Sondaggi SWG: la prospettiva degli italiani su economia e lavoro

In calo gli italiani che temono di perdere il posto di lavoro, l’incertezza primeggia tra le emozioni. In leggero ribasso i soddisfatti della propria situazione finanziaria.

Sondaggi SWG: la prospettiva degli italiani su economia e lavoro

L’Italia attraversa ormai da anni una lunga crisi economica, l’avvento nefasto della pandemia da coronavirus, oltre a provocare decine di migliaia di vittime, ha aggravato la situazione dell’economia e dell’occupazione. Un sondaggio SWG eseguito tra il 23 e il 25 settembre 2020, analizza il relativo sentiment degli italiani. Dai dati, emerge che la metà di essi è ancora soddisfatta della propria condizione finanziaria e la paura di perdere il lavoro non è così marcata come si poteva pensare. Tuttavia, l’incertezza la fa padrone, il che rende le famiglie più prudenti, ma sale la rassegnazione.

Sondaggi SWG: in calo il timore di perdere il lavoro

Appare alquanto paradossale, che nonostante il lockdown dei mesi scorsi, il perdurare dell’emergenza coronavirus, e la possibilità che una seconda chiusura totale possa nuovamente colpire le attività economiche (visto l’aumento dei contagi da COVID-19), solo il 50% degli italiani teme di perdere il proprio posto di lavoro. La percentuale indicata è certamente alta come valore assoluto, tuttavia, lo è stata in misura maggiore lo scorso luglio (56%), a febbraio in fase pre Covid (54%). Il picco è stato registrato a settembre 2014, quando il timore ha raggiunto il 68%.

Anche nei precedenti sondaggi SWG che riguardano gli anni passati, i dati erano più alti. A dicembre 2013, il timore di perdere il lavoro per sé o per i propri famigliari, era del 63%; ottobre 2015 (57%); ottobre 2016 (55%); ottobre 2017 (59%); ottobre 2018 (55%); novembre 2019 (57%).

SWG ha chiesto agli intervistati come pensa che cambierà la propria situazione economica nei prossimi 12 mesi. Il 68% ha asserito che rimarrà invariata; il 26% crede che peggiorerà; appena il 6% auspica un miglioramento.

Per quanto concerne la situazione finanziaria, SWG ha chiesto agli italiani come ritiene la propria e quella della sua famiglia. La percentuale riportata si riferisce a uno stato soddisfacente: il 50% a settembre, il 51% lo scorso luglio, il 53% a febbraio 2020, il 50% a novembre 2019. Le rivelazioni effettuate a settembre 2014 e nel mese di ottobre dal 2015 al 2018, assegnano una percentuale sempre al di sotto del 50%.

Infine, i sondaggi SWG hanno rilevato le emozioni degli italiani. Su tre possibili indicazioni di risposta, svetta l’incertezza con il 53%. Seguono: speranza 37%; rassegnazione 25%; vulnerabilità 24%; tristezza 21%; paura 20%; fiducia 19%; rabbia 17%; angoscia 14%; noia 11%; gratitudine 6%; gioia 5%.

Analizzando le variazioni, rispetto ad aprile l’incertezza è calata di 2 punti, la vulnerabilità e la tristezza di 5 punti, la rabbia di un punto, mentre è decisamente salita la percentuale della rassegnazione (+10).

Argomenti:

Sondaggi

Iscriviti alla newsletter

Money Stories