Riforma pensioni: abolizione della Legge Fornero o maggiore flessibilità in uscita? Ecco come la pensano gli italiani

In campagna elettorale c’è chi ha promesso l’abolizione della Legge Fornero e chi ha puntato su una maggiore flessibilità in uscita. Ma cosa vogliono davvero gli italiani?

Riforma pensioni: abolizione della Legge Fornero o maggiore flessibilità in uscita? Ecco come la pensano gli italiani

Le forze politiche che il 4 marzo si presenteranno alle elezioni per contendersi la guida dell’Italia nei prossimi 5 anni hanno concentrato la loro campagna elettorale sulle pensioni, tema molto caro agli italiani anche alla luce dei cambiamenti che sono stati apportati negli ultimi anni dalla Legge Fornero.

Le promesse fatte dai diversi schieramenti sono davvero tante, e continuano ad aumentare man mano che si avvicina il fatidico giorno delle elezioni: c’è chi promette di abolire la Legge Fornero e chi, invece, si mantiene su posizioni più moderate promettendo una rivisitazione della stessa con l’introduzione di misure che garantiscano una maggiore flessibilità in uscita.

Ma gli italiani come la pensano? Lorien Consulting ha condotto un sondaggio per capire la posizione degli italiani sull’attuale sistema previdenziale e su quello che si aspettano dal prossimo Governo.

Ecco i risultati.

Riforma pensioni: abolizione della Legge Fornero o maggiore flessibilità in uscita? Ecco la risposta degli italiani

Il primo dato che emerge dal sondaggio condotto da Lorien Consulting sulle misure che secondo gli italiani andrebbero prese in materia previdenziale fa emergere subito un dato importante: solamente una piccolissima percentuale degli intervistati, il 5%, si dice soddisfatta dell’attuale sistema pensionistico e pensa che andrebbe lasciato tutto com’è. Segno, questo, che la Legge Fornero ha lasciato molte ferite che il nuovo Governo dovrà cercare di curare. Ma come?

Sempre sulla base del sondaggio solo il 16% degli italiani ritengono che sia necessario abolire definitivamente la legge Fornero. A pensarla in questo modo sono soprattutto i sostenitori della Lega, di Fratelli d’Italia e Movimento 5 Stelle. Il 36% degli intervistati ritiene invece necessario agire per garantire la maggiore flessibilità in uscita sulla base dei contributi versati. Sempre per quanto riguarda la flessibilità, il 34% è convinto che si debba creare un abbassamento della soglia di accesso alla pensione di anzianità.

Riforma pensioni: fondatrice CODS invita i cittadini a documentarsi

Nonostante gli italiani sembrino avere le idee abbastanza chiare su quello che desiderano in fatto di previdenza, nel calderone della campagna elettorale sono finite diverse proposte, alcune senza capo né coda, che rischiano di confondere ancora di più le idee a chi dovrà votare.

Ecco quindi che Orietta Armiliato, fondatrice del Comitato Opzione donna Social, ha lanciato sulla pagina Facebook del comitato un appello rivolto a tutti coloro che andranno a votare:

"Il suggerimento è sempre lo stesso: documentiamoci”.

Secondo la Armiliato, infatti, questa campagna elettorale è stata caratterizzata da tante proposte ma da pochi approfondimenti.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Pensione anticipata

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Guendalina Grossi -

Si può andare in pensione anticipata per motivi di salute?

Si può andare in pensione anticipata per motivi di salute?

Commenta

Condividi

Stefania Manservigi -

Ultime notizie pensioni: Ape sociale, in 14mila in attesa dei primi pagamenti

Ultime notizie pensioni: Ape sociale, in 14mila in attesa dei primi pagamenti

Commenta

Condividi

Simone Micocci

Simone Micocci

4 giorni fa

Ape aziendale per favorire la pensione anticipata dei dipendenti

Ape aziendale per favorire la pensione anticipata dei dipendenti

Commenta

Condividi