Terzo Millennio

Terzo Millennio

di Pierpaolo Bombardieri

Fuori dai salotti romani, un Paese che piange: noi diciamo “Basta”

Pierpaolo Bombardieri

14 dicembre 2021

 Fuori dai salotti romani, un Paese che piange: noi diciamo “Basta”

La politica deve uscire da Palazzi e andare nel Paese reale, confrontarsi con la gente e assorbire i loro problemi. Con lo sciopero lanciamo un messaggio chiaro: non lasciamo nessuno indietro.

Ci rivolgiamo alle tante persone che in queste ultime settimane abbiamo
incontrato sui luoghi di lavoro e nelle piazze, con le lacrime agli occhi, o
ci hanno scritto chiedendo aiuto. E ci rivolgiamo a tutto quel pezzo di
società che non è indifferente al disagio e alle emarginazioni che vede
ogni giorno con i propri occhi e a quanti credono che si possa costruire
una prospettiva diversa per il nostro Paese.

Mentre la UIL era a Tor Bella Monaca ad allargare, con Terzo Millennio, il dialogo intergenerazionale tra madri e padri, lavoratrici e lavoratori, giovani e pensionati, a Milano un altro piccolo ed esclusivo pezzo di società ammirava la prima della Scala sotto applausi scroscianti, affermando che quella era “la prima di tutto il Paese”. No, il Paese reale non va alla prima della Scala. Il Paese reale chiede risposte.

Per questo, giovedì 16 dicembre, in piazza del Popolo a Roma e in tutta
Italia ci ritroveremo per esprimere il dissenso rispetto a una manovra
economica iniqua. Ai cultori del pensiero unico diciamo chemanifestare un’opinione diversa non è un atto di irresponsabilità ma un diritto e anche un arricchimento del dibattito pubblico. Dovrebbero, per questo, ringraziarci, anziché affannarsi a polemizzare. Non ci lasciamo intimidire, lo sciopero si farà e sarà una grande testimonianza di vitalità propositiva.

La politica esca dai palazzi, i commentatori dai salotti e girino con noi le
periferie, dove la povertà si tocca con mano. In questo Paese c’è una situazione sociale che reclama attenzione. Ecco perché prima di tutto rivendichiamo misure sostanziali per le persone che hanno sofferto di più, giovani e donne. Abbiamo chiesto un fisco più equo che contrasti le disuguaglianze, riforme ampie che consentano ai giovani di trovare un’occupazione buona e sicura per progettare la propria vita, di non tornare alla Fornero che tanti danni ha causato a pensionati e lavoratori. Oggi le risorse non mancano e il tema è come si investono: noi chiediamo che vengano indirizzate in una visione di sviluppo diverso e per redistribuire a chi ha meno.

Si abbia il coraggio di dire basta alle logiche di profitto sfrenato, agli aiuti a pioggia alle imprese, alle continue delocalizzazioni e alle arroganze di multinazionali che lucrano indisturbate. È il momento di pensare al Paese reale, alle persone e ai tanti che sono rimasti indietro. Le battaglie si possono anche perdere ma nessuno ci perdonerà per non averle fatte fino in fondo.

Partecipa alla discussione

1 commento

foto profilo

Verce

1 mese fa

Bisogna sempre capire cosa si intende per imprese e avere ben chiaro che piccole-medie imprese e multinazionali non sono la stessa cosa, perché le prime tengono letteralmente in piedi il sistema economico italiano mentre le ultime lo stanno smantellando. I piccoli imprenditori sono a dir poco tartassati dal fisco, chi non è proprietario di una piccola impresa non lo può capire. Quindi quando si parla di smetterla di dare aiuti a pioggia alle «imprese» si specifichi a quali imprese ci si riferisce.

Pierpaolo Bombardieri

Ricercatore, Segretario Generale UIL

Altri blog

Digital Scenario

Digital Scenario

Di Matteo Pogliani

Terzo Millennio

Terzo Millennio

Di Pierpaolo Bombardieri

Archivio