Ecobonus, al via le prenotazioni dal 18 maggio 2020

Ecobonus, dal 18 maggio 2020 ripartono le prenotazioni per l’acquisto di auto a ridotte emissioni di CO2. Nel decreto Rilancio nuovi fondi per chi acquista veicoli green.

Ecobonus, al via le prenotazioni dal 18 maggio 2020

Ecobonus, prenotazioni al via dal 18 maggio 2020: per gli incentivi relativi all’acquisto di auto a ridotte emissioni di CO2 si riapre lo sportello del MISE.

A darne notizia è un comunicato pubblicato sul sito dell’ecobonus, incentivo per l’acquisto di automobili (categoria M1), ciclomotori e motocicli a due ruote (categoria L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e e L7e).

Alla riapertura dello sportello telematico per le prenotazioni si affiancano le novità del decreto Rilancio, con il quale sono stati stanziati ulteriori fondi per il finanziamento dell’ecobonus auto 2020.

Ecobonus, al via le prenotazioni dal 18 maggio 2020

A partire dal 18 maggio 2020 saranno nuovamente attivi i termini di scadenza per le prenotazioni dell’ecobonus sospesi dal 23 febbraio, a seguito dell’emanazione dei provvedimenti legislativi per il contenimento del coronavirus.

I termini relativi alle prenotazioni attive alla data del 18 maggio risulteranno prolungati in base al periodo di sospensione (giorni compresi tra il 23/02/2020 ed il 18/05/2020).

A darne notizia è il MISE, con il comunicato stampa del 14 maggio 2020 pubblicato sul portale dedicato all’ecobonus auto.

La fase di prenotazione interessa il concessionario, che dovrà caricare sul sito del MISE i dati del cliente e del veicolo che si intende acquistare. Ci sono 180 giorni di tempo a partire dalla data di prenotazione per la consegna dell’auto o del ciclomotore al cliente, stesso termine per il ritiro del veicolo che, eventualmente, si intende rottamare.

Termini che, come sopra evidenziato, si prolungano in considerazione dell’emergenza coronavirus.

Ecobonus, 100 milioni di euro in più nel decreto Rilancio

L’ecobonus auto, introdotto dal 1° marzo 2019 ed in vigore fino al 31 dicembre 2021, è una delle agevolazioni introdotte per incentivare consumi sostenibili. Il decreto Rilancio stanzia 100 milioni di euro in più per il finanziamento della misura.

Gli sconti previsti dall’ecobonus sono i seguenti:

  • 4.000 euro (6.000 con rottamazione) per l’acquisto di auto da 0 a 20 g/km di CO2 (auto elettriche);
  • 1.500 euro (2.500 con rottamazione) per l’acquisto di auto da 21 a 70 g/km di CO2 (auto ibride e plug-in)

Per usufruire del bonus, il costo dell’auto elettrica acquistata non deve superare la soglia dei 61.000 euro IVA inclusa (50.000 euro al netto dell’IVA).

Nel dettaglio l’agevolazione si applica agli acquisti di:

  • automobili (categoria M1);
  • ciclomotori e motocicli a due ruote (categoria L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e e L7e).
Categoria M1Categoria L
Nuovi di fabbrica Nuovi di fabbrica
Producono emissioni di CO2 non superiori a 70 g/km Elettrici o ibridi
Sono stati acquistati ed immatricolati in Italia nel periodo dal 1° marzo 2019 al 31 dicembre 2021 Acquistati ed immatricolati in Italia nell’anno 2019 e 2020
Il prezzo (da listino prezzi ufficiale della casa automobilistica produttrice) sia inferiore a 50.000 euro compresi optional, esclusi IVA e messa in strada (ovvero spese relative all’immatricolazione della vettura, l’IPT, le spese di trasporto ecc.)

Il bonus viene erogato sotto forma di sconto sul prezzo d’acquisto, deve quindi essere inserito nel contratto d’acquisto dal concessionario che effettua la vendita.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories