Specchietti digitali Lexus, la novità debutta sulla ES

Telecamere al posto degli specchietti e schermi interni dove vedere cosa accade attorno all’abitacolo: questo è il futuro imminente proposto sulla Lexus ES.

Specchietti digitali Lexus, la novità debutta sulla ES

La novità degli specchietti digitali sta per arrivare sulle nostre strade grazie alla nuova Lexus ES, anticipata su diverse concept car e che ora sarà anche sui modelli di serie tra cui Audi e-tron.

Si tratta di una consistente rivoluzione nel mondo automotive che cambia un altro elemento caratteristico dei veicoli per come li abbiamo conosciuti fino ad oggi e ci avvicina sempre di più alla mobilità smart, sfruttando nuovi sensori e nuove videocamere per monitorare lo spazio che circonda la vettura.

Al posto dei normali specchietti retrovisori laterali, l’occhio del conducente dovrà prestare attenzione agli schermi posti ai due angoli dell’abitacolo, in corrispondenza della struttura esterna che invece dello specchio monta soltanto una videocamera.

La soluzione degli specchietti digitali garantisce al veicolo una maggiore aerodinamica e più sicurezza, riuscendo a dare al conducente un più vasto campo visivo senza mai guardare effettivamente fuori dall’auto.

Specchietti digitali, il debutto sulla Lexus ES

Le telecamere al posto degli specchietti retrovisori laterali si chiama Digital Outer Mirrors, e da questo mese fa parte dell’offerta Lexus in Giappone. La Lexus ES, settima generazione, sostituisce l’attuale modello GS e si presenta come una delle auto più eleganti e innovative.

La berlina, che in Italia arriverà a fine anno, dispone di due telecamere al posto dei normali specchietti, montate in un supporto più piccolo ma posizionato nello stesso posto e su cui sono montati gli indicatori di direzione come già avviene sugli specchietti di fascia premium. La novità sarà estesa a tutta la gamma Lexus.

I vantaggi di questa novità tecnologica sono da rintracciare nella visione più ampia e più nitida, ma anche nell’abbassamento degli attriti aerodinamici.

Come funzionano gli specchietti digitali?

Con questo sistema la visibilità del conducente è pari ad un angolo di 160 gradi. Le videocamere sono fatte appositamente per resistere agli eventi atmosferici e agli accumuli di pioggia, neve o sporco. In questo modo le immagini che arrivano in tempo reale sui monitor da 5 pollici sono di ottima qualità e non hanno la tradizionale visione curva dovuta alla forma degli specchietti.

I monitor interni sono inoltre regolabili secondo le preferenze del conducente.

La struttura esterna, meno ingombrante degli specchietti tradizionali, limita meno la visuale esterna e riduce l’attrito con l’aria. Quindi meno fruscii aerodinamici, più silenzio in marcia e nell’abitacolo, ma anche - in parte ridotta - meno consumi.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Smart mobility

Argomenti:

Smart mobility Toyota

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.