Scoperta necropoli e imponente chiesa romanica nel viterbese

Una Chiesa, impensabili le dimensioni per gli archeologi che l’hanno vista riaffiorare. 20 metri per otto. Uno scavo archeologico quello portato alla luce nell’Alto Lazio, territorio di Soriano nel Cimino, riemerso da un passato molto lontano. Desecretato in esclusiva all’Adnkronos dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio. Intatta tutta la cinta muraria, anche una necropoli con tombe antropomorfe ossia con l’incavo per la testa, già rinvenute nello stessa area ma nel sito di Piatramara a Bassano in Teverina. E ancora scheletri che testimoniano condizioni di vita difficili e tombe romaniche. Questo è lo scavo di San Valentino. Una piccola altura tra boschi di quercia, sfiorata da un vento leggero, che ci fa capire, in parte, come era la vita nell’anno mille.

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Argomenti:

Ultime notizie Archeologia, Ultime notizie Viterbo, scavo archeologico, Chiesa, San Valentino, necropoli, scheletri, fibula, Soriano nel Cimino, Soprintendenza Archeologica, tombe, Pietramara,
Scoperta necropoli e imponente chiesa romanica nel viterbese