Schermo Viola

Schermo Viola

di Pasquale Borriello

I numeri più importanti degli eSports del 2020

Pasquale Borriello

14 dicembre 2020

I numeri più importanti degli eSports del 2020

Il 2020 è stato l’anno che ha visto esplodere gli eSports e tale tendenza sarà in crescita anche per il 2021.

In questo anno segnato da ripetuti lockdown, l’universo digitale è cresciuto e quindi anche gli esports sono esplosi: sono ormai un fenomeno di massa, ne abbiamo già parlato qui e qui. Se qualcuno di voi avesse ancora dei dubbi sulla consacrazione di questa nuova forma di intrattenimento, ecco alcuni numeri 2020 degli esports davvero impressionanti.

Il 2020 è statol’anno delle console di nuova generazione che promettono di rivoluzionare anche gli esports e l’accoglienza è stata eccezionale. Uno dei record è stato registrato sul sito di Euronics dove si è registrato un «picco» di 100.000 persone in fila per comprare la Playstation 5 (a livello del Bonus Mobilità, per capirci).

La piattaforma più popolare tra gli streamer è sicuramente Twitch: in questi giorni si sta facendo notare Fedez che ha raggiunto 200.000 iscritti e numeri di views davvero notevoli. Per 2 motivi: perché il pubblico non è solo fatto di giovanissimi (il classico pubblico esports) e perché Fedez non si limita a giocare al suo amato NBA 2K21 ma interagisce e racconta alcuni aspetti della sua vita che evidentemente appassionano i suoi fan.

Quest’anno le grandi fiere hanno lasciato spazio agli eventi virtuali e la popolarissima Milano Games Week non ha fatto eccezione. A differenza di molti eventi però, la MGW-X – Xtensive Xperience (questo il nome 2020) ha raggiunto numeri di pubblico impressionanti: oltre 1 milione di visualizzazioni in diretta sui 6 canali Twitch preparati preparati per l’occasione.

Non sarà paragonabile all’eventone di Flushing Meadows a New York dell’anno scorso che ha consacrato Bugha campione mondiale, ma la Super Cup 2021 di Fortnite di quest’anno ha comunque messo in palio 1 milione di dollari in premi.

E sembra che presto torneranno anche gli eventi fisici nelle grandi arene: a Chicago ne stanno costruendo una che potrà ospitare oltre 800 spettatori, per un investimento di 30 milioni di dollari.

Una cifra perfino inferiore a quanto David Beckham ha guadagnato per un accordo che lo vedrà collaborare con FIFA21 come ‘testimonial’ e protagonista del gioco: 45 milioni di dollari per un accordo di 3 anni. Persino di più di quanto guadagnasse da calciatore.

Volano i videogame mobile e la Cina

Ma se guardiamo al mercato, Novembre è stato un mese davvero ricco per l’universo dei videogame mobile: PUBG Mobile ha totalizzato ricavi per oltre 170 milioni di dollari, ben al di sotto dei 230 milioni guadagnati da MOBA Honor of Kings (disponibile però solo in Cina e a Taiwan). Se pensate che sono oltre 5 miliardi i device mobili (tra tablet e smartphone) attivi nel mondo, capirete che il potenziale mobile degli esports è enorme.

La Cina sta investendo pesantemente negli esports: si parla di un investimento da 1 miliardo di dollari per digitalizzare la regione di Wuhan (diventata famosa per l’infausta epidemia di Covid-19), città che ospiterà nel 2021 le finali mondiali di League of Legends. Nota interessante per gli appassionati di social: gli esports non vivono solo su Twitch. Entro fine 2020 infatti saranno oltre 2 miliardi i post su Twitter dedicati agli esports. Una crescita del 100% rispetto a 2 anni fa secondo i dati ufficiali: impressionante.

Il numero più incredibile di tutti è quello raggiunto da Youtube Gaming: nel 2020 sono state viste 100 miliardi di ore di video dedicati ai videogame e agli esports. Nel nostro piccolo, anche noi facciamo segnare una crescita: +1 blog sugli esports quest’anno su Money.it, uno dei siti di news e finanza più popolari in Italia.

Partecipa alla discussione

Pasquale Borriello

CEO di Arkage, tra le prime agenzie di comunicazione in Italia a credere negli esports come piattaforma di comunicazione e membro dell’Osservatorio Italiano Esports.

Altri blog

Finanza Sostenibile

Finanza Sostenibile

Di Giuseppe Montalbano

Il punto di vista della GenZ sulla politica

Il punto di vista della GenZ sulla politica

Di Marta De Vivo e Paolo Di Falco

Startup Act

Startup Act

Di Cristina Crupi