Digital Scenario

Digital Scenario

di Matteo Pogliani

La Nazionale Italiana sui social: quando i calciatori diventano influencer

Matteo Pogliani

29 giugno 2021

La Nazionale Italiana sui social: quando i calciatori diventano influencer

Lo sport risulta sempre più iperconesso all’interno della società. Le tematiche sportive sono discusse online e i calciatori sono diventati un ibrido tra atleti e influencer.

Lo sport è sempre più connesso, anzi iperconnesso. Le tematiche a esso connesse risultano tra gli argomenti più trattati e discussi online con migliaia di contenuti tra video, post, stories.

Per dare un esempio dall’inizio di Euro 2020sono oltre 4 milioni a livello globale i contenuti che hanno trattato la manifestazione.

Ricerche

Un elemento non certo inosservato agli occhi di società e federazioni che da tempo spingono e investono sulla comunicazione digitale, nuovo asset per raggiungere i tifosi, ma soprattutto incrementare opportunità nuove di guadagno.

Basti pensare al progetto dell’NBA legato agli NFT, Top Shots, dove è possibile “comprare” in modo esclusivo e riconosciuto (tramite la tecnologia della blockchain) un’azione avvenuta negli anni su uno dei campi della lega.

Un’evoluzione che segue quella legata agli eSports visti non più come rivali, ma spesso come supporto. Non è infatti un caso che molte delle società di Serie A abbiano un proprio team riconosciuto nel mondo del gaming.

Un’esposizione che si aggiunge a quella già fortissima degli altri media e che ha sancito negli anni la crescita di importanza, anche a livello social, degli atleti, ormai punti di riferimento dalle audience e dalla capacità di interazioni impressionanti.

Gli atleti, gli influencer del domani, oggi

Cristiano Ronaldo, Leo Messi, Lebron James, fenomeni sul campo da gioco, ma anche sulle diverse piattaforme social, con performance d’eccezione che li portano ai vertici delle figure con maggiore impatto al mondo lato social.

Il solo Cristiano Ronaldo vanta oltre 540 milioni di follower nelle differenti piattaforme con circa 6 milioni d’interazioni generate in media solo su Instagram.

grafico

La presenza social degli atleti è ormai una certezza, un elemento che li porta ad andare oltre il loro ruolo di sportivo, diventando in molti casi testimonial preferenziali per brand e rendendoli veri trendsetter, capaci cioè di lanciare e imporre trend o di “validare” marchi e prodotti con la loro forte riprova sociale.

Non deve stupire se a breve le performance lato social saranno uno degli elementi da valutare per le squadre prima di un acquisto, andando ad affiancarsi alle abilità da atleta. Una questione di visibilità e di conseguenti opportunità.

La Nazionale Italiana sui social

Per indagare in profondità questo doppio ruolo di atleta e influencer, l’ONIM, l’Osservatorio Nazionale Influencer Marketing, ha analizzato la presenza in Instagram del gruppo degli azzurri per Euro 2020, valutando fanbase e capacità di engagement.

Lato numero di follower in testa c’è Marco Verratti con circa 5.400.000 utenti che lo seguono ma con un tasso di engagement rate limitato (2,15%).
A seguire ci sono Leonardo Bonucci con 4.500.000 di follower e il capitano della Nazionale, Giorgio Chiellini con 3.900.000 follower.

Anche per loro il discorso non cambia: altissimo il numero di follower, ridotto quello dell’engagement rate.

Il podio dimostra bene quanto l’appeal della squadra di club dove giocano e la partecipazione alle manifestazioni europee più rilevanti come la Champions League siano un elemento capace di spingere fortemente anche la crescita social dei calciatori.

Follower calciatori

Per quanto riguarda il podio dell’engagement rate, a trionfare è l’atalantino Matteo Pessina, con una capacità di engagement molto alta (14,64%) pur trovandosi in penultima posizione a livello di follower base con meno di 100.000 seguaci.

Dopo il capolista Pessina, troviamo due giovanissimi: Bastoni che registra un E.R del 12,14% e Raspadori nella terza posizione con 11,86%.

Un’analisi che conferma come sempre più, il rapporto fanbase-interazioni non sia diretto, anzi. Pessina e Raspadori nonostante siano i meno seguiti (entrambi sotto con una follower base inferiore a 100.000) registrano due E.R tra i più alti. Unica eccezione Bastoni che si posiziona al secondo posto ma registra una follower base che supera i 400.000.

Partecipa alla discussione

Matteo Pogliani

Partner e Digital Strategist di Openbox, agenzia specializzata in Social Media e Influencer Marketing.