Spesometro 2013, la guida

Spesometro 2013, la guida

Con il termine Spesometro si intende la comunicazione telematica delle operazioni rilevanti ai fini IVA (imponibili, non imponibili ed esenti effettuate fra soggetti passivi d’imposta), che deve essere eseguita da tutti i soggetti passivi IVA, ad esclusione dei contribuenti minimi (nonchè lo Stato, le regioni, le province, i comuni e gli altri organismi di diritto pubblico nell’ambito di attività istituzionali diverse da quelle previste dall’articolo 4 del d.P.R. n. 633/1972), all’Agenzia delle Entrate.

Nella comunicazione sono incluse anche le attività di leasing finanziario e operativo, di locazione e/o di noleggio di autovetture, caravan, altri veicoli, unità da diporto e aeromobili di operatori commerciali, che dovranno spuntare la casella «Noleggio/Leasing».

Le scadenze fissate per il 2014 sono: :

  • 10 aprile per i soggetti mensili;
  • 22 aprile per i soggetti trimestrali.

Tuttavia, sulla scadenza del 22 aprile potrebbe esserci una proroga.

Le sanzioni in caso di mancato invio o invio di dati inesatti e/o incompleti oscillano tra i 258 euro e i 2.065 euro.

Spesometro 2013, la guida, ultimi articoli su Money.it