Tesla costruirà in Europa: Musk pensa ad una fabbrica in Germania (o in Olanda)

Dopo la Cina, Tesla Motors si prepara a sbarcare in Europa con un impianto di produzione. Ipotesi Germania o Olanda.

Tesla costruirà in Europa: Musk pensa ad una fabbrica in Germania (o in Olanda)

Tesla Motors è pronta a costruire la sua gamma di veicoli elettrici fuori dagli Stati Uniti, e precisamente in Europa. La compagnia di Elon Musk ha avviato i contatti con le autorità tedesche ed olandesi per aprire uno stabilimento di produzione nel cuore del vecchio continente.

Dopo aver stretto un accordo per aprire in Cina una nuova Gigafactory, la casa di Palo Alto vuole crescere anche in Europa, e per farlo non sarebbe possibile continuare ad inviare oltre l’Atlantico le automobili prodotte in territorio americano. Per questo una fabbrica in Europa centrale sarebbe la chiave per incrementare la presenza sul mercato europeo e di conseguenza il fatturato.

Tesla in Europa: costruirà in Germania?

Secondo il Wall Street Journal, le trattative sono state avviate poche settimane fa, specialmente dopo il tweet del CEO, con cui lo scorso mese ha annunciato la volontà di aprire una Gigafactory europea entro la fine dell’anno. Il suo luogo ideale sarebbe la Germania, dove le auto Tesla hanno già incontrato un abbondante successo, ma potrebbe nascere anche in Belgio o in Lussemburgo, nonché in Olanda, dove Tesla ha già uno stabilimento per assemblare le auto pressoché finite che vengono dagli USA.

Nei Paesi Bassi, Tesla ha già la sua sede europea con una sede operativa per la preparazione dei veicoli finiti che vengono dalla California per essere venduti in Europa, mentre in Germania ha sede la Grohmann, società di robotica acquistata da Musk nel 2016 per modernizzare le strutture produttive della fabbrica di Fremont e della Gigafactory in Nevada.

Le istituzioni della Renania-Palatinato, dove ha sede la Grohmann, stanno cercando di convincere i vertici della casa californiana a costruire lì le proprie automobili, come anche la regione del Saarlan, a Sud-Ovest.

Per ora non c’è certezza che l’affare si concluda, tanto che Tesla Motors non ha voluto commentare le indiscrezioni.

Dopo Stati Uniti e Cina, Tesla vuole l’Europa

Dalla California, Tesla si è già mossa dall’altra parte del Pacifico. Poche settimane fa, infatti, è stato annunciato l’accordo per la realizzazione di una Gigafactory in Cina, nella zona di Shanghai, che avrà una capacità produttiva di 500mila veicoli.

Dopo la propria patria, Tesla si è quindi affacciata lì dove nasce il futuro dell’automobile, nel Paese che in pochissimi anni sarà il primo mercato mondiale per auto elettriche. Dopo essersi garantita la Cina, la casa di Musk è pronta a investire anche in Europa, dove la produzione di EV ancora deve decollare, di pari passo con la domanda.

Le maggiori case automobilistiche avranno gamme elettrificate a partire dal 2025, una sfida interessante per i costruttori di Palo Alto che potrebbero inserirsi in corsa nel passaggio all’elettrico in Europa, non solo con la vendita dei propri veicoli ma anche con la produzione.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Tesla Motors

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.