Il franco CFA cambia nome, ma rimane legato alla Francia

Otto Paesi africani diranno addio (o quasi) al franco CFA

Il franco CFA cambia nome, ma rimane legato alla Francia

Il franco CFA cambia nome per otto Paesi dell’Africa occidentale. Il nuovo nome della moneta unica sarà ECO, ma saranno introdotte anche importanti novità nel rapporto fra la Francia e alcune delle ex colonie. L’obiettivo dichiarato di Emmanuel Macron è quello di porre fine alle polemiche che, qualche mese fa, avevano acceso tensioni internazionali, in particolare con l’Italia.

I Paesi in cui sarà introdotta ECO sono quasi tutti ex colonie francesi: si tratta di Bénin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guinea-Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo.

Il franco CFA cambia: le novità

Dopo sei mesi di negoziazioni con il governo francese, gli otto Paesi africani hanno deciso di rinominare il franco CFA in ECO. La moneta rimarrà legata all’euro, con un cambio fisso identico a prima (1 euro equivale a 655,96 franchi CFA), ma prima di Luglio 2020, quando verrà implementata la riforma, potrebbe subire variazioni.

La novità più importante è “la fine della centralizzazione del 50% delle riserve nel Tesoro francese”, una componente vissuta dagli africani come una forma di colonialismo. Nel board, inoltre, non sarà più presente un rappresentante francese.

È un giorno storico per l’Africa dell’Ovest”, ha detto il Presidente della Costa d’Avorio, Alassane Ouattara nel corso della conferenza stampa con il Presidente Macron, nella città di Abidjan. Nel 2017, il capo di Stato francese aveva evidenziato i benefici di stabilità del CFA, ma aveva aggiunto che stava ai governi africani decidere sul futuro della valuta.

Sì, è la fine di alcune reliquie del passato”, ha detto adesso Macron.

Chi usa il franco CFA

Il franco CFA è attualmente utilizzato da 14 Paesi africani: una popolazione di 150 milioni di persone e un prodotto interno lordo di 235 miliardi di dollari. I Paesi che da Luglio prossimo utilizzeranno ECO sono tutte ex colonie francesi tranne Guinea-Bissau.

I sei Paesi che rimarranno con il franco CFA sono Camerun, Chad, Repubblica Africana Centrale, Repubblica del Congo, Guinea Equatoriale e Gabon. Anche queste sono quasi tutte ex colonie della Repubblica, eccetto la Guinea Equatoriale.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Franco CFA

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.