Money.it https://www.money.it/ it SPIP - www.spip.net Money.it https://www.money.it/local/cache-vignettes/L120xH40/siteon0-e5814.png?1495219042 https://www.money.it/ 40 120 Prodi alla BBC: rapporto Italia-UE sta crollando. Referendum vicino? https://www.money.it/Prodi-alla-BBC-rapporto-Italia-UE-referendum https://www.money.it/Prodi-alla-BBC-rapporto-Italia-UE-referendum 2017-07-21T16:00:00Z text/html it Flavia Provenzani Italia Europa (UE) BBC news Immigrazione Uscita dall'Euro News Romano Prodi <p>Romano Prodi, noto europeista, ammette: rapporto Italia-UE sta affondando, gli italiani sono contro Bruxelles per la gestione dei migranti. M5S: referendum in stile Brexit in arrivo.</p> - <a href="https://www.money.it/-Economia-internazionale-" rel="directory">Economia internazionale</a> / <a href="https://www.money.it/+-Italia-+" rel="tag">Italia</a>, <a href="https://www.money.it/+-Europa-UE-+" rel="tag">Europa (UE)</a>, <a href="https://www.money.it/+-BBC-news-+" rel="tag">BBC news</a>, <a href="https://www.money.it/+-Immigrazione-+" rel="tag">Immigrazione</a>, <a href="https://www.money.it/+-Uscita-dall-Euro-+" rel="tag">Uscita dall'Euro</a>, <a href="https://www.money.it/+-News-+" rel="tag">News</a>, <a href="https://www.money.it/+-Romano-Prodi-+" rel="tag">Romano Prodi</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH76/arton48661-749d1.png?1500652809' width='150' height='76' /> <div class='rss_texte'><p><strong>Romano Prodi</strong>, ex primo ministro e noto europeista, ha attaccato la <strong>gestione dei migranti </strong> da parte dell'Unione Europea dicendo che il<strong> rapporto tra l'Italia e l'UE</strong> sta andando «<i>giù, giù, giù</i>».</p> <p>Prodi, che ha guidato il paese dal 2006 al 2008, ha affermato che le imbarcazioni degli stati membri dell'Unione Europea che «salvano» i migranti traghettandoli sulla costa italiana hanno causato una rottura tra l'Italia e Bruxelles.<br class='autobr' /> Ex presidente della Commissione europea dal 1999 al 2004, Prodi ha aggiunto che la <strong>situazione è «disperata»</strong> e che i cittadini italiani danno la colpa proprio all'Unione Europea.</p> <h3 class="spip">Prodi alla BBC: rapporti Italia-UE in bilico</h3> <p>In un'intervista radiofonica al programma <a href="http://www.bbc.co.uk/programmes/b006qj9z" class='spip_out' rel='external nofollow' target="_blank">Today della BBC Radio 4</a>, Prodi ha dichiarato:</p> <blockquote class="spip"> <p>"Il rapporto tra l'Italia e l'Unione europea sta andando giù, giù, giù (is going down, down, down, testualmente dall'inglese, ndr).</p> <p>Quando non si è sicuri si generalizza il proprio atteggiamento. Ovviamente questo è anche un problema per i paesi limitrofi, impegnati a difendere il proprio paese contro possibili problemi di migrazione.<br class='autobr' /> Anche la tensione con i paesi confinanti sta aumentando".</p> </blockquote> <p>Ha aggiunto:</p> <blockquote class="spip"> <p>"Nessuno in Italia riesce a capire perché le navi di molti paesi europei, ad esempio britanniche, svedesi e francesi, salvano i migranti e poi li portano in Italia".</p> </blockquote> <p>La crisi dei migranti sta causando dei forti disordini tra gli italiani che mettono in dubbio le decisioni del governo. Il governo italiano ha invitato l'Unione Europea a fare di più per aiutare il Paese nella lotta alla gestione di migliaia di migranti che sbarcano ogni giorno sulle sponde italiane. Ma il mancato conferimento di nuovi aiuti sta causando l'insorgenza di attriti contro i poteri forti di Bruxelles.</p> <p>Di seguito l'intervento di Prodi alla BBC (<i>in lingua inglese, ndr</i>):</p> <center><iframe src='//players.brightcove.net/2540076170001/r1xbn45iC_default/index.html?videoId=5515489621001#t=4s' allowfullscreen frameborder=0></iframe></center><h3 class="spip">Parlamento rinvia la legge sulla cittadinanza ai migranti</h3> <p>Di recente, il governo italiano ha rimandato il voto sulla concessione della cittadinanza ai figli di immigrati nati in Italia, temendo che le tensioni tra i cittadini italiani possano andare fuori controllo.</p> <p>Il primo ministro Paolo Gentiloni spera di far passare il disegno di legge darà diritti ai bambini alla nascita o dopo almeno cinque anni di frequentazione delle scuole italiane. Tutto è invece rimandato a fine anno.<br class='autobr' /> <strong>Più di 86.000 migranti sono arrivati in Italia dall'inizio dell'anno</strong>, il 10% in più rispetto allo stesso periodo nel 2016.</p> <p>L'immigrazione rimane un problema spinoso che la politica italiana è chiamata ad affrontare, lasciando spazio ad un aumento del malcontento italiano nei confronti dei “vicini” europei, affatto desiderosi di aiutare l'Italia ad affrontare la crisi in espansione.</p> <h3 class="spip">Ipotesi referendum in Italia su UE sempre più vicina</h3> <p>Intanto, il <strong>Movimento 5 Stelle</strong> ne approfitta per tornare a parlare di referendum sull'adesione all'UE, in pieno stile Brexit.<br class='autobr' /> Il membro del M5S Danilo Toninelli ha recentemente dichiarato al programma TV di La7 che il primo ministro Gentiloni dovrebbe considerare la chiamata ad un referendum in Italia sull'UE per dar modo agli italiani di esprimersi sull'appartenenza del Paese al blocco europeo.</p> <blockquote class="spip"> <p>"L'Europa sta crollando da sola. Vorremmo provare a salvarla, ma per cercare di salvarla bisogna prendere decisioni importanti.<br class='autobr' /> E la decisione importante potrebbe essere indire un referendum. Anche se consultivo, è una importante azione politica che consente ai cittadini italiani di mostrare la loro opinione".</p> </blockquote> <p>Negli ultimi mesi il partito di Toninelli è stato particolarmente critico nei confronti dell'UE e gli altri Stati membri a causa del distacco dimostrato verso i problemi dell'Italia, come la minaccia dell'Austria di chiudere il confine per impedire agli immigrati di entrare nel Paese.</p></div> Proroga scadenza versamenti imposte 2017: rettifica decreto MEF in arrivo? https://www.money.it/proroga-scadenza-versamenti-imposte-decreto-mef-novita-rettifica https://www.money.it/proroga-scadenza-versamenti-imposte-decreto-mef-novita-rettifica 2017-07-21T15:10:00Z text/html it Anna Maria D'Andrea Dichiarazione dei redditi MEF Commercialista Imposte News <p>Proroga della scadenza versamenti delle imposte sui redditi fino al 20 agosto 2017 con maggiorazione. Dopo la pubblicazione del comunicato stampa del MEF secondo molti potrebbe arrivare una rettifica entro lunedì prossimo. Ecco perché.</p> - <a href="https://www.money.it/-Imposte-sui-redditi-" rel="directory">Imposte sui redditi</a> / <a href="https://www.money.it/+-Dichiarazione-dei-redditi-+" rel="tag">Dichiarazione dei redditi</a>, <a href="https://www.money.it/+-MEF-+" rel="tag">MEF</a>, <a href="https://www.money.it/+-Commercialista-+" rel="tag">Commercialista</a>, <a href="https://www.money.it/+-Imposte-+" rel="tag">Imposte</a>, <a href="https://www.money.it/+-News-+" rel="tag">News</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH76/arton48646-a804e.png?1500625140' width='150' height='76' /> <div class='rss_texte'><p><strong>Proroga scadenza versamenti imposte sui redditi</strong>: dopo la pubblicazione del <strong>comunicato stampa MEF del 20 luglio 2017</strong> in molti oggi attendevano una rettifica a quanto annunciato. Nessuna novità, ad ora, e pertanto bisognerà attendere per capire se ci saranno ulteriori modifiche al <strong>decreto MEF</strong> o no.</p> <p>Una <strong>rettifica al decreto MEF</strong> si rende quantomai necessaria: per molti si tratta di un'ingiustificata <strong>disparità di trattamento</strong> che, stando a quanto previsto con <strong>comunicato stampa</strong> pubblicato sul sito del Ministero nella giornata di ieri, esclude dalla proroga della scadenza per il <strong>versamento delle imposte senza maggiorazione</strong> i titolari di partita Iva che svolgono attività di <strong>lavoro autonomo e i professionisti</strong>.</p> <p>Il <strong>decreto MEF</strong>, non ancora pubblicato in Gazzetta Ufficiale, ha causato non poche polemiche: la <strong>proroga</strong> per il versamento delle imposte sui redditi è stata fissata al <strong>20 luglio 2017</strong>.</p> <p>Una proroga, in sintesi, che fissa la <strong>scadenza dei nuovi termini</strong> per il <strong>versamento delle imposte</strong> senza maggiorazione al giorno stesso in cui viene comunicata. Critiche e perplessità non mancano e proprio per questo è fortemente attesa per oggi una <strong>rettifica al decreto MEF</strong> reso noto con il comunicato stampa del 20 luglio 2017.</p> <h3 class="spip">Proroga scadenza versamento imposte: rettifica decreto MEF in arrivo?</h3> <p>Il decreto sulla proroga del versamento delle imposte sui redditi è stato annunciato dal <strong>comunicato stampa MEF del 20 luglio 2017</strong>.</p> <p>Nel comunicato si legge tuttavia che la <strong>proroga della scadenza al 20 luglio 2017</strong> riguarda soltanto i <strong>titolari di reddito d'impresa</strong>:</p> <blockquote class="spip"> <p><i>“Slitta al 20 luglio 2017, per i titolari di reddito d'impresa (e, quindi, anche per i soci a cui è attribuito il reddito della società partecipata ai sensi degli articoli 5, 115 e 116 del testo unico delle imposte sui redditi), il termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta 2016 e il versamento del primo acconto.”</i></p> </blockquote> <p>In sintesi, la proroga ridisegna il calendario delle scadenze per il versamento delle imposte sui redditi esclusivamente per i soggetti specificati nel comunicato stampa MEF: <strong>scadenza prorogata al 20 luglio 2017</strong> e al <strong>20 agosto</strong> con l'applicazione della <strong>maggiorazione dello 0,40%</strong>.</p> <p>Insomma, in un giorno solo il MEF ha ufficializzato una <strong>proroga «postuma»</strong> (con comunicato stampa pubblicato alle 15.50 del giorno stesso della scadenza) e con una disposizione che in maniera del tutto ingiustificata è, secondo il CNDCEC e gli addetti ai lavori, <strong>discriminatoria</strong> verso lavoratori autonomi e professionisti.</p> <p>Ed è proprio per questo che è da molti attesa una <strong>rettifica al decreto MEF</strong>, che potrebbe arrivare al massimo entro la giornata di lunedì prossimo per cercare di porre rimedio all'ennesimo <strong>pasticcio fiscale</strong>.</p> <h3 class="spip">Proroga versamento imposte solo per redditi d'impresa. Decreto MEF discriminatorio</h3> <p>A denunciare l'ennesimo pasticcio di un <strong>sistema fiscale sempre più intricato e nevrotico</strong> è stato tra gli altri anche il presidente del CNDCEC Massimo <strong>Miani</strong>, per il quale prorogare il termine per la scadenza del versamento delle imposte soltanto per i titolari di reddito d'impresa è un atto discriminatorio.</p> <blockquote class="spip"> <p><i>“Se il testo del decreto confermerà la concessione del rinvio dei versamenti con la maggiorazione dello 0.40% indistintamente a tutti i titolari di reddito di impresa, si porrà una questione di parità di trattamento. Da questo provvedimento risulterebbero infatti esclusi i soli professionisti, in modo del tutto discriminatorio. La disparità deriverebbe dal fatto che, così facendo, potrebbero usufruire della proroga anche i piccoli imprenditori non interessati dalle novità relative all'applicazione dei nuovi principi contabili nazionali o dell'ACE (le quali attendono ancora l'implementazione delle relative disposizioni attuative), mentre ne sarebbero stati immotivatamente esclusi i professionisti, pur trovandosi nella stessa situazione dei primi.”</i></p> </blockquote> <p>La richiesta è quella di un'immediata <strong>rettifica</strong> del decreto MEF, non ancora pubblicato, che includa nella <strong>proroga per il versamento delle imposte al 21 agosto</strong> (il 20 è domenica) anche i lavoratori autonomi soggetti agli studi di settore.</p> <h3 class="spip">Proroga scadenza 770, Unico e spesometro: le conferme di Casero</h3> <p>Non soltanto la proroga della scadenza per il versamento delle imposte sui redditi; è stato <a href='https://www.money.it/proroga-770-unico-spesometro-versamenti-casero-conferma-ufficiale-scadenze'>confermato ieri dal viceministro dell'Economia Casero</a> che ad essere modificati saranno anche i termini di trasmissione del <strong>modello 770, Unico e dello spesometro</strong> per il primo semestre.</p> <p>Ecco il <strong>nuovo calendario delle scadenze previsto dal MEF</strong>:</p> <ul class="spip"><li> modello 770 e modello Unico al 31 ottobre 2017;</li><li> spesometro I semestre 2017 al 30 settembre (ma è probabile un ulteriore rinvio al 15 ottobre).</li></ul> <p><strong>Casero</strong> avrebbe inoltre confermato l'abolizione dell'obbligo di stampa dei registri Iva. In questo caso ancora non è arrivata alcuna <strong>conferma ufficiale</strong> da parte del MEF, atto che si rende a questo punto immediatamente necessario per evitare che si ripeta il pasticcio della proroga postuma così come avvenuto per la scadenza del versamento delle imposte sui redditi.</p></div> Assegno di maternità comuni 2017: ecco requisiti e come richiederlo https://www.money.it/assegno-di-maternita-comuni-2017-requisiti-domanda-importo https://www.money.it/assegno-di-maternita-comuni-2017-requisiti-domanda-importo 2017-07-21T14:58:24Z text/html it Anna Maria D'Andrea INPS Bonus bebè assegni familiari <p>Assegno di maternità dei comuni 2017: ecco quali sono i requisiti necessari e come richiederlo nel rispetto dei limiti di reddito necessari per accedervi.</p> - <a href="https://www.money.it/-Prestazioni-a-sostegno-del-reddito-94-" rel="directory">Prestazioni a sostegno del reddito</a> / <a href="https://www.money.it/+-INPS-+" rel="tag">INPS</a>, <a href="https://www.money.it/+-Bonus-bebe-+" rel="tag">Bonus bebè</a>, <a href="https://www.money.it/+-assegni-familiari-+" rel="tag">assegni familiari</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH76/arton48672-39c1d.jpg?1500649130' width='150' height='76' /> <div class='rss_texte'><p>Cos'è l'<strong>assegno di maternità dei comuni</strong> e chi può richiederlo nel 2017? Non si tratta del <strong>bonus bebè</strong> o meglio non è il l'assegno mensile destinato alle famiglie con reddito fino a 25.000 euro per la nascita o l'adozione di figli.</p> <p>L'assegno di maternità dei comuni è un incentivo introdotto con il decreto n. 51/2001 e rivolto alle <strong>madri non lavoratrici e disoccupate</strong> che non superino il valore <strong>Isee 2017</strong> di <strong>16.954,95 euro</strong>.</p> <p>L'assegno è concesso dai Comuni ed erogato ai beneficiari dall'Inps. Per beneficiare dell'assegno di maternità 2017 è necessario presentare <strong>domanda</strong> al proprio Comune <strong>entro 6 mesi</strong> dalla nascita o dall'adozione del figlio.</p> <p>Ecco la <strong>guida completa</strong> per richiedere l'assegno di maternità dei comuni nel 2017 e come fare per inviare domanda e ricevere l'<strong>importo</strong> del bonus bebè per mamme non lavoratrici o disoccupate.</p> <h3 class="spip">Assegno di maternità comuni 2017: ecco requisiti e come richiederlo</h3> <p>Possono presentare domanda e ricevere l'<strong>assegno di maternità dei comuni</strong> nel 2017 le mamme prive di impiego o disoccupate con reddito documentato da modello Isee non superiore a 16.954,95 euro. Si tratta del primo e fondamentale requisito necessario: per <strong>redditi superiori</strong> non è prevista l'erogazione dell'importo.</p> <p>Hanno diritto all'assegno di maternità i cittadini <strong>italiani, comunitari o stranieri</strong> con permesso di soggiorno in caso di parto, adozione o affidamento preadottivo.</p> <p>L'assegno di maternità è erogato dai comuni ma viene corrisposto alla richiedente dall'Inps e in un'unica soluzione: l'<strong>importo totale è di 1694 euro</strong>, pari a 5 mensilità di 338 euro circa.</p> <p>Per richiederlo è necessario presentare domanda presso il Comune di residenza. Ecco come fare.</p> <h3 class="spip">Assegno di maternità 2017: come fare domanda al Comune</h3> <p>Per ottenere l'assegno di maternità comunale è necessario presentare domanda entro 6 mesi dalla nascita o, in caso di adozione o affidamento preadottivo, a partire dalla data di ingresso del bambino nella famiglia anagrafica.</p> <p>Le modalità di presentazione della domanda possono variare in base al proprio Comune: ad esempio a <strong>Roma</strong> è possibile inviarla presso i Caf convenzionati e la stessa cosa a <strong>Milano</strong>.</p> <p>In ogni caso è sempre possibile richiedere assistenza gratuita presso i Caf, i quali sapranno fornire tutte le informazioni necessarie; è possibile rivolgersi anche presso la sede del dipartimento dei servizi sociali del Comune.</p> <p>Si ricorda che alla domanda verrà richiesto di allegare l'<strong>attestazione Isee 2017</strong> per valutare il diritto a beneficiare dell'assegno di maternità. Per chi non ne fosse ancora in possesso consigliamo di leggere la nostra guida a <a href='https://www.money.it/isee-2017-dsu-calcolo-documenti-caf'>come richiedere il modello Isee e a quali sono i documenti necessari</a>.</p> <p>Dopo aver inviato domanda il Comune valuterà il possesso dei <strong>requisiti richiesti</strong> e in seguito trasmetterà all'Inps la richiesta di <strong>accredito</strong> sul c\c della richiedente o tramite assegno intestato alla stessa. Le tempistiche possono variare e di solito l'importo viene accreditato entro un massimo di 4 mesi dalla domanda.</p> <h3 class="spip">Assegno di maternità dei comuni: è cumulabile con bonus bebè e bonus mamme?</h3> <p>La risposta è sì. Si può richiedere sia l'<strong>assegno di maternità dei comuni</strong> che il <a href='https://www.money.it/Bonus-mamme-domani-2017-requisiti-domanda-INPS'>bonus mamme domani</a>, erogato senza limiti di reddito a tutte le donne in dolce attesa al 7° mese.</p> <p>Allo stesso modo è ammesso il cumulo con il <a href='https://www.money.it/Bonus-Bebe-2017-Inps-ultime-novita-domanda-requisiti-importi-reddito-Isee'>bonus bebè</a> che, ricordiamo, viene invece erogato entro il limite di 25.000 euro di reddito annuo.</p></div> 5 soluzioni per salvare l'Italia di cui nessuno parla https://www.money.it/L-Italia-puo-essere-salvata https://www.money.it/L-Italia-puo-essere-salvata 2017-07-21T14:49:00Z text/html it Flavia Provenzani Italia Crisi economica News <p>Come può essere salvata l'Italia? Le soluzioni sono tante, a partire dall'istituzione di un dipartimento IT per limitare corruzione e ruberie.</p> - <a href="https://www.money.it/-Approfondimenti-" rel="directory">Approfondimenti</a> / <a href="https://www.money.it/+-Italia-+" rel="tag">Italia</a>, <a href="https://www.money.it/+-Crisi-economica-+" rel="tag">Crisi economica</a>, <a href="https://www.money.it/+-News-+" rel="tag">News</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH85/arton48624-279b1.jpg?1500543920' width='150' height='85' /> <div class='rss_texte'><p>L'<strong>Italia</strong> è un cumulo di difetti: <strong>corruzione</strong>, burocrazia lenta, servizi pubblici inefficienti, crimine organizzato, <strong>tasse troppo alte</strong>, sistema scolastico agli sgoccioli, forti ondate di migranti, razzismo, gap economico tra Nord e Sud e un elenco decisamente più lungo di altri problemi.</p> <p><strong>I problemi dell'Italia possono davvero essere risolti?</strong> Se sì, come?</p> <h3 class="spip">Salvare l'Italia è possibile</h3> <p>Come anticipato, l'Italia soffre di una vasta serie di problemi, ma nei decenni la ricchezza del nostro Paese è aumentata nonostante fosse impegnata a superare innumerevoli prove. Il che lascia spazio ad un'opera di risorgimento di grandi dimensioni.</p> <p><strong>L'energia alternativa</strong><br class='autobr' /> Innanzitutto, l'Italia soffre della mancanza di risorse naturali, soprattutto del petrolio. Inoltre, come Stato, ha deciso di non utilizzare l'energia nucleare il che è un bene se consideriamo l'attuale livello di corruzione nel Paese. Per questo motivo le energie alternative e i superconduttori salveranno il Belpaese, se decidesse di puntarci seriamente. Nonostante tutte le altre nazioni beneficeranno di tali tecnologie, l'Italia avrà il maggior guadagno a confronto, specialmente nel Sud dell'Italia.</p> <p><strong>La corruzione</strong><br class='autobr' /> Un altro enorme problema è la corruzione. Ora, è semplicistico dire che la criminalità organizzata è un fattore fondamentale per la corruzione italiana ma, in un certo senso, è vero. Tuttavia, non diamo il merito al gallo se il sole sorge ogni giorno. La criminalità organizzata rappresenta un onere per il Paese, ma la corruzione ha il proprio epicentro.</p> <p>Un modo per combatterla è<strong> ridurre il numero di leggi attualmente attive</strong>. In Italia ci sono tante leggi obsolete in vigore che possono essere eliminate facilmente e dare così il giusto slancio all'economia. Le leggi che limitano le iniziative private favoriscono solo i capitalisti e non il piccolo imprenditore. Considerate quanto è stupida la legge che afferma che i detenuti con famiglia hanno diritto ad ottenere una pensione: perché? E' chiaro che eliminare delle leggi piuttosto che aggiungerne di nuove potrebbe alleggerire il carico e aiutare l'economia.</p> <p><strong>Il crimine organizzato</strong><br class='autobr' /> Poi, certamente, abbiamo il crimine organizzato. La soluzione è incredibilmente semplice: occorre<strong> osservare dove girano davvero i soldi.</strong> Legalizzare la marijuana in modo da poterla regolare e tassare pesantemente con un'aliquota del 50%, ad esempio, per annientare l'economia sommersa e generare ulteriori ricavi nelle casse dello Stato. Le organizzazioni del crimine organizzato dovranno mettere in piedi un business in regola o avranno difficoltà.<br class='autobr' /> Inoltre, non avremo la metà della popolazione carceraria dietro le sbarre per essere stata colta con piccole quantità di droga.</p> <p>In seguito, occorre varare delle <strong>leggi che puniscano ancora di più la criminalità organizzata</strong> eliminando tutte le possibili «circostanze attenuanti». Inoltre, abbiamo bisogno <strong>di più giudici </strong> che si occupino di più casi e che accelerino così il processo giudiziario.</p> <p><strong>Information Technology (IT)</strong><br class='autobr' /> E' necessario il sostegno di un dipartimento di Information Technology, il cui unico scopo sarà quello di <strong>centralizzare e standardizzare le operazioni</strong> di tutti i comparti del Paese, incluse le città e le province.<br class='autobr' /> Così facendo, nessuna città potrà caricare sul bilancio il costo di una penna da 200 euro o pagare dei consulenti milioni di euro senza essere beccata.<br class='autobr' /> Avendo tutte le attività finanziarie tracciate chiaramente, il crimine organizzato non può mettere le proprie sporche dita sugli affari pubblici senza essere facilmente beccato, il che è legato alla precedente questione sulla lotta alla corruzione. Gli italiani sono tecnologicamente ignoranti su molti livelli, ma il potere dell'IT può aiutare il nostro Paese a risollevarsi.</p> <p><strong>Infrastrutture strategiche</strong><br class='autobr' /> Infine, abbiamo bisogno di infrastrutture, di più e migliori. In Italia ancora utilizziamo i camion per spedire la maggior parte delle risorse, il che è ridicolo. Abbiamo bisogno di più ferrovie per effettuare le spedizioni, e questo significa combattere le lobby del trasporto. Allora abbiamo bisogno di investimenti strategici in infrastrutture come i porti, le autostrade nel Sud, conduttori elettrici migliori e Internet ad alta velocità. Molte imprese nel Sud Italia sono pronte a decollare ma hanno bisogno della logistica per poter essere effettivamente produttive.</p> <p><strong>Conclusioni</strong><br class='autobr' /> Di soluzioni ai problemi dell'Italia ne esistono molte, ma il problema principale in realtà rimane: i nostri <strong>politici</strong>, il vero anello debole della catena-Italia.<br class='autobr' /> Si sentono impotenti nella lotta per salvare l'Italia a livello individuale e accettano di essere corrotti sul piano sociale, per cui le cose continuano ad andare storte.</p> <p><strong>Nel mondo che vorrei è l'Italia ad essere motore d'Europa</strong>, non la Germania. Il popolo italiano deve svegliarsi, credere nel suo potenziale e renderlo il suo obiettivo principale.</p> <p>Basta incolparsi a vicenda: il Sud non deve accusare il Nord di rubare le sue risorse e il Nord deve immediatamente smettere di pensare al Sud come una terra di seconda classe. Siamo tutti un unico Paese e in questa unità possiamo essere al meglio del nostro potenziale.</p></div> Investire in Btp: guida, rischi, vantaggi e tassazione https://www.money.it/Btp-cosa-sono-rischi-vantaggi-tassazione https://www.money.it/Btp-cosa-sono-rischi-vantaggi-tassazione 2017-07-21T14:48:00Z text/html it Flavia Provenzani BTP Obbligazione Titoli Obbligazionari pubblici Coupon-stripping Investimenti Finanza Personale <p>Cosa sono i Btp, come investire e quali sono i rischi e vantaggi dei buoni poliennali emessi dal Tesoro italiano? Tassazione, come comprare e guida completa.</p> - <a href="https://www.money.it/-Risparmio-e-Investimenti-" rel="directory">Risparmio e Investimenti</a> / <a href="https://www.money.it/+-BTP-+" rel="tag">BTP</a>, <a href="https://www.money.it/+-Obbligazione-+" rel="tag">Obbligazione</a>, <a href="https://www.money.it/+-Titoli-Obbligazionari-pubblici-+" rel="tag">Titoli Obbligazionari pubblici</a>, <a href="https://www.money.it/+-Coupon-stripping-+" rel="tag">Coupon-stripping</a>, <a href="https://www.money.it/+-Investimenti-+" rel="tag">Investimenti</a>, <a href="https://www.money.it/+-Finanza-Personale-+" rel="tag">Finanza Personale</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH103/arton10584-b0aa9.jpg?1495219512' width='150' height='103' /> <div class='rss_texte'><p><strong>Cosa sono i Btp</strong> e come investire nei titolo di Stato? Eccone i <strong>vantaggi</strong>, i <strong>rischi</strong> e il regime di <strong>tassazione</strong> applicato, all'interno di una guida che vuole chiarire tutti i dubbi dei risparmiatori che vogliono puntare sui titoli di Stato e decidono di investire in Btp.</p> <p>I risparmiatori scelgono l'acquisto dei Btp poiché sono obbligazioni <strong>garantite dallo Stato italiano</strong> ed offrono una <strong>cedola continua e fissa</strong> fino alla scadenza, momento in cui viene restituita la somma di denaro investito pari al suo valore nominale.</p> <p><a name="btp"></a></p> <div class="sommario"><h3 class="spip">Guida ai Btp: sommario</h3><ul class="spip"><li> <a href="#btp" class='spip_ancre'>Cosa sono i Btp</a></li><li> <a href="#investire" class='spip_ancre'>Investire in Btp</a></li><li> <a href="#vantaggi" class='spip_ancre'>I vantaggi dei Btp</a></li><li> <a href="#rischi" class='spip_ancre'>I rischi del Btp</a></li><li> <a href="#tassazione" class='spip_ancre'>La tassazione dei Btp</a></li><li> <a href="#differenze" class='spip_ancre'>Le differenze tra Btp, Bot, Btp Italia, Cct e CCz</a> </div></li></ul><h3 class="spip">Cosa sono i Btp</h3> <p>I Btp (<strong>Buoni del Tesoro Poliennali</strong>) sono titoli di credito emessi dal Tesoro dello Stato italiano con un raggio di investimento a <strong>medio-lungo termine</strong>. Le scadenze dei Btp sono pari a 3, 5, 7,10, 15 e 30 anni.</p> <p>Il <strong>rendimento del Btp</strong> è dato dalla ricezione delle cedole previste, che vengono erogate solitamente a cadenza semestrale. Al momento dell'acquisto dei Btp l'investitore conosce il livello predeterminato previsto dalla cedola al momento dell'emissione del titolo e rimane costante per tutta la durata del Buono del Tesoro Poliennale.</p> <p>Il risparmiatore attraverso i Btp compra i diritti di un titolo di debito pubblico. L'emissione del Btp ha luogo tramite un'asta, solitamente con cadenza mensile. Sul <strong>MOT, il mercato telematico delle obbligazioni e dei titoli di Stato</strong> è possibile trovare Btp diversi per durata ai prezzi stabiliti dal mercato. Data la dipendenza del valore dai tassi di mercato, i prezzi correnti dei Btp già emessi possono non corrispondere al prezzo della loro emissione.<br class='autobr' /> <a name="investire"></a><br class='autobr' /> L'<strong>investimento minimo in Btp</strong> è di 1.000 euro, importo che va ad aumentare secondo i suoi multipli nel caso il risparmiatore voglia investire una somma maggiore di capitale.</p> <h3 class="spip">Investire in Btp</h3> <p>Per investire in Btp è possibile rivolgersi alla propria banca o al proprio conto di investimento online con accesso al mercato dei titoli di Stato.<br class='autobr' /> E' possibile investire in Btp anche dopo la loro emissione, grazie alla loro presenza sul MOT che permette al compratore di vendere i buoni del tesoro in portafoglio prima della loro scadenza. Allo stesso modo, l'investitore può comprare Btp sul mercato senza attenderne una nuova emissione.<br class='autobr' /> <a name="vantaggi"></a><br class='autobr' /> Data la quotazione del prezzo del Btp sul mercato, la sua quotazione può risultare superiore o inferiore al suo valore nominale.<br class='autobr' /> Il prezzo del Btp varia costantemente nel tempo e segue le regole base dell'incontro tra domanda e offerta, permettendo l'attività di speculazione.</p> <h3 class="spip">I vantaggi del Btp</h3> <p><a name="rischi"></a><br class='autobr' /> La scelta di investire in Btp si basa sulla sua capacità di offrire delle cedole costanti, certe e garantite dallo Stato ogni sei mesi. E' possibile garantirsi un flusso cedolare costante durante tutto l'anno grazie alle varie scadenze disponibili sul mercato. Un altro vantaggio dei Btp è dato dalla loro alta liquidità.</p> <h3 class="spip">I rischi del Btp</h3> <p>Il rischio principale del Btp è quello legato al mercato e alla relativa volatilità del prezzo del titolo di Stato acquistato durante il periodo che intercorre tra l'acquisto e la sua scadenza.</p> <p>Il rischio di discesa del valore dei Btp in portafoglio aumenta all'aumentare della sua durata. Quando i tassi di interesse sui Btp aumentano, il suo prezzo scende. Al contrario, una riduzione dei tassi permette un aumento del prezzo del Btp. Il risparmiatore spera in un calo della quotazione così da generare una differenza positiva tra i rendimento derivante dalle cedola e il valore di mercato.<br class='autobr' /> <a name="tassazione"></a><br class='autobr' /> I Btp più rischiosi presenti sul mercato sono i titoli con scadenza a lungo termine, pari a 15 e a 30 anni. Con un raggio di investimento simile, è preferibile optare per i titoli di Stato a tasso variabile, per i quali la cedola varia seguendo i movimenti dei rendimenti del mercato. <br class='autobr' /> A compensare parte del rischio legato all'investimento in Btp è la garanzia del rimborso del valore nominale dei titoli in portafoglio al momento della loro scadenza.</p> <h3 class="spip">La tassazione del Btp</h3> <p><a name="differenze"></a><br class='autobr' /> Lo Stato ha previsto una tassazione agevolata per il Btp rispetto alle aliquote previste per altri strumenti finanziari. <strong>La tassazione sui Btp è del 20%</strong>, a differenza del 26% applicato attualmente su capital gain, rendite, ecc.</p> <h3 class="spip">Le differenze tra Btp, Bot, Btp Italia, Cct e CCz</h3> <p>Esaminiamo le differenze tra i Btp e gli altri titoli emessi dal Tesoro.</p> <p><strong>Differenza tra Btp e Bot</strong><br class='autobr' /> I due titoli variano in dipendenza della durata e del rendimento. I BOT sono dei buoni ordinati del tesoro ed hanno una durata molto più breve rispetto alle scadenze proposte sul Btp, dai 3 a 12 mesi. I Bot non prevedono un rendimento cedolare poiché il prezzo di vendita è inferiore al loro valore nominale.<br class='autobr' /> Nel caso del Bot, il risparmiatore compra a 99 ciò che vale 100, ad esempio. Al momento della scadenza, lo Stato paga 100, permettendo al risparmiatore di guadagnare sulla differenza.</p> <p><strong>Differenza tra Btp e Cct</strong><br class='autobr' /> I Cci sono Certificati di Credito del tesoro con durata fissa a 7 anni. Garantiscono una cedola semestrale calcolata in base all'andamento di mercato dei Bot con scadenza a sei mesi con una sopravvalutazione dello 0.15%. A differenza del Btp, il Cct deve il suo valore all'andamento corrente del mercato.</p> <p><strong>Differenza tra Btp e CTZ</strong><br class='autobr' /> I CTZ sono Certificati del Tesoro Zero Coupon seguono lo stesso funzionamento del Bot ma differiscono per durata. Il CTZ ha una durata di 2 anni, non prevede cedole ma fornisce un'opportunità di guadagno sulla differenza tra il valore nominale a scadenza e il prezzo di acquisto.<br class='autobr' /> Non hanno una cedola di interesse in quanto , come nei Bot, il guadagno si stabilisce sulla differenza tra valore nominale e valore di acquisto e si percepisce interamente alla scadenza dello stesso.</p> <p><strong>Differenza tra Btp e Btp Italia</strong><br class='autobr' /> I <a href='https://www.money.it/+-BTP-Italia-+'>Btp Italia</a> sono dei titoli di stato indicizzati all'inflazione, il cui rendimento è dato dalle cedole semestrali al netto dell'incidenza del tassi di inflazione.</p></div> Chi è la moglie di Macron? Biografia, foto ed età di Brigitte Trogneux https://www.money.it/chi-moglie-Macron-biografia-foto-eta-Brigitte https://www.money.it/chi-moglie-Macron-biografia-foto-eta-Brigitte 2017-07-21T14:44:00Z text/html it Alessandro Cipolla Francia Elezioni Francia 2017 Emmanuel Macron <p>Chi è la moglie di Macron? Biografia, età, foto e storia d'amore di Brigitte Trogneux, la nuova first lady di Francia più grande di 24 anni rispetto al marito.</p> - <a href="https://www.money.it/-Politica-Internazionale-" rel="directory">Politica Internazionale</a> / <a href="https://www.money.it/+-Francia-+" rel="tag">Francia</a>, <a href="https://www.money.it/+-Elezioni-presidenziali-in-Francia-+" rel="tag">Elezioni Francia 2017</a>, <a href="https://www.money.it/+-Emmanuel-Macron-+" rel="tag">Emmanuel Macron</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH101/arton46592-29c37.png?1495219614' width='150' height='101' /> <div class='rss_texte'><p><strong>Chi è la moglie di Macron?</strong> Biografia, età e storia d'amore di <strong>Brigitte Trogneux</strong>, dolce metà ed ex insegnante del leader di En Marche! il trionfatore delle <a href='https://www.money.it/Risultati-Elezioni-Francia-2017-exit-poll-sondaggi-candidati'>elezioni Francia 2017</a> e più piccolo di 24 anni rispetto a sua moglie.</p> <p>Oltre alla discussione politica, il voto delle presidenziali francesi ha fatto scoprire al mondo intero <strong>Brigitte Trogneux</strong>, moglie di <a href='https://www.money.it/Emmanuel-Macron-chi-e-candidato-indipendente-presidenziali-Francia'>Emmanuel Macron</a> che al ballottaggio del 7 maggio ha superato <a href='https://www.money.it/marine-le-pen-chi-e-candidata-elezioni-presidenziali-Francia'>Marine Le Pen</a> nella corsa verso l'Eliseo.</p> <p>Come spesso accaduto in <strong>Francia</strong>, la cronaca politica delle elezioni si è arricchita di quella rosa, con la storia d'amore molto particolare tra <strong>Emmanuel Macron </strong> e sua moglie Brigitte Trogneux che sta facendo parlare di sé tanto quanto i dibattiti inerenti ai temi politici.</p> <p>Chi è allora la moglie di Macron? Scopriamo di più su <strong>Brigitte Trogneux</strong>, la nuova first lady di Francia passata dall'insegnare francese in un liceo di provincia alla ribalta mondiale.</p> <p><span class='spip_document_21076 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH280/brigitte-trogneux-macron-64b26.jpg?1500648321' width='500' height='280' alt="" /></span></p> <h3 class="spip">Chi è la moglie di Macron? Biografia e storia d'amore di Brigitte Trogneux</h3> <p><strong>Brigitte “Bibi” Trogneux </strong> nasce il 13 aprile del <strong>1953</strong> ad Amiens, cittadina del Nord della Francia quasi al confine con il Belgio. Proveniente da una famiglia alto borghese, corona le sue grandi passioni della letteratura e del teatro diventando <strong>insegnante</strong> di francese.</p> <p>Sposata con un medico e madre di <strong>tre figli</strong>, Brigitte Trogneux all'età di 39 anni era una insegnante di francese e latino presso il liceo gesuita La Providence di Amiens, dove teneva anche un corso di <strong>teatro</strong>.</p> <p>Proprio durante le lezioni su “L'arte della commedia” di Eduardo Di Filippo, Brigitte conosce il giovane e brillante studente <strong>Emmanuel Macron</strong>, che nonostanbte i <strong>24 anni di differenza</strong> da subito si innamora in maniera folle della sua professoressa.</p> <p>Quella che poteva sembrare una cotta di uno studente per la sua insegnante invece diventa qualcosa di più serio. <strong>Emmanuel Macron</strong> continua a corteggiare Brigitte anche terminato il liceo, quando si era trasferito a <strong>Parigi</strong> per studiare alla Scuola Nazionale di Amministrazione.</p> <p>In quegli anni <strong> Brigitte Trogneux </strong> cede alle lusinghe del suo giovane ex studente, iniziando con lui una relazione che la porterà a <strong>divorziare</strong> dal marito e a <strong>sposare</strong>, nel 2007, Emmanuel Macron.</p> <p>Una storia che sembrerebbe uscita da un romanzo rosa, vista la grande differenza di età tra i due. Brigitte Trogneux ha tre figli, il maggiore dei quali ha <strong>due anni di più di suo marito</strong>, mentre il secondogenito è coetaneo.</p> <p>Una famiglia allargata che ha comunque accettato la storia d'amore, con i giornali francesi che parlnoa di un Emmanuel Macron molto legato ai <strong>sette nipoti</strong> di sua moglie, nonostante pare che il politico non desideri avere figli propri.</p> <p>Nelle tante uscite pubbliche delle coppia, i due sono sempre apparsi molto innamorati, con diversi giornalisti che hanno definito <strong>Brigitte Trogneux</strong> come l'autentico deus ex machina della discesa in campo nella politica francese del marito.</p> <p><span class='spip_document_21078 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH334/emmanuel-macron-brigitte-trogneux-14722.jpg?1500648322' width='500' height='334' alt="" /></span></p> <h3 class="spip">Chi è la moglie di Macron? Le elezioni in Francia</h3> <p><strong>Brigitte Trogneux</strong> non è semplicemente la moglie di Emmanuel Macron, ma anche la sua più fidata e ascoltata <strong>consigliera</strong> politica, tanto che la donna nel 2015 ha deciso di lasciare l'insegnamento per seguire a tempo pieno la carriera del marito.</p> <p>Se i giornali scandalistici sono sempre attenti al <strong>look aggressivo e sexy</strong> di Brigitte, quelli politici parlano di lei come una sorta di spin doctor del marito, da poco diventato il più giovane Presidente delle repubblica della storia francese.</p> <p>Il primo turno del 23 aprile ha visto essere <strong>Emmanuel Macron</strong> il più votato dai francesi con il 23,8% delle preferenze. Al <strong>ballottaggio</strong> del 7 maggio contro <strong>Marine Le Pen</strong>, è arrivato poi il trionfo raccogliendo oltre il 60% delle preferenze.</p> <p>La vittoria di Macron è stata una sorta di <strong>miracolo politico</strong> dove Brigitte ha avuto un ruolo decisivo fin dalla decisione di creare <strong>En Marche!</strong>, il movimento che fa capo al marito.</p> <p><span class='spip_document_21317 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH267/macron-moglie-louvre-de542.jpg?1500648322' width='500' height='267' alt="" /></span></p> <p>Dopo aver lavorato in prestigiosi istituti finanziari, Emmanuel Macron nel 2015 diventa <strong>ministro dell'economia</strong> del governo Valls, per poi però decidere di staccarsi dal governo socialista e di dare vita al proprio movimento politico.</p> <p>Si vocifera che sia stata proprio la moglie a suggerire a Macron di correre da subito come candidato alla presidenza e di <strong>non aspettare cinque anni</strong>, in quanto nel 2022 la <strong>differenza d'età</strong> tra i due sarebbe stata ancora più evidente e questo sarebbe potuto essere un punto a suo sfavore.</p> <p>Più in generale, <strong>Brigitte</strong> partecipa ad ogni riunione del marito, anche se in pubblico non interviene mai quando è in sua presenza. In privato però, la sua opinione conta più di quella di ogni altro consigliere di Macron.</p> <p>Oltre all'appoggio dichiarato da parte di Repubblicani e Socialisti, <strong>Macron</strong> sembrerebbe aver goduto anche dell'alto gradimento che la moglie starebbe riscuotendo tra i francesi, per nulla contrari a questa storia d'amore così particolare.</p> <p>Dal canto suo, <strong>Brigitte</strong> si era fatta sfuggire qualche dichiarazione parlando già da moglie del Presidente anche prima del ballottaggio, confidando alla stampa di ispirarsi per tale ruolo alla figura di <strong>Carla Bruni</strong>.</p> <p>La figura di Brigitte Trogneux non è sfuggita neanche a <strong>Charlie Hebdo</strong>, la rivista satirica francese la cui redazione di Parigi fu vittima due anni fa di un terribile attentato terroristico ad opera dell'Isis.</p> <p>Charlie Hebdo infatti, dopo la vittoria di Macron al ballottaggio contro la Le Pen, ha <strong>dedicato la copertina alla coppia presidenziale</strong>, disegnando una Brigitte incinta di fianco al marito, con la scritta «Lui farà dei miracoli» a fare capolino.</p> <p><span class='spip_document_21318 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH421/vignetta-moglie-macron-f41ee.jpg?1500648322' width='500' height='421' alt="" /></span></p> <p>Una vignetta che ha provocato una generale <strong>indignazione sui social</strong>, con molte proteste che si sono levate contro la rivista satirica e a sostegno di Brigitte, con il disegno che è stato bollato come <strong>sessista e di cattivo gusto</strong>.</p> <p>Altra battuta molto poco gentile è arrivata poi anche da <strong>Silvio Berlusconi</strong>, impegnato in un incontro a Monza dove tra i tanti argomenti si è parlato anche delle recenti elezioni in Francia.</p> <p>Riferendosi a Macron, Berlusconi infatti ha detto che il nuovo Presidente francese <strong>ha soprattutto una bella mamma</strong> che lo porta sotto braccio fin da quando era un bambino.</p> <p>Una ennesima mancanza di stile che rimarca come, nel bene o nel male, ormai è il mondo intero che disquisisce attorno <strong>alla figura di Brigitte Trogneux</strong> e sulla sua storia d'amore con il marito.</p> <iframe width="460" height="320" src="https://www.youtube.com/embed/85cqMWDTM-I" frameborder="0" allowfullscreen></iframe> <p>Anche <strong>l'attenzione delle riviste di gossip</strong> nei suoi confronti è cresciuta a dismisura, con ogni suo <strong>look</strong> che viene come sezionato dal web e da trasmissioni televisive. A prescindere dalla vittoria elettorale del marito, tra i nostri cugini transalpini è già scoppiata la Brigitte-mania.</p> <p>A giugno poi Brigitte ha dimostrato di essersi calata perfettamente nel suo nuovo ruolo di first lady, ricevendo da sola senza il marito <strong>Mary di Danimarca</strong>, moglie del principe ereditario Frederick.</p> <p><span class='spip_document_21643 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH263/brigitte-macron-vince-il-duello-delle-gambe-contro-la-principessa-mary-di-danimarca-0c30e.jpg?1500648322' width='500' height='263' alt="" /></span></p> <p>Più che sul contenuto del loro incontro, l'attenzione dei media si è concentrata tutta sul <strong>look delle due lady</strong>: aggressivo quello della signora Macron mentre decisamente più sobrio quello della bella principessa.</p> <p>Se la signora Macron ormai sembrerebbe essere ormai a tutti gli effetti sempre più padrona di casa all'<strong>Eliseo</strong>, il marito continua a macinare consensi nel paese e a ottenere vittorie elettorali.</p> <p>Le elezioni infatti per eleggere i rappresentati dell'Assenblea Nazionale hanno visto trionfare di nuovo <strong>En Marche!</strong>, che ha ottenuto la maggioranza assoluta conquistando 350 deputati su 577.</p> <p> Brigitte per l'occasione si è recata al voto non con il marito ma con <strong>Tiphaine Auzière</strong>, la più piccola dei suoi tre figli anche lei impegnata nel partito di Macron con cui i rapporti sono più che ottimi.</p> <p><span class='spip_document_21800 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH323/figlia-brigitte-ab2d1.jpg?1500648322' width='500' height='323' alt="" /></span></p> <p>Anche al <strong>G20 di Amburgo</strong> non poteva mancare la sua presenza. Nonostante un look come al solito sempre impeccabile, la signora Macron però è stata oggetto di commenti preoccupati per una eccessiva magrezza sfoggiata.</p> <p><span class='spip_document_22013 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH345/brigitte-macron-g20-9d831.jpg?1499778495' width='500' height='345' alt="" /></span></p> <p>Grandi attenzioni anche il 14 luglio, giorno di festa in Francia che è coinciso con la visita a Parigi di <strong>Donald Trump</strong>. Più che i capi di stato, i fotografi hanno inseguito più le due mogli, con lady Macron che ha sfoggiato un vestito decisamente più audace rispetto alla bella <strong>Melania</strong>.</p> <p><span class='spip_document_22122 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH250/melania-brigitte-439e3.jpg?1500648322' width='500' height='250' alt="" /></span></p> <p><strong>Brigitte Trogneux</strong> è diventata ora quindi a tutti gli effetti la <strong>first lady di Francia</strong>, aggiungendo così un nuovo capitolo a questa storia d'amore molto particolare ma altrettanto bella che sembra essere uscita dalle pagine di un romanzo sentimentale.</p></div> Banche: fondo Atlante verso liquidazione. Le prospettive future https://www.money.it/fondo-Atlante-liquidazione-che-succede-adesso-banche-venete https://www.money.it/fondo-Atlante-liquidazione-che-succede-adesso-banche-venete 2017-07-21T14:35:00Z text/html it Cristiana Gagliarducci Banche Banca Popolare di Vicenza Veneto Banca <p>Il fondo Atlante (ossia il salva banche) si avvia verso la liquidazione. Il salvataggio di Veneto Banca e Popolare di Vicenza è stato troppo: il fondo non ha retto.</p> - <a href="https://www.money.it/-Notizie-Economiche-" rel="directory">Notizie Economiche</a> / <a href="https://www.money.it/+-Banche-+" rel="tag">Banche</a>, <a href="https://www.money.it/+-Banca-Popolare-di-Vicenza-+" rel="tag">Banca Popolare di Vicenza</a>, <a href="https://www.money.it/+-Veneto-Banca-+" rel="tag">Veneto Banca</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH85/arton48654-e34c0.png?1500631847' width='150' height='85' /> <div class='rss_texte'><p>Il <strong>fondo Atlante</strong> sta per imboccare la via della <strong>liquidazione</strong>.</p> <p>La colpa? Tutta di <strong>Veneto Banca e Popolare di Vicenza</strong>, per il salvataggio delle quali Atlante ha sborsato svariati miliardi di euro rivelatisi poi praticamente inutili.</p> <p>Per rimandare la liquidazione coatta delle due venete il fondo ha messo mani al portafogli con ben <strong>3,4 miliardi di euro</strong>. Con l'azzeramento dei due istituti quel denaro è presto scomparso, Quaestio ha svalutato il fondo dell'80% ed ha altresì aperto le porte alla liquidazione dello stesso.</p> <p>Dai brillanti obiettivi che hanno preceduto la sua creazione, fino all'odierna ipotesi liquidazione, ecco tutte le tappe che hanno portato all'odierna inevitabile e discussa crisi. Cosa accadrà ora?</p> <h3 class="spip">Fondo Atlante: diario di una crisi</h3> <p>Il fondo Atlante nasce nell'aprile del 2016 per mano <strong>del Governo italiano</strong> con l'obiettivo di creare un soggetto pronto ad intervenire e risolvere le crisi bancarie sostenendo aumenti di capitale e rilevando crediti in sofferenza. Dall'agosto del 2016 gli viene affiancato anche un fondo Atlante 2. A gestirli entrambi è la società Quaestio.</p> <p>Grazie a quasi 70 investitori privati, Atlante parte con una <strong>dotazione di circa 4,25 miliardi</strong> di euro che saranno in seguito praticamente prosciugati da Veneto Banca e Popolare di Vicenza.</p> <p>Un mese dopo la nascita, il fondo Atlante 1 da vita a quelle operazioni che un anno dopo renderanno sempre più vicina l'ipotesi liquidazione. Al centro della questione sempre loro, le banche venete, che nella primavera dello stesso anno danno vita a due aumenti di capitale ai quali il fondo arriva con a malapena <strong>3,5 miliardi raccolti</strong>.</p> <p>Siamo nel mese di maggio 2016, <strong>Popolare di Vicenza</strong> emette 15 miliardi di azioni ad un prezzo di 0,10 euro. Atlante 1 le sottoscrive per intero e sborsa 1,5 miliardi di euro.</p> <p>Arriviamo poi a giugno 2016. Si passa a <strong>Veneto Banca </strong> che in quell'occasione decide di emettere ben 10 miliardi di azioni ad un prezzo di 0,10 euro ciascuna. Atlante 1 ne sottoscrive circa 9,8 miliardi e questa volta sborsa più di 988 milioni.</p> <p>Al termine di queste operazioni il fondo Atlante possiede il 99,33% di Popolare di Vicenza e il 97,64% di Veneto Banca. Il <strong>rovescio della medaglia</strong>? I due istituti veneti hanno quasi prosciugato le disponibilità economiche dello stesso Atlante.</p> <p>Il soggetto creato in tempi rapidissimi e appositamente per istituti come Veneto Banca e Popolare di Vicenza è stato <strong>messo in ginocchio</strong>. Per Quaestio l'ipotesi liquidazione sul fondo Atlante 1 appare la più plausibile ad oggi.</p> <h3 class="spip">Cosa succede adesso?</h3> <p>Secondo quanto reso noto nelle ultime ore, al 30 giugno 2017 il valore unitario della quota del fondo Atlante è stato determinato in <strong>€78.100,986</strong>. Dato l'azzeramento di Veneto Banca e Popolare di Vicenza e la svalutazione dell'80% rispetto al valore nominale, la cifra corrisponde all'investimento in Atlante 2 di circa 800 milioni.</p> <p>Dopo la svalutazione, la liquidazione appare la via più probabile per Quaestio. Cosa accadrà adesso? La mossa sarà <i>“analizzata e discussa con i rappresentanti degli investitori”</i> e sicuramente porterà non poca attenzione sul futuro del gemello. La vecchia via sarà abbandonata soltanto in parte, dicono. Il <strong>fondo Atlante 2</strong> cambierà nome, infatti, ma continuerà ad occuparsi di crediti in sofferenza.</p></div> Messa a disposizione 2017-2018: conviene inviarla? Fac-Simile e consigli per docenti e ATA https://www.money.it/Messa-a-disposizione-2017-2018-domanda-modulo-Fac-Simile-docenti-personale-ATA https://www.money.it/Messa-a-disposizione-2017-2018-domanda-modulo-Fac-Simile-docenti-personale-ATA 2017-07-21T14:02:00Z text/html it Simone Micocci Opportunità di lavoro Precariato Scuola Insegnanti Personale ATA <p>Messa a disposizione 2017: modello da compilare, scuole a cui inviare la domande e migliori opportunità. La guida completa per inviare la MAD per l'anno scolastico 2017-2018 nel modo corretto.</p> - <a href="https://www.money.it/-Scuola-154-" rel="directory">Scuola</a> / <a href="https://www.money.it/+-Opportunita-di-lavoro-+" rel="tag">Opportunità di lavoro</a>, <a href="https://www.money.it/+-Precariato-+" rel="tag">Precariato</a>, <a href="https://www.money.it/+-Scuola-+" rel="tag">Scuola</a>, <a href="https://www.money.it/+-insegnanti-+" rel="tag">Insegnanti</a>, <a href="https://www.money.it/+-Personale-ATA-+" rel="tag">Personale ATA</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH76/arton38488-36c27.png?1497008376' width='150' height='76' /> <div class='rss_texte'><p>La <strong>messa a disposizione</strong> è l'istanza informale che può essere presentata, presso tutte le scuole italiane, da chi vuole <strong>diventare insegnante</strong> o <i>personale ATA</i>.</p> <p>Con la messa a disposizione, però, non ci si candida per un posto di ruolo, ma solo per una <strong>supplenza</strong>. Possono presentare la MAD per l'a.s. 2017-2018, quindi, tutti coloro che vogliono candidarsi per una supplenza come:</p> <ul class="spip"><li> Docente;</li><li> Assistente tecnico;</li><li> Assistente amministrativo;</li><li> Collaboratore scolastico.</li></ul> <p>Per inviare la MAD non sono richieste abilitazioni particolari, l'importante è avere il <strong>titolo</strong> richiesto per ricoprire il ruolo per il quale ci si candida. Chi vuole <a href='https://www.money.it/Come-diventare-insegnanti-nel-2016-guida-studi-abilitazione-concorso-scuola'>diventare insegnante</a>, quindi, deve avere il titolo necessario per l'iscrizione ad una classe di concorso, mentre per il personale ATA bisogna attenersi alla seguente tabella.</p> <p>La domanda di messa a disposizione per l'a.s. 2017-2018 (ne trovate un <strong>Fac-Simile</strong> nell'articolo) va inviata alla scuola dove si vuole lavorare tramite uno dei seguenti canali:</p> <ul class="spip"><li> consegna a mano;</li><li> raccomandata a/r;</li><li> <a href='https://www.money.it/ricerca-PEC-impresa-professionisti'>email all'indirizzo PEC</a>.</li></ul> <p>Il problema per molti è capire in quali periodi è meglio inviare la richiesta di messa a disposizione e quali linee guida seguire. Precisiamo nuovamente che la domanda di messa a disposizione è una <strong>candidatura spontanea</strong> che i futuri professori, o ATA, inviano alle scuole nella speranza di essere chiamati per sostituzioni, <strong>supplenze</strong> di breve durata e corsi di recupero.</p> <p>Spesso infatti gli istituti si trovano in difficoltà per la <strong>mancanza di personale</strong> e cercano di sopperire attingendo con coloro che si sono proposti mediante messa a disposizione. I momenti migliori per inviare i moduli della domanda sono infatti a ridosso dei periodi di chiusura e nei momenti dell'attuazione dei corsi di recupero.</p> <p>Per risolvere i problemi che molti riscontrano nella compilazione di questa domanda abbiamo quindi deciso di creare una <strong>guida completa per la messa a disposizione 2017</strong>, con allegato un file che si può scaricare e inviare tramite i canali suddetti.</p> <div class="sommario"><h3 class="spip">Messa a disposizione: sommario</h3><ul class="spip"><li> <a href="#1" class='spip_ancre'>Dove conviene?</a></li><li> <a href="#invio" class='spip_ancre'>Messa a disposizione: come inviarla</a></li><li> <a href="#scriverla" class='spip_ancre'>Come scrivere la MAD 2017</a></li><li> <a href="#quando" class='spip_ancre'>Quando inviare la domanda di messa a disposizione</a></li><li> <a href="#scuole" class='spip_ancre'>Come scegliere le scuole a cui inviare la MAD?</a></li><li> <a href="#conviene" class='spip_ancre'>Conviene inviare la domanda di messa a disposizione?</a></li><li> <a href="#consigli" class='spip_ancre'>Consigli per inviare la MAD</a></li><li> <a href="#GdI" class='spip_ancre'>Come essere chiamati per una supplenza senza inviare una MAD?</a> </div></li></ul> <p><a name="1"></a></p> <p>Tutte le risposte alle vostre domande e ai vostri dubbi le potrete trovare di seguito, in modo da inviare la vostra messa a disposizione in modo corretto.</p> <h3 class="spip">Messa a disposizione 2017-2018: dove conviene?</h3> <p>Nelle ultime ore sono state svelate le <a href='https://www.money.it/Immissioni-in-ruolo-2017-2018-i'>tabelle con i posti disponibili</a> per le immissioni in ruolo 2017-2018, a seconda della provincia e della classe di concorso.</p> <p>Come possiamo vedere dalle tabelle, circa <strong>51mila docenti</strong> potrebbero essere assunti di ruolo, mentre i posti che resteranno vacanti saranno assegnati tramite supplenza.</p> <p>Per le supplenze, avranno la precedenza i docenti iscritti nelle <strong>Graduatorie ad Esaurimento</strong>, poi quelli della <strong>II fascia delle Graduatorie d'Istituto</strong> e infine della <strong>III fascia</strong>.</p> <p>Solo nel caso in cui dallo scorrimento delle varie graduatorie non si riesca ad assumere - con contratto a tempo determinato - tanti supplenti quanti sono i posti vacanti i dirigenti scolastici potranno chiamare un docente che ha presentato la <strong>domanda di messa a disposizione</strong>.</p> <p>Tra le classi di concorso dove c'è maggiore possibilità di essere chiamati c'è <strong>matematica</strong> per la scuola secondaria di I grado, perché come confermato dal MIUR, non ci sono abbastanza iscritti alle graduatorie per soddisfare il fabbisogno. Lo stesso discorso vale per gli insegnanti di tecnologia, spagnolo e inglese.</p> <p>Per quanto riguarda le province anche quest'anno sarà molto difficile essere chiamati al Sud Italia. Le Graduatorie ad Esaurimento continuano ad essere piene e molti insegnanti meridionale titolari al <strong>Nord</strong> potrebbero chiedere l'assegnazione provvisoria per riavvicinarsi alla propria famiglia. <br class='autobr' /> <a name="invio"></a><br class='autobr' /> Ad essere scoperte, invece, saranno molte cattedre nel Nord Italia, specialmente nei <strong>piccoli paesi</strong> e nelle <strong>scuole di provincia</strong>. In questo caso inviare una domanda di messa a disposizione - trovate il fac simile e le istruzioni per compilarla di seguito - è consigliato mentre al Sud rischia di essere una perdita di tempo; ma non rinunciateci comunque perché provare non costa nulla.</p> <h3 class="spip">Messa a disposizione: come inviare la domanda</h3> <p>La <strong>MAD</strong>, messa a disposizione, è un modo, previsto dalle <strong>normative scolastiche</strong>, per proporsi come insegnanti e personale ATA per supplenze e altri tipi di incarichi.</p> <p>La richiesta è in verità un semplice mezzo di <strong>segnalazione</strong> informale, ma sono comunque necessari degli <strong>accorgimenti</strong> ben precisi per evitare di sbagliare.</p> <p>La <strong>domanda</strong> di Messa a disposizione deve infatti essere redatta in modo <strong>formale</strong> e contenere i dati importanti del docente. Questo tipo di segnalazione deve avvenire mediante indirizzo di <strong>posta certificata.</strong></p> <p><a name="scriverla"></a></p> <p>La domanda dovrà essere inviata alla sede dove è <strong>presente</strong> il dirigente scolastico, che la prenderà in esame in caso fossero presenti <strong>posti vacanti</strong>, e non alle sedi succursali o distaccate.</p> <p>Quindi prima di inviare il vostro documento fate attenzione che in quella scuola si presente il Preside e in caso contrario scrivete all'indirizzo dove risulta collocato.</p> <h3 class="spip">Messa a disposizione: come scrivere la richiesta</h3> <p>Sebbene la segnalazione sia informale si deve comunque rispettare un certo rigore. Prima di tutto indicate il <strong>nome dell'istituto</strong> nell'intestazione e inoltrate la domanda differenziandola per ogni scuola.</p> <p>In questo modo potrete far vedere la vostra <strong>professionalità</strong> e dare una buona impressione al dirigente scolastico.</p> <p>Indicate con precisione i vostri <strong>dati anagrafici</strong>, i <strong>titoli</strong> conseguiti e le <strong>esperienze</strong> che avete avuto nel settore scolastico. Questo aiuterà la vostra candidatura.</p> <p>Allegate alla domanda di messa a disposizione un breve un <strong>curriculum</strong> e certificazioni che possano comprovare la veridicità di quanto affermate.</p> <p>Per essere certi di evitare errori di seguito potete trovare un <strong>modello di MAD</strong> che potete allegare per inviare alle scuole.</p> <dl class='spip_document_16590 spip_documents spip_documents_center'> <dt><a href='https://www.money.it/IMG/pdf/domanda_docenti_messa-a-disposizione-per-supplenza.pdf' title='PDF - 29 Kb' type="application/pdf"><img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L52xH52/pdf-39070.png?1495744048' width='52' height='52' alt='' /></a></dt> <dt class='spip_doc_titre' style='width:120px;'><strong>Modello MAD per insegnanti</strong></dt> <dd class='spip_doc_descriptif' style='width:120px;'>Clicca qui per scaricare il Fac-Simile da compilare e presentare alla scuola per la quale ci si candida per la supplenza come insegnante. </dd> </dl><dl class='spip_document_21667 spip_documents spip_documents_center'> <dt><a href='https://www.money.it/IMG/pdf/fac-similemadpersonaleata.pdf' title='PDF - 75.9 Kb' type="application/pdf"><img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L52xH52/pdf-39070.png?1495744048' width='52' height='52' alt='' /></a></dt> <dt class='spip_doc_titre' style='width:120px;'><strong>Modello MAD per personale ATA</strong></dt> <dd class='spip_doc_descriptif' style='width:120px;'>Clicca qui per scaricare il Fac-Simile da compilare e presentare alla scuola per la quale ci si candida per la supplenza come personale ATA. </dd> </dl> <p>Le domande di messa a disposizione sono ogni anno <strong>centinaia</strong> per ogni istituto e dare fin da subito una buona impressione di sé potrebbe essere la scelta vincente.</p> <p>Uno dei modi che portano ad avere maggiori successi è però l'<strong>invio di molte candidature.</strong> Scegliete una zona che vi interessa e inviate le domande a tutte le scuole presenti in quel punto.</p> <p><a name="periodi"></a></p> <p>In questo modo potrete <strong>aumentare</strong> le vostre possibilità di ottenere un posto e di insegnare in una scuola statale. Le polemiche che ogni anno vengono rivolte all'inefficienza della MAD non vi devono spaventare, dal momento che a voi costerà solo una mail e un po' di tempo per compilare la domanda.</p> <h3 class="spip">Messa a disposizione: quando inviare la domanda</h3> <p>Non esiste un vero e proprio <strong>termine</strong> per inoltrare la domanda, ma certamente c'è un momento in cui le scuole cercano maggiormente personale. I <strong>momenti migliori</strong> per inviare le candidature per uno dei posti disponibili sono:</p> <ul class="spip"><li> tra il 10 e il 20 di agosto, prima che inizi l'anno scolastico;</li><li> dopo la pausa delle vacanze di Natale, soprattutto per i corsi di recupero;</li><li> qualche settimana della fine dell'anno scolastico per i corsi estivi.</li></ul> <p><a name="scuole"></a></p> <p>Le domande possono essere inoltrare in <strong>qualsiasi momento</strong> e non esiste un vero e proprio termine, ma certamente quelli che vi abbiamo indicato sopra sono i periodi di <strong>maggiore richiesta.</strong> In questi periodi i dirigenti scolastici infatti potrebbero avere più bisogno di nuovo personale e prendere in esame il vostro curriculum.</p> <h3 class="spip">Messa a disposizione: le scuole dove inviarla</h3> <p>Vi diciamo fin da subito che non esiste una lista o un altro tipo di elenco in cui sia possibile leggere le scuole in cui ci sono posti vacanti. Difatti il <strong>MIUR</strong> non ha mai ideato una soluzione di questo tipo e gli aspiranti docenti e collaboratori scolastici inviano le domande di messa a disposizione in modo casuale.</p> <p>Solitamente le scuole molto grandi hanno però un grande afflusso di richieste, dal momento che sono le più conosciute da professori e alunni. Provate quindi a inviare la richiesta anche negli <strong>istituti più piccoli</strong> e che sono meno conosciuti.</p> <p>Un altro modo per provare a far accettare la propria richiesta di messa a disposizione è inviarla anche negli istituti <strong>fuori dalle grandi città</strong>. Ad esempio nei paesi circostanti la città di residenza, che possano essere raggiunti con un treno.<br class='autobr' /> In questi centri può esserci maggiore carenza di professori, soprattutto nei periodi di vacanza.</p> <p><a name="conviene"></a></p> <p>Purtroppo non esiste una regola precisa che vi dia la certezza di riuscire ad avere un posto, quindi il miglior modo è inviare la domanda di messa a disposizione in più istituti possibile.</p> <h3 class="spip">Conviene mandare la domanda di messa a disposizione?</h3> <p>In molti si chiedono se sia idoneo mandare la domanda di messa a disposizione alle scuole pur non avendo l'abilitazione e non possedendo delle gradi <strong>esperienze</strong> pregresse nel mondo dell'insegnamento.</p> <p>Per inviare la <strong>MAD 2017</strong> abbiamo già spiegato che è necessario rispondere a dei veri e propri criteri di selezione.</p> <p>Detto ciò si può capire che importante nell'invio della messa a disposizione è non solo la tempistica, ma anche le esigenze che la scuola ha al momento. Difatti se nel momento in cui si invia la domanda non si hanno professori a cui far gestire i corsi di recupero o a cui affidare le ore di supplenza, la propria candidatura può essere presa in seria <strong>considerazione</strong>.</p> <p>Per questo è importante inviare la domanda in più scuole possibili e soprattutto cercare anche scuole più piccole e che siano meno frequentate. In questo modo infatti si potranno aumentare le proprie <strong>possibilità</strong> di essere scelti.</p> <p>Inoltre non sono molti coloro che riescono a inviare la domanda di messa a disposizione nel modo corretto, per cui se la vostra risulterà perfetta e con tutti i documenti allegati, potrete avere delle maggiori possibilità di essere scelti.</p> <p><a name="consigli"></a></p> <p>La risposta alla domanda che vi state ponendo è quindi: <strong>sì, conviene inviare la MAD.</strong></p> <p>Difatti <strong>inviare una mail</strong> non costerà tanta fatica e si può avere la possibilità di insegnare o lavorare in una delle scuole pubbliche italiane.</p> <h3 class="spip">Messa a disposizione: consigli</h3> <p>Prima di chiudere la nostra guida pratica abbiamo pensato di inserire una <strong>lista di consigli utili</strong> (riassuntivi e aggiuntivi) per inviare la domanda di messa a disposizione.</p> <p>Una lista che potrete consultare e vi potrebbe aiutare a capire come muovervi in questa esperienza.</p> <ol class="spip"><li> Fai attenzione ad inviare la domanda di messa a disposizione tramite <strong>PEC</strong>; inviando tramite semplice mail non verrà mai visionata dalla scuola di riferimento;</li><li> Cerca di inviare la MAD a scuole che sai avere spesso<strong>necessità di personale</strong> e che potrebbero accogliere la tua domanda;</li><li> Non limitare le tue possibilità, ma cerca di inviare la MAD a <strong>più istituti possibili</strong>;</li><li> Non dimenticare di allegare sempre le <strong>certificazioni</strong> che hai nel tuo curriculum, eventuali attestati e lettere di raccomandazione;<a name="GdI"></a></li><li> Inserisci tutte le precedenti <strong>esperienze</strong> di insegnamento, anche se si tratta di semplici ore di ripetizioni in centri studi o privatamente, sono comunque punti a tuo favore;</li><li> Manda la domanda nel momento in cui vi è più richiesta, quindi prima dell'inizio dei corsi di recupero o dei periodi di vacanza.</li></ol><h3 class="spip">Come essere chiamati per una supplenza senza inviare una MAD? </h3> <p>Per gli <strong>insegnanti</strong> oltre all'invio della domanda di Messa a disposizione, c'è un altro per essere chiamati per un'assegnazione provvisoria per l'a.s. 2017/2018: iscriversi alla <strong>II o alla III fascia delle Graduatorie d'Istituto</strong>.</p> <p>Da qualche giorno, infatti, il MIUR ha dato il via all'aggiornamento di queste graduatorie, come disposto nel decreto Milleproroghe, che saranno utilizzate per le assegnazioni delle supplenze per l'anno scolastico che inizierà tra qualche mese.</p> <p><strong>Qual è la differenza tra la II e la III fascia?</strong> Nel primo caso possono iscriversi solo i docenti abilitati, ed inevitabilmente si hanno maggiori possibilità di essere richiamati, mentre per la III fascia è sufficiente aver conseguito il titolo richiesto per l'accesso ad una classe di concorso.</p> <p>Per conoscere i titoli richiesti potete scaricare il documento che trovate di seguito dove sono indicate tutte le nuove classi di concorso.</p> <dl class='spip_document_21617 spip_documents spip_documents_center'> <dt><a href='https://www.money.it/IMG/pdf/allegato_a_definitivo_ultimo13_3_2017_2_.pdf' title='PDF - 466.8 Kb' type="application/pdf"><img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L52xH52/pdf-39070.png?1495744048' width='52' height='52' alt='' /></a></dt> <dt class='spip_doc_titre' style='width:120px;'><strong>Nuova tabella classi di concorso</strong></dt> <dd class='spip_doc_descriptif' style='width:120px;'>Clicca qui per scaricare la nuova tabella delle classi di concorso, corretta rispetto al precedente DPR n° 19 del 2016. </dd> </dl> <p>Per le informazioni su <strong>come iscriversi alle Graduatorie di Istituto</strong> vi consigliamo di leggere la nostra <strong><a href='https://www.money.it/Graduatorie-d-istituto-III-fascia-come-iscriversi-titoli-scadenze'>guida dedicata</a></strong> dove trovate le informazioni sulle scadenze e i modelli da compilare.</p> <p>Anche chi vuole diventare personale ATA può iscriversi alle Graduatorie d'Istituto: qui però <a href='https://www.money.it/graduatorie-istituto-ATA-aggiornamento-agosto-2017-titoli-punteggi'>l'aggiornamento è fissato per il 31 agosto</a>, quindi al momento l'unico modo per candidarsi per una supplenza per l'a.s. 2017-2018 sembra essere quello di inviare la domanda di messa a disposizione.</p></div> Cuperlo: sì alla doppia tessera PD-Campo Progressista. Nuova scissione in vista? https://www.money.it/Cuperlo-doppia-tessera-PD-Campo-Progressista-scissione https://www.money.it/Cuperlo-doppia-tessera-PD-Campo-Progressista-scissione 2017-07-21T13:56:02Z text/html it Alessandro Cipolla Partito Democratico Andrea Orlando News <p>Dopo l'incontro con Pisapia, Gianni Cuperlo si dice favorevole alla doppia tessera PD-Campo Progressista. Altra scissione in vista?</p> - <a href="https://www.money.it/-Politica-Italiana-130-" rel="directory">Politica Italiana</a> / <a href="https://www.money.it/+-Partito-Democratico-+" rel="tag">Partito Democratico</a>, <a href="https://www.money.it/+-Andrea-Orlando-+" rel="tag">Andrea Orlando</a>, <a href="https://www.money.it/+-News-+" rel="tag">News</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH76/arton48667-06a56.jpg?1500645404' width='150' height='76' /> <div class='rss_texte'><p><strong>Gianni Cuperlo</strong> è pronto a prendere la tessera, oltre a quella del <strong>Partito Democratico</strong>, anche di <a href='https://www.money.it/Campo-Progressista-programma-sondaggi-aderito-Giuliano-Pisapia'>Campo Progressista</a>, cosa possibile in quanto il primo è un partito mentre il secondo invece un movimento.</p> <p>Dopo l'incontro con <strong>Giuliano Pisapia</strong>, al quale ha partecipato anche il ministro <a href='https://www.money.it/Andrea-Orlando-biografia-idee-ministro-Renzi-primarie'>Andrea Orlando</a>, esce allo scoperto Gianni Cuperlo che come <strong>Gad Lerner</strong> quindi si dice pronto a prendere la doppia tessera.</p> <p>Adesioni formali a parte, le parole di Cuperlo evidenziano come non siano svaniti da parte della minoranza dem i progetti di una coalizione di centrosinistra, che parta dal <strong>Partito Democratico</strong> e arrivi fino al <strong>Campo Progressista</strong> coinvolgendo anche gli scissionisti.</p> <p>Un'ipotesi questa però che non è neanche lontanamente presa in considerazione da <strong>Matteo Renzi</strong>, con una coalizione del genere che sarebbe difficile anche perché l'attuale elettorale non ne prevede.</p> <h3 class="spip">La doppia tessera PD-Campo Progressista</h3> <p>Come se non bastassero tutti i pensieri e i problemi che attanagliano il <strong>Partito Democratico</strong>, ora nasce anche la questione relativa alla possibilità di avere una doppia tessera. <strong>Gianni Cuperlo</strong> infatti si è detto favorevole all'ipotesi.</p> <blockquote class="spip"> <p>La doppia tessera è una cosa interessante e giusta, ma non va banalizzata. Del resto l'offerta di Giuliano Pisapia non ha come obiettivo quello di dividere bensì di creare un Movimento, una federazione appunto un Campo progressista a cui aderiscano PD, Insieme, associazioni, intellettuali, mondo del lavoro.</p> </blockquote> <p>Il pensiero di Cuperlo è semplice: <strong>Campo Progressista</strong> è un movimento che ha come scopo quello di creare una federazione di centrosinistra che comprenda anche il Partito Democratico, prenderne la tessera quindi è una cosa più che lecita.</p> <p>Campo Progressista è un movimento che però è pronto a essere anche <strong>alternativo al PD</strong>, ipotesi questa allo stato delle cose molto più probabile rispetto a quella di una federazione unitaria.</p> <p>In più c'è da considerare anche che l'attuale <strong>legge elettorale</strong> non prevede coalizioni ma liste. Quindi anche volendo l'idea federativa, oltre che improbabile, sarebbe anche irrealizzabile dal punto di visto normativo.</p> <p>Il sospetto maggiore quindi è che Cuperlo più che cercare di creare un ponte tra il Partito Democratico e il resto del centrosinistra, stia <strong>flirtando con Pisapia e Bersani </strong> per quella che potrebbe essere l'anticamera di una nuova scissione in seno ai dem.</p> <h3 class="spip">Nuova scissione in vista?</h3> <p>L'ipotesi di una coalizione di centrosinistra che comprenda anche il Partito Democratico è al momento impossibile. <strong>Matteo Renzi</strong> infatti non la accetterebbe mai e in più nessuna delle parti in causa sarebbe disposta a presentarsi in un unico listone.</p> <p><strong>Gianni Cuperlo</strong> questo lo sa bene, quindi va capito cosa potrebbe celarsi dietro la sua apertura a prendere la tessera anche di Campo Progressista. Da tempo infatti si parla di una possibile nuova scissione nel PD.</p> <p>Sia Cuperlo che Orlando sono in aperto disaccordo con i programmi di Matteo Renzi. L'ex premier però ha stravinto le <strong>primarie</strong> e quindi ha il diritto e il dovere di dettare la linea politica del partito, anche se naturalmente ogni voce va ascoltata.</p> <p>Il timore della minoranza dem è che, vista la <strong>legge elettorale</strong> che prevede listini bloccati, Renzi possa effettuare una vera e propria <strong>epurazione</strong> dei dissidenti dai posti sicuri alle prossime elezioni.</p> <p>Prima di essere fatti fuori da Renzi, altri esponenti della minoranza potrebbero così decidere di <strong>abbandonare il PD</strong> e sposare il progetto di <strong>Insieme</strong>, il soggetto politico che dovrebbe unire Pisapia e Bersani.</p> <p>Al momento però queste sono dichiarazioni e pensieri estivi. Quando in <strong>autunno</strong> in Parlamento si tornerà a parlare di ius soli, manovra economica e legge elettorale, allora si capiranno le vere intenzioni dei vari attori politici.</p> <p><strong>Matteo Renzi </strong> sicuramente non si andrebbe a disperare in caso di una fuoriuscita di alcuni esponenti della minoranza dem. Oltre ad alcune buone sacche di voti, il PD così rinuncerebbe però anche a ogni possibilità futura di ricompattare il centrosinistra.</p> <p>Una frammentazione questa che di fatto andrebbe a far venir meno ogni chance di <strong>vittoria elettorale</strong>. Il sentore però è che in molti non aspettino altro che una debacle alle urne per <strong>far fuori Renzi</strong>, una tattica questa che però potrebbe di fatto consegnare il paese al Movimento 5 Stelle.</p></div> Salone di Francoforte 2017: le novità da non perdere https://www.money.it/Salone-Francoforte-2017-novita-da-non-perdere https://www.money.it/Salone-Francoforte-2017-novita-da-non-perdere 2017-07-21T13:24:24Z text/html it Luca Secondino BMW Jaguar Saloni Auto e Moto <p>Salone di Francoforte 2017: le novità da non perdere tra Jaguar, BMW, Audi, e Hyundai più le attese nuove edizioni di Nissan Leaf e Opel Insigna.</p> - <a href="https://www.money.it/-Motori-" rel="directory">Motori</a> / <a href="https://www.money.it/+-BMW-2073-+" rel="tag">BMW</a>, <a href="https://www.money.it/+-Jaguar-+" rel="tag">Jaguar</a>, <a href="https://www.money.it/+-Salone-+" rel="tag">Saloni Auto e Moto</a> <img class='spip_logo spip_logo_right spip_logos' alt="" style='float:right' src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L150xH105/arton48668-f9ddf.jpg?1500643497' width='150' height='105' /> <div class='rss_texte'><p>Come ogni anno torna il <strong>Salone dell'Automobile di Francoforte</strong>, uno degli eventi più importanti del settore automotive, pronto a sorprendere i visitatori e gli addetti ai lavori con alcuni tra i modelli più innovativi ed attesi.</p> <p>Il <strong>Salone di Francoforte 2017</strong> sarà aperto al pubblico nelle <strong>date</strong> dal <strong>14 al 24 settembre</strong>, con due giorni di anticipazioni e <strong>anteprime</strong> dedicate alla stampa, giornate per la stampa – ricche di anticipazioni e anteprime – previste nelle giornate del 12 e del 13 settembre.</p> <p>L'edizione 2017 sarà densa di <strong>eventi</strong>, tra cui quello di <strong>Jaguar</strong>, in cui sarà presentata la nuova E-Pace e la versione definitiva dell crossover elettrico <strong><a href='https://www.money.it/Jaguar-I-Pace-prezzo-foto-caratteristiche-suv-elettrico?var_mode=calcul'>I-Pace</a></strong>, ma anche per la tedesca <strong>Opel</strong>, che proprio alla fiera di Messe Frankfurt Ludwig-Erhard-Anlage 1 mostrerà la nuova Insigna in versione sportiva. Non mancherà <strong>Audi</strong>, con la nuova ammiraglia A8 e la <strong>BMW</strong> Serie 6 GT. Per le elettriche occhi puntati anche sulla nuova <strong>Nissan Leaf</strong>.</p> <h3 class="spip">Salone di Francoforte 2017: le novità Jaguar</h3> <p>Il marchio di Coventry si presenta a Francoforte da gran protagonista. Due sono le auto attese: la <strong>Jaguar i-Pace</strong>, il suv completamente elettrico che garantisce quasi 500 km di autonomia e vanta forme agili e taglienti, presentato lo scorso anno a Los Angeles e diventato subito un oggetto di culto per gli appassionati del giaguaro e per gli appassionati delle nuove tecnologie ecologiche.</p> <p>L'altra auto attesa è la <strong>Jaguar E-Pace</strong>, il primo suv compatto del marchio: sorella minore della F-Pace, entrerà in produzione a fine 2017, con i suoi 4,39 metri di lunghezza e una sportività innata che la rende subito concorrente del Range Rover Evoque e della BMW Serie 1, di cui si mostra sicuramente forme più solide.</p> <center><span class='spip_document_22115 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH262/jaguar_e_pace-64e65.jpg?1500643497' width='500' height='262' alt="" /></span></center><h3 class="spip">Salone di Francoforte 2017: le novità Opel</h3> <p>La tedesca <strong>Opel</strong> gioca in casa e presenta a Francoforte la <strong>Opel Insignia GSi</strong> da 260 CV, una vettura sportiva a cinque porte con trazione integrale e una messa a punto sviluppata sullo storico circuito del Nurburgring.</p> <p>Tra le novità, è attesa la <strong>Opel Grandland X</strong>, il crossover nato dalla sinergia con Peugeot e Citroe, ma che mostra uno stile molto più dinamico rispetto a quello della Peugeot 3008. Infine ci sarà la​ <strong>Opel Insignia Country Tourer</strong> con cui si rinnova il segmento comodo del modello.</p> <h3 class="spip">Salone di Francoforte 2017: le novità BMW</h3> <p>Un'altra tedesca che sarà grande protagonista del salone è BMW che a Francoforte mostra la <strong>Serie 6 GT</strong>, un'auto a metà strada tra la Serie 5 GT e la Serie 6 Gran Coupé, rapida e pratica come l'equivalente del segmento minore ma lussuosa e confortevole come il nome che porta.</p> <p>Inoltre ci sarà la nuova versione di BMW X3, che è rinnovata con la piattaforma modulare Clar e con il motore plug-in inedito che dal 2019 diventerà completamente elettrico.</p> <p><span class='spip_document_22116 spip_documents spip_documents_center'> <img src='https://www.money.it/local/cache-vignettes/L500xH281/francoforte_novita_bmw-e36ad.jpg?1500643497' width='500' height='281' alt="" /></span></p></div>