Bonus terme: come richiederlo, da quando e dove si può usare

Rosaria Imparato

7 Settembre 2021 - 17:43

condividi

Bonus terme, come funziona? Di seguito la guida allo sconto: come si richiede, da quando parte l’incentivo e dove si può usare, in attesa dell’elenco delle strutture accreditate.

Bonus terme: come richiederlo, da quando e dove si può usare

Come funziona il bonus terme 2021? Si tratta di uno sconto del 100% sui servizi termali, fino a un massimo di 200 euro.

Il bonus ha una platea di beneficiari molto estesa, visto che non c’è un limite ISEE per richiederlo. Tuttavia, è bene specificare che per ora ancora non è possibile richiedere l’agevolazione: il bonus quindi non è attivo.

Per la misura sono stati stanziati 53 milioni di euro. In attesa dei dettagli sulle strutture accreditate da parte di Invitalia, vediamo come si richiede, a chi spetta e come funziona.

Come richiedere il bonus terme

Il nuovo bonus promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico consiste, come anticipato, nello sconto del 100% fino a 200 euro per servizi termali presso strutture accreditate. Ma come si richiede?

Le regole si trovano nel decreto attuativo MiSE pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 5 agosto 2021. Togliamo subito il dubbio ai cittadini: non è l’utente che fa domanda direttamente, ma è l’ente accreditato che richiede l’agevolazione, in base alle prenotazioni arrivate presso la struttura.

Ci sono quindi vari step: è fondamentale che l’ente termale si accrediti, facendo richiesta a Invitalia.

A questo punto, l’utente può prenotare presso la struttura accreditata il servizio termale: fino a 200 euro verrà interamente coperto dal bonus, oltre tale somma l’importo diventa a carico del cittadino.

L’ente termale, una volta ricevuta la richiesta, rilascia un documento con tutte le informazioni, incluso il codice univoco identificativo dell’avvenuta prenotazione.

Come funziona

Una volta che l’utente ha prenotato i servizi termali ed è in possesso della prenotazione (il documento potrà essere inviato tramite email, se il contribuente ha indicato il proprio indirizzo in fase di prenotazione), entro 60 giorni bisogna usufruire del bonus.

Passato questo periodo di tempo, la prenotazione non è più valida.

L’ente termale potrà richiedere il rimborso del buono usato dall’utente entro e non oltre 45 giorni dalla data di inizio delle cure termali.

Quando arriva?

Come anticipato, per ora il bonus terme non è ancora attivo. Quando l’incentivo sarà disponibile, verrà pubblicato un avviso di apertura delle prenotazioni.

Due i siti da monitorare:

Perché è fondamentale monitorare i siti? L’incentivo sarà disponibile fino all’esaurimento delle risorse disponibili, che ammontano a 53 milioni: non sono moltissime. Il poco budget insieme all’amplia platea di beneficiari fornisce la ricetta perfetta per un click day.

A chi spetta

I potenziali beneficiari dell’incentivo sono davvero tantissimi. I requisiti per accedere al bonus sono i seguenti:

  • maggiore età;
  • residenza in Italia;
  • non ci sono limiti ISEE;
  • non ci sono limiti legati al nucleo familiare.

Ciascun cittadino potrà usufruire di un solo bonus, per un solo acquisto, fino a un massimo di 200 euro.

Elenco strutture accreditate

A mancare all’appello è proprio l’elenco delle strutture accreditate tramite procedura specifica sul sito di Invitalia. L’elenco dovrebbe arrivare per ottobre, o comunque entro la fine del 2021.

In ogni caso l’elenco verrà pubblicato sul sito Invitalia, per l’appunto, e anche sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico.

Nel frattempo, è possibile iscriversi sul sito di Federterme e compilare un modulo per essere aggiornati su tempi e modi di accesso al bonus.

I dati richiesti sono:

  • i dati anagrafici (nome e cognome);
  • email;
  • telefono.

Argomenti

# Fisco
# MISE

Iscriviti a Money.it