Carta docente precari: bonus 300 euro in arrivo, ecco per chi

Carta del Docente: il bonus potrebbe essere esteso anche ai precari, ma solo per il 2020. Ma sarà di soli 300 euro.

Carta docente precari: bonus 300 euro in arrivo, ecco per chi

Carta del Docente: bonus per la formazione e l’aggiornamento anche ai precari.

È questa, in sintesi, la novità prevista dall’emendamento al Decreto Scuola appena approvato in Commissione Cultura al Senato, con il quale è previsto un aumento di fondi ulteriori per 40 milioni (esclusivamente per il 2020). Grazie a queste risorse si potrà estendere anche agli insegnanti precari - ossia quelli assunti con contratto a tempo determinato - la possibilità di fruire del bonus docenti (che non sarà però di 500,00€) per le spese di aggiornamento e formazione.

Un argomento da tempo dibattuto ma che con l’approvazione dell’emendamento viene finalmente riconosciuto - seppur per un solo anno - un diritto che gli insegnanti precari rivendicano da tempo. Ma vediamo nel dettaglio cosa prevede questa novità e cosa potrebbe cambiare nel caso in cui questa diventi parte integrante del testo del provvedimento.

Bonus docenti anche ai precari: cosa prevede l’emendamento approvato al Senato

A dare notizia riguardo all’estensione del bonus docenti per il 2020 è stato uno dei firmatari dell’emendamento, la Senatrice De Petris di Liberi e Uguali. Con lei, hanno sottoscritto l’emendamento anche i Senatori Errani, Grasso, Laforgia, Nugnes e Fattori.

Una misura che garantisce una maggiore dignità agli insegnanti precari, fino ad oggi esclusi dalla possibilità di avere un borsellino elettronico da cui attingere per sostenere le spese necessarie all’aggiornamento e alla formazione.

Tuttavia, l’attuale situazione richiede interventi in merito ed è per questo che l’emendamento punta ad incrementare il fondo da cui si attinge per il bonus docenti (introdotto dall’articolo 1, comma 123, della legge sulla Buona Scuola) di altri 40 milioni di euro limitatamente per l’anno 2020.

Grazie a queste risorse si potrà istituire una carta elettronica - ovvero la Carta del Docente - al fine di “sostenere l’aggiornamento e la formazione del docente delle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado che possiede un contratto a tempo determinato”. Sono esclusi da questa possibilità, però, coloro che hanno contratto a termine con scadenza antecedente al 30 giugno 2020.

Carta docente anche ai precari: come si potrà spendere?

A differenza del bonus docenti di ruolo, però, questo avrà un importo più basso: nell’emendamento, infatti, si parla di una Carta dell’importo nominale di 300 euro annui, da utilizzare per l’acquisto di:

  • libri e di testi, anche in formato digitale
  • pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale
  • hardware e software.

Quindi, così come la Carta del Docente di 500,00 euro, anche i precari potranno utilizzare i 300 euro di bonus per acquistare un PC o un tablet. Inoltre, sempre con questo bonus si potrà pagare l’iscrizione a corsi di aggiornamento presso enti certificati al MIUR.

In ogni caso a somma riconosciuta non costituisce né retribuzione accessoria né reddito imponibile.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Carta del Docente

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories