Disinquinamento del bilancio di esercizio

Il disinquinamento fiscale del bilancio di esercizio, nel linguaggio ragionieristico-fiscale, è rappresentato dall’eliminazione delle interferenze fiscali sul bilancio di esercizio possibili prima della riforma del diritto societario del 2003.

Con la riforma del 2003 sono stati modificati:

  • il comma 2, articolo 2426, del codice civile, nella parte in cui si consentiva al redattore del bilancio di imputare in bilancio le deduzioni fiscali previste dalla normativa tributaria;
  • la normativa fiscale, nella parte del TUIR in cui si parla di reddito d’impresa.

Oggi l’utile di esercizio civilistico è il punto di partenza per la determinazione dell’utile fiscale.
Le variazioni in aumento o in diminuzione della base imponibile avvengono mediante il sistema del cosiddetto doppio binario, ovvero andando a compilare un apposito quadro della dichiarazione dei redditi modello UNICO.

Disinquinamento del bilancio di esercizio, ultimi articoli su Money.it

Bilanci: la gestione civilistica e fiscale della Perdita d’esercizio

Pubblicato il 2 aprile 2020 alle 14:26

Bilancio d’esercizio: esamina della gestione civilistica e fiscale delle perdite di esercizio di soggetti Ires. Analisi delle rilevazione contabili del COVID-19 in seguito ai principi contabili Oic 29 e trasformazione delle perdite in credito di imposta a seguito del DL n. 18 del 17 marzo 2020.