Mutui prima casa: disponibile online il modulo per accedere al fondo di garanzia

Manuela Margilio

4 Dicembre 2014 - 16:50

condividi

E’ disponibile sul sito del Dipartimento del Tesoro il modulo per poter richiedere alla banca l’accesso al Fondo di sostegno istituito per favorire l’erogazione dei mutui diretti all’acquisto della prima casa.

Il Mef ha reso noto, mediante un comunicato stampa, che è disponibile dal 27 novembre la modulistica necessaria per poter usufruire dei benefici offerti dal Fondo di garanzia previsto dal Decreto Interministeriale 31.7.2014 e pubblicato in Gazzetta il 29 settembre scorso.
Per i mutui di importo non superiore a 250.000 euro il Fondo concede una garanzia pari al massimo al 50 per cento della quota capitale del mutuo ipotecario che sia finalizzato:

  • all’acquisto di immobili non di lusso da adibire ad abitazione principale;
  • all’acquisto con interventi di ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica della medesima tipologia di immobile.

Modalità di accesso
La modulistica da utilizzare potrà essere scaricata alla pagina del sito del dipartimento del tesoro dedicata al Fondo.
Il soggetto che richiede il mutuo dovrà presentare il modulo alla banca che ha aderito all’iniziativa e alla quale si è richiesto il mutuo. Sarà quest’ultima ad inviare alla Consap spa (società pubblica che si occupa della gestione delle domande) la richiesta di accesso al fondo di garanzia.
Le domande potranno essere presentate a partire dalla fine di dicembre, una volta che la banca abbia assicurato al proprio cliente l’ adesione all’iniziativa e l’operatività della procedura.
Le Banche e gli Intermediari finanziari hanno trenta giorni lavorativi, dal momento della loro adesione all’iniziativa, per erogare il servizo ai cittadini che abbiano i requisiti per beneficiare dell’agevolazione.
L’elenco delle banche aderenti in costante aggiornamento, è disponibile sul sito Abi o su quello di Consap.

Cos’è il Fondo di garanzia
Il Fondo di garanzia è previsto con la legge di stabilità 2014 e succssivamente con il DM 31 luglio 2014 che ne ha disciplinato funzionamento, definendo altresì i soggetti beneficiari delle misure nonchè le modalità di erogazione dei finanziamenti.

Il fondo di garanzia statale costituisce un importante strumento di accesso al credito diretto a favorire l’acquisto della prima casa da parte dei cittadini, con conseguente rilancio del settore immobiliare. Esso copre il 50% del capitale non ancora ammortizzato al momento in cui la banca dovesse chiederne l’escussione.
L’istituzione del fondo ha comportato una dotazione finanziaria di circa 650 milioni di euro.

Chi può fare richiesta?
Possono fare richiesta dell’agevolazione tutti coloro che, alla data di presentazione della domanda di mutuo, non siano proprietari di altri immobili ad uso abitativo, salvo quelli acquisiti per successione mortis causa, anche in comunione con altri successori, e in uso a titolo gratuito a genitori o fratelli.
Con priorità verranno accolte le richieste di giovani coppie, nuclei familiari con un solo genitore e con figli minori, gli assegnatari di case popolari o i giovani con meno di 35 anni e lavori precari.

Iscriviti a Money.it