Forex, 9 maggio 2013: banche centrali e occupazione avanti tutta

Banche centrali e dati sull’occupazione in primo piano per questo 9 maggio 2013.

Durante la notte

Durante la notte saranno pubblicati i dati sull’occupazione per l’Australia e la Nuova Zelanda. Stabile, secondo gli analisti, la situazione per la prima mentre dovrebbe concretizzarsi una lieve flessione per il dato neozelandese con una previsione del tasso di disoccupazione al 6.8%.

Sempre durante le ore della notte, dalla Cina è atteso il dato inflazionistico dell’indice dei prezzi al consumo che dal precedente 2.1% dovrebbe rilevare un aumento al 2.3%.

Mattina

Durante la mattinata, sarà doppio appuntamento con le banche centrali.

Alle 10:00 la Banca Centrale Europea rilascerà la pubblicazione mensile del Bollettino contenente le informazioni e i dati statistici valutati durante l’ultimo meeting del consiglio direttivo. Questo si rivelerà particolarmente influente sulle analisi di medio-lungo periodo, vista la decisione della BCE di tagliare sui tassi.

Ma veniamo alla Sterlina, protagonista di questa mattinata Forex.

Alle 10:30 sarà pubblicato il dato sulla produzione manifatturiera per il quale è previsto un calo allo 0.4% rispetto allo 0.8% del mese precedente. Se l’esito di questo market mover sarà superiore alle attese è possibile che la Sterlina venga spinta al rialzo, ma con moderazione perché alle 13:00 è atteso l’importante appuntamento con la Bank of England e le decisioni sulla politica monetaria.

Secondo gli analisti, è poco probabile che la BoE decida di apportare modifiche alla propria politica monetaria (tassi allo 0.5% e QE per 375 miliardi di Sterline), tuttavia possono esserci i presupposti perché King, il governatore della banca, risulti più ottimista nel suo annuncio e nelle previsioni economiche. Se così fosse, la Sterlina potrebbe ricevere una buona spinta sul cambio GBP/USD arrivando a testare la zona 1.5600.

Pomeriggio

Nel pomeriggio, il dato più importante in assoluto sarà quello delle richieste di sussidi per la disoccupazione negli Stati Uniti; un market mover di massimo impatto sul cambio USD/JPY.

Come sappiamo gli «unemployment claims» vengono rilasciati settimanalmente e misurano la variazione di richieste di sussidi per la disoccupazione pervenute: la scorsa settimana il dato è risultato a 324 mila unità, per questa lettura gli analisti prevedono un valore di 333 mila unità.

Tendenzialmente, il dato tende ad essere rialzista per il dollaro USA quando il numero riportato è inferiore alle attese.

Sul cambio USD/JPY una lettura positiva per gli Stati Uniti potrebbe spingere la coppia alla rottura definitiva della linea 100.

Il mercato del lavoro statunitense sembra essere incoraggiante, dal Giappone continua il piano di stimolo massivo: nel complesso, il sentiment sul cambio USD/JPY è piuttosto rialzista, dunque attenzione a questo dato, potrebbe smuovere il mercato!

Il calendario del 9 maggio 2013

OrarioValutaMarket MoverValore PrecedenteValore atteso
00:45 NZD Tasso di disoccupazione 6.9% 6.8%
00:45 NZD Cambiamento dell’occupazione -1.0% 1.1%
03:30 AUD Tasso di disoccupazione 5.6% 5.6%
03:30 AUD Cambiamento dell’occupazione -36.1K 11.5K
03:30 CNY Indice dei prezzi al consumo 2.1% 2.3%
10:00 EUR Bollettino mensile BCE / /
10:30 GBP Produzione manifatturiera 0.8% 0.4%
13:00 GBP Tassi di interesse BoE 0.5% 0.5%
13:00 GBP Quantitative easing BoE 375 mld 375 mld
14:30 USD Richieste di sussidi per la disoccupazione 324K 333K

Iscriviti alla newsletter

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.