Italia: Scope Rating rivede in negativo l’outlook del Belpaese

Scope Ratings, la prima agenzia di rating europea, tiene gli occhi puntati sull’Italia e avverte: scenario difficile

Italia: Scope Rating rivede in negativo l'outlook del Belpaese

Scope Rating rivede in negativo l’outlook italiano.

La prima agenzia di rating europea, che sul Belpaese mantiene un A-, ha spiegato che anche in caso di un rapporto deficit/pil sotto il 3% nel 2019, ci sono diversi fattori che portano al rischio di una nuova procedura per deficit eccessivo.

I punti che influiscono sulla valutazione negativa dell’istituto derivano prima di tutto dal panorama politico italiano, che solleva numerosi dubbi sulla capacità dell’attuale governo gialloverde di riuscire a far fronte alle sfide socio-strutturali e definire un programma valido su diversi fronti, in primis quello economico.

Spicca poi quel dato pari al 132% del PIL relativo al debito pubblico italiano, il secondo livello più alto nell’area euro dopo quello greco.

Scope Rating: pesa sul futuro il rapporto debito/PIL

L’agenzia, nel l’elencare gli elementi che hanno influito sulla sua valutazione, ha sottolineato come il rapporto debito/PIL dell’Italia sia rimasto “ostinatamente alto” da quando ha raggiunto la quota attuale nel 2014 nonostante la ripresa economica sostenuta da allora:

“La difficoltà nel ridurre il rapporto debito/PIL anche durante i buoni periodi di congiuntura economica esemplifica l’entità della sfida della sostenibilità del debito, data l’inevitabile pressione al rialzo sul rapporto in una fase di recessione futura”.

Per questi motivi la stima di crescita annua è dello 0,75%, con un 1% anno su anno nel secondo trimestre del 2018. Restano i timori legati alla nuova legge di bilancio, che sarà presentata alla Commissione europea entro il 15 ottobre.

Secondo l’agenzia le probabilità che la manovra contenga tutte le misure necessarie sono nulle, anche se alcune di queste potrebbero essere inserite in maniera “più graduale”.

Giacomo Barisone, managing director di Scope, fa notare come la pubblicazione dell’aggiornamento della legge sia fondamentale, e al contempo come “bassa crescita e maggiori spese per interessi” impediranno il declino sostenibile del rapporto debito pubblico/PIL dell’Italia, che le norme comunitarie impongono.

Iscriviti alla newsletter

Argomenti:

Italia Debito pubblico

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Marco Ciotola -

L’Italia è il peggior Paese in cui vivere per uno straniero

L'Italia è il peggior Paese in cui vivere per uno straniero

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Borsa Italiana: i fondi shortano titolo Juventus, attenzione

Borsa Italiana: i fondi shortano titolo Juventus, attenzione

Commenta

Condividi

Marco Ciotola -

Eni, nuova partnership con Pertamina: si rafforza la presenza in Indonesia

Eni, nuova partnership con Pertamina: si rafforza la presenza in Indonesia

Commenta

Condividi