Dibattito Trump-Biden, elezioni USA: cosa è successo nel primo duello tv?

Il primo dibattito Trump-Biden si è svolto all’insegna del caos. Cosa è successo nel duello tv e cosa si sono detti i candidati alla Casa Bianca?

Dibattito Trump-Biden, elezioni USA: cosa è successo nel primo duello tv?

Dibattito tra Trump e Biden in vista delle elezioni USA: si è concluso a colpi di insulti e interventi caotici il tanto atteso duello tv.

Il primo confronto si è svolto a Cleveland, Ohio, in circa 90 minuti di tensione, offese reciproche, costanti interruzioni.

A cinque settimane dalle elezioni, i sondaggi mostrano che Biden guida Trump a livello nazionale e in una serie di Stati chiave. Tuttavia, la situazione resta in bilico e i risultati delle urne non sono affatto scontati, con l’attuale presidente che già sta avvisando la popolazione su possibili brogli.

In questo clima, reso ancora più teso dall’emergenza epidemia, le incertezze economiche e l’ultimo presunto scandalo sulle tasse non pagate da Trump, si è inserito il primo dibattito tra i due candidati. Cosa è successo nello scontro tv Trump-Biden?

Trump-Biden: cosa è successo nel dibattito?

Finisce all’insegna della più caotica tensione l’attesissimo dibattito tv tra gli sfidanti per la Casa Bianca.

In circa 90 minuti caldi e di botta e risposta senza il pieno rispetto delle regole, l’attuale presidente Trump ha mostrato un certo nervosismo, interrompendo spesso il rivale in violazione delle norme sulle tempistiche e facendosi richiamare dallo stesso moderatore.

L’attuale presidente ha cercato insistentemente di pungolare Biden, sostenendo che i democratici stavano cercando di “rubare” le elezioni presidenziali di novembre e richiamando la scarsa intelligenza del rivale, etichettato come un “un pupazzo in mano alla sinistra radicale”.

I due contendenti alla Casa Bianca hanno parlato l’uno sull’altro e non si sono risparmiati insulti, tanto che anche Biden, dallo stile più misurato e meno nervoso dell’avversario, ha ceduto chiamando Trump “clown”.

Confronto Trump-Biden: i temi

Nel clima confusionario del dibattito, non è stato facile per il cittadino statunitense chiarirsi le idee sul programma di governo dell’uno e dell’altro candidato.

Alcuni temi chiave, comunque, sono emersi durante l’acceso confronto.

Biden è stato fortemente critico nei confronti di Trump sulla gestione della pandemia che ha ucciso più di 200.000 americani, accusandolo di non riuscire a proteggere gli americani perché troppo preoccupato per l’economia.

“È andato nel panico o ha guardato il mercato azionario”: così il candidato dem ha sintetizzato l’atteggiamento del presidente, puntando il dito sulla riapertura affrettata e l’ossessione per l’economia.

Trump, in coerenza con quanto dimostrato finora nelle sue conferenze stampa, ha invece difeso il suo operato per combattere il coronavirus, affermando di aver fatto un ottimo lavoro.

Altra questione spinosa, la nomina del giudice della Corte Suprema Ruth Bader Ginsburg nell’Alta corte. Il presidente ha deciso di affidare l’incarico alla conservatrice Amy Coney Barrett, alimentando critiche per non aver atteso l’esito delle elezioni per la nomina.

A tal proposito Trump ha difeso i suoi sforzi per occupare rapidamente un seggio alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dicendo che le “elezioni avranno conseguenze” e ne aveva il diritto nonostante le obiezioni democratiche.

Biden ha obiettato, aggiungendo che una Corte Suprema più conservatrice metterebbe in pericolo l’Affordable Care Act noto come Obamacare.

Importante anche il passaggio sulle proteste razziali: Trump non ha voluto condannare gli estremisti suprematisti bianchi, accusando la sinistra di scatenare la violenza.

Per quanto riguarda la scottante rivelazione sull’evasione delle tasse di Trump, il presidente non ha usato mezzi termini quando il moderatore Wallace gli ha chiesto quanto ha pagato in tasse federali sul reddito nel 2016 e nel 2017 (dopo che il New York Times ha riferito che le sue dichiarazioni dei redditi mostravano solo un pagamento di $ 750 all’anno).

Non offrendo prove, Trump ha detto di aver sborsato “milioni di dollari. E lo vedrai”, nonostante il suo rifiuto di rilasciare eventuali resi da quando è diventato candidato nel 2015, rompendo decenni di tradizione.

Biden ha quindi incalzato: “Mostraci la tua dichiarazione dei redditi”.

Il candidato democratico ha però dirottato il suo discorso sul suo piano economico, dicendo che avrebbe abrogato i tagli alle tasse di Trump che andavano ampiamente a vantaggio delle società e dei ricchi, e la discussione si è spostata sui miliardi di dollari che tali proposte rappresentano, senza più menzionare le accuse.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories