Virgo - The Transparency Blog

Virgo - The Transparency Blog

di Davide Baldi

Crypto-Exchange quale scegliere? Un confronto tra Bitget, Binance e Bybit

Davide Baldi

8 novembre 2022

Crypto-Exchange quale scegliere? Un confronto tra Bitget, Binance e Bybit

Caratteristiche, servizi e vantaggi degli scambi di criptovalute. Una breve analisi.

Il mercato dei crypto-exchange è in continua espansione, con alcuni più popolari per volumi di scambi, altri per le tipologie di servizi di trading e altri ancora per il numero di crypto-pair che offrono. In questo contesto articolato, è necessario effettuare le giuste valutazioni prima di procedere con la scelta della piattaforma di trading che risulta più interessante.

Infatti, ogni crypto-exchange possiede delle proprie caratteristiche che portano dei vantaggi specifici ai trader che ne necessitano. Ecco uno specchietto per confrontare i crypto-exchange di Bitget, Binance e Bybit.

Crypto-Exchange a confronto: le caratteristiche di Bitget

Costituito nel 2018, il crypto-exchange di Bitget offre soluzioni di trading ai suoi 2 milioni di utenti. CoinGecko lo classifica tra i primi cinque exchange a livello globale per volume di trading di derivati, avendo generato oltre 100 miliardi di dollari di volume di trading solo nel 2021.

In generale, Bitget offre servizi di trading Spot, OTC, Futures, Grid, P2P e la possibilità per gli utenti di guadagnare Bitget Token (BGB), mentre per le startup di lanciare le proprie nuove monete sul Launchpad. La piattaforma offre al momento 68 tipi diversi di valute fiat che gli utenti possono depositare per acquistare ben 11 tipologie diverse di criptovalute.

Non solo, Bitget offre ai suoi utenti il Grid Trading che è una strategia di «trading automatizzato di valuta» che consiste nell’acquistare ripetutamente al prezzo «prestabilito», e aspettare che il prezzo vada al di sopra di tale livello per vendere la posizione.

Sia per le aziende che per gli investitori, il servizio di Launchpad consente alle startup di ricevere un supporto per il loro nuovo progetto, mentre per gli investitori c’è la possibilità di acquistare questi token prima che diventino disponibili al pubblico.
Per gli amanti del trading peer-to-peer o P2P, che prevede che un paio di persone vendono o acquistano crypto l’una dall’altra, Bitget offre alcuni vantaggi come:

  • Nessuna commissione;
  • Nessuna combinazione fiat - kyc per utenti e commercianti;
  • Velocità grazie al sistema "SKP”;
  • Più soluzioni (merchant, express, p2p).

Bitget, Binance e Bybit nelle classifiche di CoinGecko

Come anticipato, la scelta del crypto-exchange si basa molto sulle diverse caratteristiche offerte dalla piattaforma e dai suoi competitors.

Così, secondo le classifiche riportate da CoinGecko, tra i tre exchange, se si volesse considerare i volumi di scambi, Binance è il più grande exchange di criptovalute al mondo, seguito poi nella classifica da Bybit (in terza posizione in quella globale) e poi da Bitget (piazzata alla 16esima).

Certo che la situazione potrebbe cambiare se si considerano altri specifici servizi. E infatti, se la classifica fosse basata sul numero di “crypto pairs” offerti dagli exchange, Binance risulta ancora al primo posto con 1449 pairs, seguito da Bitget con 424 e poi Bybit con le sue 335 coppie di trading.

CoinGecko riporta anche la classifica dei crypto-exchange sui Futures, dove mentre Binance Futures rimane sempre primo dei tre exchange per open interest e volume di scambi, al secondo posto c’è ancora una volta Bitget e poi Bybit.

I vantaggi offerti da Bitget sui future: il copy trading

Continuando con la comparazione, se l’utente-trader volesse soffermarsi ad analizzare i diversi crypto-exchange per la loro offerta sui future potrebbe rivalutare lo stesso Bitget, nei confronti di Binance e Bybit.

Ad esempio, mentre con Binance l’utente prende in prestito denaro come margine, con costi più elevati, in Bitget viene utilizzato il contratto Quanto Swap che supporta diverse valute digitali (come BTC, ETH e USDT) come margine per le transazioni, comprese le valute incrociate. In questo modo, si riduce il processo di scambio delle valute digitali e le commissioni di transazione. Al contrario, Bybit non fornisce questa funzione.

Altri punti di forza per i futures su Bitget sono:

  • low-cost, in quanto non ci sono le fee di liquidazione
  • la possibilità di impostare “stop order” quando si è in posizioni aperte e chiuse. In Binance e Bybit questo succede solo con le posizioni aperte e non con quelle chiuse.
  • il reverse trading, non presente in Binance mentre sì in Bybit
  • il supporto al copy trading, non presente né in Binance né in Bybit

E proprio sul copy trading, Bitget offre vantaggi ai suoi utenti, permettendo loro di copiare le operazioni create da trader esperti per generare profitti. La funzione è semplice, chiara e facile da utilizzare anche per gli utenti principianti, oltre che permette il controllo in tempo reale degli ordini di trading effettuati.

Partecipa alla discussione

Davide Baldi

Amministratore e socio di Luxochain, esperto di blockchain