Fiat 500 E, l’utilitaria elettrica sarà prodotta a Mirafiori

La Fiat 500 elettrica arriverà nel 2020: FCA ha annunciato che vedrà la luce nello stabilimento torinese di Mirafiori. come annunciato da Sergio Marchionne. Ecco tutte le informazioni.

Fiat 500 E, l'utilitaria elettrica sarà prodotta a Mirafiori

Fiat 500 E è la versione elettrica dell’utilitaria tra le più vendute non solo in Italia, la cui uscita è prevista per il 2020. Il primo ad annunciare la novità era stato Sergio Marchionne lo scorso 1° giugno, e ora il nuovo CEO del gruppo FCA Mike Manley ha confermato che dal prossimo anno partirà la produzione nello stabilimento di Mirafiori.

La Fiat 500 elettrica arriverà quindi quasi in contemporanea con l’altra regina delle utilitarie, la Smart ForTwo E, che dal 2020 sarà prodotta solo nella versione a zero emissioni.

Inizia quindi una nuova era per FCA, quella dell’elettrificazione della gamma, una tappa inevitabile per ogni costruttore, e sarà proprio il modello di punta a diventare elettrico.
Fiat 500 è un’icona del passato che dal momento del rilancio nel 2008 è diventata un punto fermo dell’industria automotive anche nella sua versione moderna.

Nel 2014 il primo modello elettrico era stato un flop, promosso solo in California. Il simbolo del made in Italy per il segmento delle utilitarie arriverà anche negli Stati Uniti, dove già ha un solido pubblico nella versione a carburante, e in Cina, che si prepara a diventare il primo Paese al mondo per auto elettriche, dove un’utilitaria è sempre apprezzata.

Nonostante finora la casa italo-americana sia ancora un passo indietro sulle nuove tecnologie a basse emissioni rispetto alle concorrenti, con l’elettrificazione del modello più iconico e tra i più venduti, potrebbe mettersi al paro.

Fiat 500 E, scheda tecnica della versione elettrica

Il motore elettrico con il relativo pacco batterie comporterà ingombri e pesi diversi, quindi la prima novità sarà una nuova piattaforma pensata appositamente per i veicoli elettrici di FCA di segmento A, che probabilmente sarà condivisa anche da Fiat Panda.

Le linee saranno le stesse, con qualche dettaglio estetico in più e negli interni, dal momento che scompare il cambio manuale e il cruscotto darà informazioni sull’autonomia residua. Nessuna indicazione finora sulle qualità tecniche, appunto in tema di autonomia e in generale sul motore.

Probabilmente Fiat 500 E inizialmente affiancherà gli altri modelli sul listino, ma con il tempo è destinata a prenderne il posto rimanendo l’unica offerta possibile per il modello 500, declinabile in diverse versioni.

Fiat 500 E, il nodo del prezzo

Nella giornata del 29 novembre, Pietro Gorlier, responsabile per l’area EMEA del gruppo FCA, insieme al CEO Mike Manley hanno annunciato un piano l’Italia da 5 miliardi di euro di investimenti che porterà al lancio di 13 nuovi modelli fra il 2019 e il 2021, comprese nuove motorizzazioni ibride ed elettriche.

Dal momento che Fiat potrebbe rimanere esclusivamente una casa di veicoli commerciali e di utilitarie e citycar, il futuro potrebbe prevedere la 500 E in tutte le sue declinazioni, e la Panda a gas, in un’ottica di motori a zero o basse emissioni che consentiranno a Fiat di crescere in tutto il mondo.

Inizialmente Fiat 500E sarà offerta sul listino con un prezzo maggiore, di circa 22mila euro, una cifra molto più elevata del modello base, a causa del costo delle batterie. Con gli anni, e con eventuali incentivi statali, il prezzo scenderà di alcune migliaia di euro e inizierà la transizione verso la mobilità elettrica.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Auto Elettriche

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.