Detrazione spese notaio nel modello 730/2020: istruzioni, limiti e documenti da conservare

Detrazione spese notaio nel modello 730/2020: seguendo le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate è possibile ottenere un rimborso Irpef del 19% dei costi sostenuti. Le spese notarili rientrano tra gli oneri accessori per la stipula del contratto di mutuo: vediamo limiti, importo e documenti da conservare.

Detrazione spese notaio nel modello 730/2020: istruzioni, limiti e documenti da conservare

Modello 730/2020, è possibile portare in detrazione anche le spese sostenute dal notaio, che comprendono sia il suo onorario che i costi per la stipula di un contratto, oppure l’iscrizione e la cancellazione dell’ipoteca.

Seguendo le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate si può quindi compilare la dichiarazione dei redditi in modo corretto e ottenere un rimborso Irpef del 19% delle spese notarili sostenute nel 2019.

Il tetto massimo di spesa è fissato a 4.000 euro. Vediamo quali sono i limiti e istruzioni per la detrazione delle spese notarili, e quali documenti conservare.

Detrazione spese notaio nel modello 730/2020: istruzioni, limiti e importo

Anche le spese notarili sono detraibili dalla dichiarazione dei redditi 2020. Ricordiamo che è possibile modificare il modello 730 precompilato dal 14 maggio, e l’ultimo giorno per inviare la dichiarazione all’Agenzia delle Entrate è il 30 settembre 2020.

Le istruzioni dell’Agenzia delle Entrate specificano che le spese notarili sono le seguenti:

  • i costi sostenuti per la stipula del contratto di mutuo;
  • gli oneri accessori;
  • l’onorario del notaio;
  • le spese sostenute dal notaio per conto del cliente, come iscrizione e cancellazione dell’ipoteca.

Non sono invece detraibili le spese sostenute per il contratto di compravendita. Il limite massimo di spese detraibili è di 4.000 euro: questo significa che l’importo del rimborso Irpef del 19% non può superare i 760 euro.

Per poter beneficiare della detrazione, il richiedente deve compilare il modello 730 indicando le spese del notaio nel Quadro E, Sezione I, al rigo E7, denominato “Interessi per mutui ipotecari per l’acquisto dell’abitazione principale”.

Detrazione spese notaio nel modello 730/2020: documenti da conservare ed elenco oneri accessori

Per poter usufruire della detrazione del 19% è fondamentale che il contribuente conservi la fattura del notaio. In questo modo potrà dimostrare all’Agenzia delle Entrate l’effettivo sostenimento della spesa e l’entità della stessa.

Nel precedente paragrafo abbiamo anticipato che fanno parte delle spese notarili detraibili i cosiddetti oneri accessori necessari alla stipula del contratto di mutuo. Gli oneri accessori detraibili sono i seguenti:

  • le spese di perizia;
  • le spese di istruttoria;
  • la commissione richiesta dagli istituti di credito per la loro attività di intermediazione;
  • la provvigione per scarto rateizzato nei mutui in contanti;
  • la penalità per anticipata estinzione del mutuo;
  • le quote di rivalutazione dipendenti da clausole di indicizzazione;
  • le perdite su cambio, per i mutui contratti in valuta estera;
  • l’imposta per l’iscrizione o la cancellazione di ipoteca;
  • l’imposta sostitutiva sul capitale prestato.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1548 voti

VOTA ORA