Azioni Tim verso il pullback della resistenza a 0,60 euro?

Le notizie positive sul fronte 5G non bastano ancora a Tim per mettere in piedi un rimbalzo più strutturato. E’ lecito attendersi ulteriori prese di beneficio da parte del fronte ribassista?

Azioni Tim verso il pullback della resistenza a 0,60 euro?

Dopo l’apertura di seduta sull’onda dell’entusiasmo, dovuto all’offerta di Tim per l’assegnazione delle frequenze 5G, l’azienda di telecomunicazioni frena, andando a chiudere il leggero gap up con cui aveva aperto.

Il declino dei prezzi sembra non conoscere fine, il titolo ha infatti accelerato al ribasso dopo che nell’aprile scorso è stata testata la linea di tendenza che collega i massimi del 7 agosto 2017 con quelli del 10 aprile 2018.


Telecom Italia, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

La forza del trend intermedio e principale non sembra scalfita e i minimi storici a 0,4627 euro sembrano ormai essere gli ultimi supporti che potrebbero far rimbalzare i corsi.

Considerata la forza del sell-off di queste ottave, è lecito attendersi una presa di beneficio da parte del fronte ribassista, che potrebbe portare i corsi fino al test della resistenza di quota 0,599-0,60 euro, lasciata in eredità dai minimi del 17 luglio scorso. Tale occasione si potrebbe rivelare un buon punto di entrata per chi volesse partecipare al trend principale.

Anche tramite l’analisi di più ampio respiro, data dall’osservazione del grafico settimanale, le nostre tesi trovano conferma con una situazione grafica che non lascia spazio a molte interpretazioni.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Tim


Elaborazione Ufficio studi Money.it

Vista e considerata la forza del trend, si potrebbe sfruttare un eventuale rimbalzo fino all’intorno di quota 0,60 euro per adottare strategie di matrice ribassista. Tali operazioni potrebbero avere stop loss a 0,67 euro, obiettivo principale a 0,5071 e obiettivo finale a 0,4950 euro.

Per chi invece volesse provare ad accompagnare l’eventuale rimbalzo il consiglio è quello di attendere una chiusura al di sopra di 0,552 euro. Questo tipo di operatività dovrebbe però essere del tipo “mordi e fuggi” perché nuovi venditori potrebbero essere in agguato. Lo stop loss andrebbe inserito sotto i minimi di periodo a 0,5158 euro e l’obiettivo principale a 0,59 euro. L’obiettivo finale andrebbe invece posto a 0,60 euro ad azione.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su analisi tecnica

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.