Prezzo benzina ai massimi dal 2014: come risparmiare?

23 Settembre 2021 - 13:51

condividi

Il prezzo della benzina schizza ai massimi dal 2014 e raggiunge 1,671 euro al litro. Come risparmiare sul pieno?

Prezzo benzina ai massimi dal 2014: come risparmiare?

In Italia il prezzo della benzina e del diesel è ai massimi da 7 anni. Il rilevamento settimanale del Ministero della transizione ecologica - MITE conferma il record con il prezzo della benzina, in modalità self, che raggiunge 1,671 euro al litro. Meglio la diesel che tocca 1,515 euro.

Per trovare cifre simili bisogna tornare con la memoria all’ottobre del 2014 quando un litro di benzina costava in media 1,681 euro.

Prezzo benzina da record

I dati raccolti dal MITE confermano un aumento medio di 8,58 centesimi per la benzina e 6,58 per la diesel. Una vera e propria stangata che precede di pochi giorni quella in arrivo sui prezzi di luce e gas. Con la ripresa delle attività legata al calo dei contagi da coronavirus le economie dei paesi industrializzati fanno i conti con i prezzi delle materie prime. A incidere sul prezzo della benzina, oltre all’aumento del prezzo al barile passato dai 20 dollari al barile del marzo 2020 ai 69,41 di oggi, anche la pressione fiscale.

Come risparmiare sul prezzo della benzina

Di fronte all’aumento del prezzo della benzina tornano quindi utili una serie di rimedi e piccole attenzioni. Adottare uno stile di guida attento aiuta infatti a ridurre in maniera importante i consumi tenendo quindi il portafoglio al riparo dagli aumenti.
Ecco 5 trucchi per risparmiare:

  • Giri motore: nell’utilizzo del cambio, tanto manuale quanto automatico, è consigliabile tenere bassi i giri motore. È quindi preferibile effettuare il cambio marcia senza superare i 2.500 giri per i motori a benzina e i 2.000 per i diesel.
  • Evitare accelerazioni brusche: lo stile di guida incide molto sui consumi, vanno evitare tanto le vigorose accelerazioni quanto le brusche frenate.
  • Spegnere il motore in sosta: se la propria auto non è dotata di start&stop, quando ci si ferma incolonnati nel traffico è consigliabile spegnere il motore per ridurre i consumi e le emissioni inquinanti.
  • Aria condizionata: tenere sempre attivo il condizionatore porta ad un aumento dei consumi fino al 20% poiché si dovrà chiedere maggiore potenza al motore.
  • Pressione delle gomme: buona abitudine, non solo prima di un lungo viaggio, quella di controllare la corretta pressione delle gomme. Tenere una pressione sbagliata, oltre a comportare rischi per la sicurezza, può far salire i consumi del 10%.

Aumento prezzo benzina: consumatori sul piede di guerra

L’incremento del prezzo della benzina preoccupa le associazioni dei consumatori che chiedono l’intervento del governo. Il rischio è quello di aumenti a cascata su tutte le merci legate al trasporto su gomma con importanti ripercussioni sul potere d’acquisto degli italiani.

Secondo l’Unione nazionale dei consumatori, rispetto al 21 settembre 2020, quando la benzina aveva un prezzo di 1.389 euro al litro e il gasolio di 1.267 euro al litro, un pieno di benzina da 50 litri costa in media 14,10 euro in più. Quanto alla diesel il rincaro è di 12,46 euro con un rialzo, rispettivamente, del 20,3% e del 19,7%. Le famiglie italiane dovranno sborsare in media 338 euro in più all’anno per la benzina e 299 euro per il gasolio.

Argomenti

Iscriviti a Money.it