Wind down: i motivi del black out e i meccanismi del probabile rimborso

Vittoria Patanè

28/12/2014

28/12/2014 - 18:00

condividi

Nuovo black out per Wind tra il 27 e il 28 dicembre. Ecco cosa è successo

Wind down: i motivi del black out e i meccanismi del probabile rimborso

Alle ore 19.00 di ieri 27 dicembre un nuovo black out ha colpito la rete Wind. Migliaia le segnalazioni degli utenti provenienti da tutta Italia. I problemi riguardavano la perdita del segnale dati nella connessione mobile da smartphone e tablet. Un guasto molto simile a quello manifestatosi lo scorso 13 giugno che fece molto clamore e causò disagi a parecchi abbonati.

La rete Wind, la rete 3G e la rete ADSL hanno smesso di funzionare in molte zone del Paese, da Roma a Milano, ma anche a Napoli a Palermo. Dopo alcune ore è arrivato il primo comunicato dell’azienda su Facebook:

«Stiamo ricevendo segnalazioni di difficoltà di accesso ad internet in alcune zone d’Italia. I nostri tecnici sono al lavoro per verificare la situazione e risolvere nel più breve tempo possibile».

I problemi sono andati avanti per parecchie ore senza che i tecnici riuscissero a risolverli. Stamattina però, il black out sembra essere stato risolto e alle ore 8.00 Wind ha comunicato che:

Durante la notte i nostri tecnici hanno risolto i problemi di accesso a Internet. Ci scusiamo ancora per il disagio.

Le cause risultano ad ora sconosciute e sono moltissimi gli utenti che si sono già attivati per chiedere un rimborso, anche se nessuna comunicazione ufficiale è ancora arrivata dalle varie associazioni dei consumatori. Per il black out del 13 giugno scorso, Wind ha pagato un costo molto caro: per le ricaricabili, 1 GB di internet gratuito e un bonus pari al 20 % per le ricariche effettuate in 48 ore dopo l’avvio del risarcimento. Per gli abbonati di linea mobile e fissa ADSL Infostrada, uno sconto di 2.50 euro e solo 1 GB gratuito per gli utenti business. Insomma, ben poca cosa e anche per il down di ieri.

Anche in questo caso, il meccanismo potrebbe essere dunque lo stesso.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it