Assunzioni Poste Italiane, offerte di lavoro come postini: candidature entro il 1° ottobre

Poste Italiane è ancora alla ricerca di postini da assumere con contratto a tempo determinato: c’è tempo fino al 1° ottobre per l’invio della candidatura.

Assunzioni Poste Italiane, offerte di lavoro come postini: candidature entro il 1° ottobre

Poste Italiane è una delle aziende italiane dove spesso si trovano offerte di lavoro indirizzate anche a giovani senza alcuna esperienza lavorativa. Ed è proprio questo che rende così interessanti le opportunità di lavoro con Poste Italiane, in quanto destinate ad un ampio numero di persone.

Lavorare per Poste Italiane è un’opportunità da non perdere, specialmente per chi è in cerca di esperienze da aggiungere nel Curriculum Vitae; inoltre, anche se la maggior parte delle offerte di lavoro, specialmente quelle per il reclutamento di portalettere, sono a tempo determinato, non è così rara la stabilizzazione del rapporto.

Ecco perché la nuova offerta di lavoro pubblicata da Poste Italiane non può non interessare chi è in cerca di un impiego: l’azienda, infatti, ha appena avviato una nuova selezione di postini per tutto il territorio italiano. Ma attenzione: non c’è molto tempo ancora per inviare la propria candidatura: la scadenza, infatti, è fissata per il 1° ottobre 2019.

Vediamo quindi cosa fare per candidarsi alla nuova offerta di lavoro di Poste Italiane entro la scadenza prevista e quali sono i requisiti richiesti per farlo.

Poste Italiane assume postini: come inviare la candidatura e come funziona la selezione

Come anticipato, Poste Italiane ha rinnovato l’annuncio relativo al reclutamento di postini con contratto a tempo determinato (la durata del rapporto dipenderà da “specifiche esigenze aziendali”); assunzioni che riguardano tutta Italia, con la sede di lavoro che sarà individuata tra le Regioni e le Province delle aree territoriali indicate nell’annuncio in base a quelle che sono le esigenze aziendali.

In ogni caso, al momento dell’invio della candidatura potrete indicare anche una sola area territoriale di preferenza, così da non dover poi rifiutare un’opportunità di lavoro in una Regione differente da quella di vostra residenza.

L’invio della candidatura è molto semplice: basta andare sul sito di Poste Italiane, cliccare sulla sezione “Lavora con noi” e selezionare dall’area “posizioni aperte” l’offerta di lavoro relativa ai portalettere. Una volta cliccato su questa offerta non vi resta che selezionare il tasto “candidati”. Ma attenzione: ai fini dell’invio della stessa è necessario che l’utente sia registrato al sito di Poste Italiane e che abbia pubblicato un CV. Se non l’avete ancora fatto potete rimediare in pochi minuti.

Per comodità potete cliccare sul banner che trovate di seguito, il quale vi indirizzerà immediatamente all’annuncio di lavoro per postini di Poste Italiane.

Una volta inviato il CV non dovete far altro che attendere la scadenza del 1° ottobre, quando avrà ufficialmente inizio l’iter selettivo che partirà - per i candidati che soddisfano i requisiti richiesti - con una telefonata delle Risorse Umane Territoriali di Poste Italiane.

A questo punto il candidato dovrà sostenere un test di ragionamento logico. Potrà farlo in due differenti modi:

  • presentandosi ad una sede dell’azienda (se convocato espressamente);
  • rispondendo da casa cliccando sul link allegato ad un mail inviata da Poste Italiane.

I candidati che risulteranno migliori al test attitudinale saranno poi convocati per una selezione in sede che si compone di due differenti prove: un colloquio e - visto il ruolo che si andrà a ricoprire - la prova d’idoneità alla guida del motomezzo che sarà effettuata su un motomezzo 125 cc a pieno carico di posta.

Poste Italiane cerca postini: quali requisiti bisogna avere?

Per diventare postini per Poste Italiane non bisogna avere competenze specialistiche, né tantomeno dimostrare una particolare esperienza nel settore.

È sufficiente, infatti, soddisfare alcuni requisiti basilari, quali:

  • possesso del diploma di scuola media superiore con votazione minima di 70/100;
  • in alternativa va bene un diploma di laurea (anche triennale) con votazione minima di 102/110;
  • patentino di bilinguismo (ma solo per chi si candida nella provincia di Bolzano);
  • idoneità generica al lavoro documentata - solo in caso di assunzione - dal certificato medico rilasciato dalla ASL/USL di appartenenza o da un medico curante.

Infine, vista la specificità del ruolo che si andrà a ricoprire, è richiesta la patente di guida in corso di validità per la guida del motomezzo aziendale.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Opportunità di lavoro

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.