Coronavirus: Ripamonti (Lega),’Zanda preoccupante, giù le mani da spiagge’

Roma, 28 mar. (Adnkronos) - «Le dichiarazioni del senatore Pd Zanda sono davvero preoccupanti. Arrivare a ipotizzare di dare in pegno spiagge, porti e aeroporti per ottenere dei prestiti e liquidità necessari al Paese significa svenderci». Lo dichiara il senatore della Lega Paolo Ripamonti.

"Includere nella lista dei beni statali da mettere a garanzia con le banche anche le spiagge significherebbe fare peggio di quanto l’Europa non abbia già fatto con la folle direttiva Bolkestein. La strada per la ripresa dovrà partire, invece, dal supporto e dalla valorizzazione di quelle imprese, come le balneari, che hanno fatto la fortuna economica del nostro Paese. La ricetta Pd di Zanda sarebbe l’ennesimo regalo alle banche: non possiamo accettare una svendita o una messa al banco dei pegni dei nostri settori più produttivi e delle nostre aziende familiari in cui da generazioni migliaia di piccoli imprenditori hanno investito”.

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Argomenti:

politica