Modello 730 precompilato: le 10 cose da sapere

La stagione della dichiarazione dei redditi è iniziata: ecco quali sono le 10 cose da sapere sul modello 730 precompilato, disponibile per l’accesso sul sito dell’Agenzia delle Entrate dal 5 maggio 2020: novità, scadenze, dati contenuti, detrazioni possibili, tempistiche dei rimborsi.

Modello 730 precompilato: le 10 cose da sapere

Modello 730 precompilato, dal 5 maggio è disponibile la dichiarazione dei redditi precompilata sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Accedendo al modello 730 online il contribuente potrà consultare i dati relativi a redditi, spese detraibili comunicate da soggetti terzi ed Irpef versata. Per la modifica dei dati contenuti nella precompilata e il conseguente invio della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate si dovrà attendere invece il 14 maggio.

Le scadenze relative al modello 730 hanno subìto delle variazioni in seguito alle circostanze di emergenza sanitaria (ed economica) che hanno scosso l’Italia.

Vediamo dunque le novità e come sono cambiati gli appuntamenti relativi alla dichiarazione dei redditi, quali dati sono contenuti nella precompilata, le detrazioni più importanti per i contribuenti.

Non solo: quest’anno, proprio per la situazione di crisi, è stata introdotta un’importante novità riguardo la delega al CAF o al professionista abilitato.

La dichiarazione precompilata, ricordiamo, non è obbligatoria per il contribuente, che può scegliere di presentarla seguendo le modalità ordinarie.

La stagione della dichiarazione dei redditi è quindi partita: ecco quali sono le 10 cose da sapere sul modello 730 precompilato 2020.

1) Modello 730 precompilato: nuove date per accesso e invio

La prima cosa da sapere riguardo il modello 730/2020 precompilato è che sono cambiate le date per accedere e per modificarne i dati.

È possibile accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata dal 5 maggio, giornata in cui l’Agenzia delle Entrate rende disponibile online il modello 730.

Per modificare i dati in esso contenuti, però, bisognerà attendere fino al 14 maggio. Da questa data è anche possibile inviare in via telematica la dichiarazione precompilata.

2) Modello 730 precompilato: scadenza per l’invio entro il 30 settembre

Il primo giorno utile per l’invio della precompilata è il 14 maggio, ma qual è l’ultimo? La scadenza da segnare in rosso sul calendario è il 30 settembre.

Settembre quindi si chiuderà con il termine ultimo per poter inviare in via telematica la propria dichiarazione dei redditi sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

3) Si può annullare l’invio del modello 730 precompilato?

È possibile annullare l’invio della dichiarazione precompilata, ma attenzione: si può fare solo una volta e rispettando determinate tempistiche.

La procedura di annullamento sarà disponibile a partire dal 25 maggio, e fino al termine ultimo del 22 giugno.

Annullato l’invio della prima dichiarazione se ne può presentare una nuova.

4) Quando arrivano i rimborsi Irpef?

Anche se la scadenza per l’invio è slittata al 30 settembre, conviene non aspettare l’ultimo giorno per presentare la dichiarazione dei redditi.

I rimborsi fiscali emersi dal modello 730 infatti saranno scaglionati in base alla data di trasmissione: per ricevere il rimborso Irpef entro il mese di luglio, il modello 730 dovrà essere presentato entro il termine del 31 maggio.

Nel caso di invio successivo a tale data, le tempistiche per il riconoscimento delle detrazioni o deduzioni fiscali indicate in dichiarazione dei redditi si allungano.

5) Qual è la differenza tra modello 730 e modello Redditi?

Abbiamo visto che l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione la dichiarazione precompilata sia per chi presenta il modello 730 precompilato, sia per chi presenta il modello Redditi.

È bene dunque fare una distinzione tra i due modelli: il 730 è conosciuto come la dichiarazione dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati. Al contrario, il modello Redditi PF (ex Unico) viene utilizzato solitamente dai titolari di partita IVA.

Vedremo in seguito in modo approndito quali sono i soggetti obbligati a presentare il modello 730.

6) Quali dati contiene il modello 730 precompilato?

Il modello 730 precompilato contiene le informazioni relative ai redditi percepiti, di cui l’Agenzia delle Entrate è in possesso grazie alle Certificazioni Uniche 2020.

Fanno parte dei dati già caricati dall’Agenzia delle Entrate nel modello 730 anche le spese da portare in detrazione, ovvero:

  • le spese sanitarie e relativi rimborsi;
  • le spese veterinarie;
  • gli interessi passivi sui mutui in corso;
  • i premi assicurativi;
  • i contributi previdenziali e assistenziali;
  • i contributi versati per lavoratori domestici;
  • le spese universitarie e relativi rimborsi;
  • le spese funebri;
  • i contributi versati alla previdenza complementare;
  • i bonifici riguardanti le spese per interventi di ristrutturazione e di riqualificazione energetica degli edifici;
  • le spese sostenute su parti comuni condominiali, per interventi di recupero del patrimonio edilizio, di risparmio energetico, di sistemazione a verde degli immobili e per l’arredo degli immobili ristrutturati;
  • i contributi versati a enti o casse aventi fine assistenziale;
  • le spese per la frequenza degli asili nido e relativi rimborsi;
  • i contributi detraibili versati alle società di mutuo soccorso;
  • le erogazioni liberali effettuate alle Onlus, alle associazioni di promozione sociale, alle fondazioni e associazioni riconosciute aventi per scopo statutario la tutela, promozione e la valorizzazione dei beni di interesse artistico, storico e paesaggistico e alle fondazioni e associazioni aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione di attività di ricerca scientifica, se comunicate in quanto l’invio è facoltativo.

7) Le nuove spese sanitarie nel modello 730 precompilato

Per quanto riguarda le spese sanitarie, dal 2020 molti più dati faranno parte del “corredo informativo” a disposizione dell’Agenzia delle Entrate. Si tratta nel dettaglio delle prestazioni erogate dai seguenti professionisti sanitari:

  • tecnici sanitari di laboratorio biomedico;
  • tecnici audiometristi;
  • tecnici audioprotesisti;
  • tecnici ortopedici;
  • dietisti;
  • tecnici di neurofisiopatologia;
  • tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare;
  • igienisti dentali;
  • fisioterapisti;
  • logopedisti;
  • podologi;
  • ortottisti e assistenti di oftalmologia;
  • terapisti della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva;
  • tecnici della riabilitazione psichiatrica;
  • terapisti occupazionali;
  • educatori professionali;
  • tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro;
  • assistenti sanitari;
  • biologi.

8) Le detrazioni fiscali da indicare nel modello 730 precompilato 2020

Non tutte le detrazioni fiscali previste nel 2020 saranno precompilate dall’Agenzia delle Entrate.

Dovrà essere il contribuente a indicare, in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi, le spese che ha sostenuto e per cui è possibile ottenere un rimborso Irpef del 19%.

Le detrazioni fiscali più importanti nel 2020 restano i cosiddetti bonus casa, con i numerosi bonus Irpef previsti per chi effettua ristrutturazioni, lavori volti al risparmio energetico oppure interventi di sistemazione a verde.

9) Chi deve presentare il modello 730?

Il modello 730 viene di solito definito come la dichiarazione dei redditi di lavoratori dipendenti e pensionati, ma in realtà queste due non sono le uniche categorie di contribuenti che rientrano tra i soggetti obbligati a presentare il modello 730.

Il modello 730 deve essere presentato dai contribuenti che nel 2020 sono:

  • pensionati o lavoratori dipendenti (compresi i lavoratori italiani che operano all’estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito decreto ministeriale);
  • persone che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. integrazioni salariali, indennità di mobilità);
  • soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca;
  • sacerdoti della Chiesa cattolica;
  • giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, comunali, ecc.);
  • persone impegnate in lavori socialmente utili;
  • produttori agricoli esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei sostituti d’imposta (mod. 770), Irap e IVA;
  • lavoratori con contratto di lavoro a tempo determinato per un periodo inferiore all’anno.

10) Delega semplificata fino a fine emergenza

Come abbiamo anticipato, vista la situazione emergenziale, è cambiato il calendario fiscale, ma non solo: il decreto Liquidità ha introdotto una novità importante in nome della semplificazione fiscale.

Per facilitare l’accesso alla dichiarazione dei redditi a CAF e intermediari abilitati è stata introdotta la delega semplificata.

La nuova procedura prevede, per l’invio della delega e dei documenti al CAF o al commercialista, il semplice invio di una foto.

La precauzione è stata presa per rispettare le distanze di sicurezza, e per semplificare le procedure di acquisizione dei documenti indispensabili per la dichiarazione dei redditi.

Il contribuente potrà conferire le deleghe per l’accesso alla precompilata tramite copia per immagine: in caso non si possa scansionare il documento, basterà una foto o un video allegato alla email.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories