Lega: Salvini e Nutella, saranno le nocciole turche ad interrompere lunga storia d’amore’?

Roma, 6 dic. (Adnkronos) - Le nocciole turche avranno la meglio sulla lunga storia di amore tra Matteo Salvini e la Nutella, la crema spalmabile alle nocciole di casa Ferrero? Dopo la confessione del leader della Lega, ieri durante un comizio a Ravenna, è questo l’interrogativo che serpeggia tra i fan della crema più amata nel mondo e che occupa un posto di rilievo nel cuore degli italiani.

Le preferenze culinarie di Salvini sono tornate al centro dell’attenzione, quando, rispondendo a una domanda del pubblico a margine di un suo comizio, ha ammesso di mangiare «pane e salame e due sardine» ma soprattutto di non mangiare più la famosa crema spalmabile. «La Nutella? Ma lo sa signora che ho cambiato? Perché ho scoperto che per la Nutella usa nocciole turche, e io preferisco aiutare le aziende che usano prodotti italiani, preferisco mangiare italiano, aiutare gli agricoltori italiani», ha ammesso Salvini.

Eppure la storia d’amore ai tempi dei social tra Salvini e la Nutella sembrava una storia destinata a durare. «Il mio Santo Stefano comincia con pane e Nutella?? E il vostro??», scriveva il 26 dicembre 2018 l’allora ministro dell’Interno sui social pubblicando una foto mentre addentava pane e Nutella. Il 12 febbraio 2019 si ripeteva mettendo in mostra un barattolo di Nutella (con la scritta ’Oggi sarà meglio di ieri’) augurando ai suoi follower: «Buona giornata Amici. Per molti, ma non per tutti». Solo la scorsa settimana ironizzava sulla caccia ai Nutella Biscuits sul social network dei giovanissimi su TikTok. E ora l’editto contro la Nutella ’rea’ di usare le nocciole turche (l’Italia è il secondo player a livello mondiale con una quota di mercato di circa il 12% della produzione globale di nocciola e segue a distanza la Turchia che rappresenta il 70% del mercato complessivo). Che sia davvero la fine di un amore ce lo dirà il tempo. E probabilmente lo scopriremo presto sui social.

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Argomenti:

politica