo unico
Il primo vantaggio offerto da Windows 10 è sicuramente quello di offrire un sistema operativo unico capace di adattarsi non solo al PC, ma anche al tablet, allo smartphone e alla console per videogiochi.

Windows 10, il sistema di sblocco
Windows 10 sarà dotato di un sistema di riconoscimento biometrico che permetterà agli utenti che utilizzano il nuovo sistema operativo di effettuare il primo accesso attraverso scansione dell’impronta digitale o dell’iride.

Windows 10, ritorna il tasto Start
Il nuovo sistema operativo cercherà di raccogliere in un unico ambiente tutte le funzioni chiave del mondo Microsoft. Verrà ripristinato il tasto Start che verrà arricchito di nuove funzionalità.

Windows 10, Cortana
Cortana, l’assistente vocale di Microsoft, in Windows 10 sarà posizionata accanto al pulsante di Start pronta a fornire risposte a domande pertinenti e a quesiti più complessi. Il sistema di assistenza ha subito un’evoluzione grazie all’esperienza raccolta da parte degli utenti.

Windows 10, addio Internet Explorer
Con Windows 10 sparirà Internet Explorer e arriverà Spartan, un browser che porterà con sé diverse novità. Tra queste la possibilità di inserire note direttamente dalle pagine web.

Windows 10, un unico store per le app
Le applicazioni disponibili con sistema operativo Windows 10 saranno tutte reperibili in un unico store, indipendentemente dal fatto che esse siano per pc, tablet o smartphone.

Windows 10, i desktop virtuali
Il nuovo sistema operativo consentirà inoltre di moltiplicare gli spazi di lavoro creando tanti desktop virtuali; questo permetterà agli utenti di dividere con più facilità le sessioni di lavoro.
L’aggiunta dei desktop virtuali può essere fatta semplicemente premendo l’icona della taskbar che raffigura due rettangoli sovrapposti.

Sul nuovo sistema operativo si è espresso anche Terry Meyerson, executive vice president di Microsoft: «Con questo aggiornamento abbiamo voluto iniziare a rendere concreta la nostra visione di personal computing, una visione definita attraverso la protezione e il rispetto delle informazioni personali, le esperienze di mobility tra più dispositivi e le interazioni naturali con tutti i device Windows tra cui il comando vocale, gestuale, la scrittura e gli ologrammi».

Argomenti:

Microsoft Windows

Iscriviti alla newsletter

Money Stories