Olimpiadi Invernali 2026: Milano-Cortina, ufficiale la candidatura in tandem

Saranno Milano e Cortina in sinergia a rappresentare l’Italia per l’assegnazione delle Olimpiadi Invernali 2026: ufficiale quindi l’esclusione di Torino.

Olimpiadi Invernali 2026: Milano-Cortina, ufficiale la candidatura in tandem

La notizia l’ha data Attilio Fontana, governatore della Lombardia, trovando conferma poi anche da parte del suo collega veneto Luca Zaia: Milano e Cortina in tandem saranno le candidate dell’Italia per le Olimpiadi Invernali 2026.

Dopo le lunghe polemiche delle scorse settimane, alla fine il Coni ha quindi sciolto ogni riserva proseguendo nella strategia della candidatura unitaria senza però Torino, altra città che inizialmente si era proposta per ospitare la manifestazione iridata.

Milano e Cortina per le Olimpiadi Invernali 2026

Saltato il “tridente” l’Italia ci proverà con il tandem nella corsa all’assegnazione delle Olimpiadi Invernali 2026. Dopo che Torino si è sfilata, il Coni va avanti con Milano e Cortina.

Il Coni ha ufficializzato che la candidatura italiana per i Giochi Olimpici Invernali 2026 sarà quella di Milano-Cortina”. Con queste parole il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha annunciato per primo la scelta di Giovanni Malagò.

Questa mattina ho parlato con il presidente del Coni Malagò - ha confermato poi a stretto giro Luca Zaia governatore del Veneto - il quale mi ha annunciato ufficialmente la sua firma sull’atto di candidatura Milano-Cortina alle Olimpiadi della neve 2026”.

Il Coni quindi ha deciso di proporre al Cio la candidatura delle due città dopo il passo indietro di Torino. Quello che veniva definito come il “piano B” per quanto riguarda l’Italia, è diventato ora il dossier ufficiale da presentare.

I costi

Inizialmente Milano, Torino e Cortina, avevano ognuna pensato di candidarsi per ospitare le Olimpiadi Invernali del 2026. Alle fine il Coni aveva deciso di seguire la strada della candidatura congiunta delle tre città.

A metà settembre però Torino ha deciso di sfilarsi: già poco convinta in partenza, il capoluogo piemontese non aveva accettato che fosse Milano la capofila tra le tre città, ma nella decisione ha pesato soprattutto il disimpegno economico annunciato dal governo.

Tramontato il “tridente” Milano e Cortina hanno però deciso di provare ad andare avanti da sole. I costi per ospitare la manifestazione olimpionica sono stimati in 380 milioni e, al momento, non sono previsti fondi statali.

Non resta che aspettare quindi il 10 settembre 2019, giorno in cui proprio a Milano il Cio deciderà a chi assegnare i Giochi: le altre candidature in ballo dovrebbero essere quelle di Calgary (Canada) ed Erzurum (Turchia).

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Milano

Argomenti:

Milano Sport

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.