Vittoria Assicurazioni: l’Opas fa decollare il titolo

Vittoria Capital, controllante di Vittoria Assicurazioni, lancia un’Opas sulla compagnia finalizzata al delisting. Il titolo decolla a Piazza Affari dopo una sospensione per eccesso di rialzo nei primi minuti della contrattazione in Borsa.

Vittoria Assicurazioni: l'Opas fa decollare il titolo

L’annuncio è arrivato prima dell’apertura della Borsa: Vittoria Capital ha comunicato di voler procedere a una offerta pubblica di acquisto e di scambio su Vittoria Assicurazioni.

Un’operazione che ha come scopo il delisting del gruppo e che verrà lanciata al prezzo di 14 euro per azione sul flottante, pari al 40,76% del capitale.

La notizia ha spinto il titolo a Piazza Affari e alle 14 di oggi - dopo una iniziale sospensione per eccesso di rialzo - viaggiava a quota 13,96 euro guadagnando 19,72%.

L’Opas

Vittoria Capital è già azionista della compagnia assicurativa di cui detiene il 51,15% del capitale e fa capo a Carlo Acutis, il quale controlla anche Yafa Holding che ha il 7,183% di Vittoria Assicurazioni e che a sua volta controlla l’82% della prima.

Acutis - che è presidente emerito del gruppo - dunque, attraverso le due aziende, detiene complessivamente il 58,33% di Vittoria Assicurazioni.

L’offerta prevede un corrispettivo di 14 euro per azione, prezzo superiore del 9,4% rispetto al target price medio degli analisti (12,80 euro) presi in considerazione da Bloomberg e che incorpora premio del 20,1% rispetto al prezzo di chiusura registrato ieri.

In alternativa, è prevista l’assegnazione di 1,4 azioni ordinarie di Vittoria Capital non quotate per ogni azione della compagnia.

Da notare che le azioni di Vittoria Assicurazioni, negli ultimi cinque anni, non hanno mai toccato la cifra di 14 euro. Il picco massimo, nell’ultimo quinquennio, è stato di 13,24 euro e risale al 12 marzo scorso, dopo un aumento dell’11% da inizio anno, per poi scivolare progressivamente fino agli 11,66 euro di ieri.

Per il completamento dell’operazione, i cui tempi saranno comunque concordati con Borsa Italiana, considerando che sul mercato è quotato il 40,76% del capitale, si prevede un investimento massimo complessivo di circa 385 milioni di euro, nell’eventualità di adesione totalitaria all’Opas.

Advisor di Vittoria Capital sono Ubs Investment Bank, in qualità di consulente finanziario, e lo studio legale Gianni, Origoni, Grippo.

La revoca della quotazione

L’obiettivo dell’Opas, come detto, è la revoca della quotazione, che dovrebbe – nelle intenzioni di Vittoria Capital - garantire una maggiore semplificazione della gestione del gruppo con una visione industriale più a lungo termine della compagnia assicurativa.

Il progetto, dunque, non esclude una eventuale fusione inversa di Vittoria Capital in Vittoria Assicurazioni, vincolata però al conferimento in Opas di una quota almeno pari al 95% del capitale della compagnia.

Ricordiamo che Vittoria Assicurazioni è quotata alla Borsa di Milano dal 1988, due anni dopo che Acutis ne acquistò il pacchetto azionario di controllo dalla Toro Assicurazioni. Nell’operazione, venne affiancato da un gruppo di investitori istituzionali, italiani ed esteri. Dal 2001, la compagnia è presente sul segmento Star.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Vittoria Assicurazioni SpA

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.