Coronavirus: Buffagni, ’pmi strumento per uscire da crisi, liquidità per ripartire’

Milano, 23 nov. (Adnkronos) - «Le imprese rappresentano il cuore pulsante dell’Italia e le nostre pmi sono l’unico strumento che abbiamo per uscire da questo momento difficile e superare» la crisi innescata dal Covid. «La liquidità e la patrimonializzazione devono servire per investire e ripartire, perché altrimenti non avremo un futuro. Senza supporto alle imprese il Paese non potrà ripartire. L’obiettivo è salvare questo Paese». Lo ha detto Stefano Buffagni, vice ministro dello Sviluppo economico, in un video messaggio inviato all’Alt-Finance Day, l’evento online dedicato alla finanza alternativa.

"Il governo -ha spiegato Buffagni- ha messo in campo una serie di misure a supporto delle nostre piccole e medie imprese. Abbiamo confermato e ampliato il piano Transizione 4.0, garantendo una programmazione triennale". Inoltre «alle aziende fino a 5 milioni di euro abbiamo destinato misure incentivanti ulteriori, in particolare con una norma che premia gli investimenti in beni strumentali con un extra credito di imposta del 10% fruibile nel’anno in corso, diminuendo il carico fiscale delle nostre imprese».

Infine, ha concluso, «stiamo mettendo in campo una serie di misure, oltre il decreto liquidità, che ha garantito già più di 102 miliardi di prestiti, una serie di altre misure per aiutare la patrimonializzazione delle imprese e stiamo lavorando ad alcuni strumenti che possono aiutare le imprese ad aumentando la loro patrimonializzazione, garantendo un allungamento dei piani di rientro».

Iscriviti alla newsletter

Iscrivendoti acconsenti al trattamento dei dati personali ai sensi del Dlgs 196/03.

Argomenti:

economia