I vantaggi di investire in Certificates: l’intervista a Silvia Turconi di UniCredit

Intervista a Silvia Turconi, specialista dei certificati in UniCredit durante l’Investing Roma 2017. Perché investire in certificati, quali preferire e secondo quali criteri?

I vantaggi di investire in Certificates: l'intervista a Silvia Turconi di UniCredit

Originariamente pubblicato il 21/09/2017 - Quali sono i vantaggi effettivi dell’investire in certificates? Money.it lo ha chiesto alla specialista Certificates UniCredit, Silvia Turconi, durante l’evento Investing Roma 2017.

Qual è il vantaggio principale nell’investire in certificati? Quali preferire e secondo quali criteri? Investimenti con leva finanziaria o investimenti classici?

Esistono tantissime tipologie di certificati. Esistono certificati dotati di leva finanziaria, ma anche certificati di investimento, che secondo la classificazione Acepi, sono suddivisi in certificati a capitale protetto, condizionatamente protetto o certificati a capitale non protetto. All’interno di ciascuna categoria la scelta è veramente ampia. In linea generale abbiamo riscontrato dai volumi del mercato un interesse crescente verso il capitale condizionatamente protetto e in particolare i certificati della tipologia cash collect, bonus cap e top bonus.

In scenari di mercati azionari in fase laterale con tassi di interesse ai minimi, i certificati della tipologia cash collect, bonus cap e top bonus consentono di ottenere un rendimento superiore a quello obbligazionario, non solo in fase di rialzo del mercato, ma anche in condizioni di moderato ribasso o andamento laterale.
A differenza dei certificati Bonus, il cui rendimento viene corrisposto alla scadenza, il vantaggio dei Cash Collect è di prevedere cedole periodiche, seppur condizionate. Così come condizionata è la protezione del capitale, ovvero a scadenza l’attività sottostante deve essere superiore al livello di barriera per ottenere il rimborso del capitale investito pari a 100€, maggiorato del premio finale.

Perché scegliere UniCredit per investire in certificati?

Siamo presenti sul mercato da quando è nato nel 1998 con una lunga esperienza ed una piattaforma paneuropea. Siamo presenti in diversi mercati europei, questo ci consente di avere tutti gli strumenti per cercare di offrire le migliori soluzioni di investimento e di trading ai nostri investitori su un’ampia gamma di sottostanti. Motivo di orgoglio è offrire il maggior numero di strumenti presenti sul mercato con una varietà di sottostanti che arriva fino ad asset class alternative ed azioni a piccola e media capitalizzazione.

Di recente abbiamo emesso anche certificati con sottostante dei midcap italiani, quali ad esempio Piaggio, Saras, Anima holding e Brembo, proprio perché abbiamo notato un crescente interesse sulle società a media capitalizzazione.

Condividi questo post:

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Certificati

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Commenti:

Potrebbero interessarti

Redazione

Redazione

1 settimana fa

Leonteq lancia un certificato express su E.ON, Enel e RWE, cedola annuale del 9,5%

Leonteq lancia un certificato express su E.ON, Enel e RWE, cedola annuale del 9,5%

Commenta

Condividi

Flavia Provenzani

Flavia Provenzani

3 settimane fa

Cosa sono i certificates? Guida all’investimento

Cosa sono i certificates? Guida all'investimento

Commenta

Condividi

Flavia Provenzani

Flavia Provenzani

3 settimane fa

Certificates come risposta alla bassa volatilità: i consigli di Davide Biocchi

Certificates come risposta alla bassa volatilità: i consigli di Davide Biocchi

Commenta

Condividi