Sabatini bis, al via le richieste per gli incentivi alle imprese

Tra gli incentivi alle imprese per il 2014 spiccano i contributi previsti dalla cosiddetta Sabatini-bis, la cui richiesta da parte dei beneficiari è pronta a essere inoltrata grazie alla predisposizione dell’apposita piattaforma informatica: ecco come funziona.

Incentivi alle imprese per il 2014: scatta la prima quota di contributo prevista dalla Sabatini-bis. E’ stata infatti predisposta, da parte del Ministero per lo sviluppo economico, l’apposita piattaforma informatica per la richiesta all’indirizzo https://benistrumentali.incentivialleimprese.gov.it/Imprese

Detto ciò, le imprese beneficiarie che hanno ottenuto il decreto di concessione potranno inoltrare ufficialmente la domanda di erogazione della prima tranche del finanziamento previsto. Le necessarie credenziali di accesso saranno inviate dallo stesso ministero, tramite posta elettronica certificata, all’indirizzo Pec fornito dall’azienda. Per accedere, quindi, sarà necessario inserire lo username (che corrisponde all’indirizzo di posta elettronica certificata che l’impresa ha inserito nel modulo di domanda per gli incentivi previsti dalla Sabatini bis) e la password, tramessa dal ministero a seguito della trasmissione del provvedimento di concessione del beneficio.

Come si trasmette la documentazione

Una volta effettuato l’accesso alla piattaforma comparirà l’elenco di tutte le domande caricate o decretate per il soggetto beneficiario, in corrispondenza di ciascuna si potrà visualizzare il pulsante “compila moduli”. Cliccandoci sopra si aprirà un form da compilare in ogni sua parte (alcune informazioni saranno già precaricate in base all’istanza originaria, ma potranno comunque essere modificate dalla Pmi). Inoltre. L’impresa dovrà dichiarare che, a fronte dei beni oggetti di agevolazione. Sono o non sono intervenute variazioni, rispetto a quanto dichiarato nel modulo di domanda, circa l’aver ottenuto o richiesto altre agevolazioni di qualsiasi natura.

A quanto ammonta la prima quota del contributo?

Il contributo concedibile è pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati al tasso del 2,75 per cento su un piano di ammortamento (con rate semestrali della durata di cinque anni) di importo corrispondente al finanziamento. Le somme saranno erogate dal Ministero dello sviluppo economico rispettando il piano temporale riportato nel decreto di concessione, che si esaurisce entro il sesto anno dalla data di ultimazione dell’investimento, in quote annuali.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Argomenti:

Incentivi

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.