Sondaggi elezioni Puglia 2020: Fitto ed Emiliano vicini, sfida a 3 tra i partiti

L’ultimo sondaggio sulle regionali in Puglia, lascia ancora grande incertezza. Ecco le intenzioni di voto ai candidati e ai partiti politici.

Sondaggi elezioni Puglia 2020: Fitto ed Emiliano vicini, sfida a 3 tra i partiti

Dopo un periodo di vacanza dai sondaggi elettorali, si torna a parlare di intenzioni di voto anche per le elezioni regionali del 20 e 21 settembre 2020. Sul corriere.it Nando Pagnoncelli illustra la situazione per la corsa alla presidenza della regione Puglia. Dai dati del’istituto Ipsos, si evince che la sfida tra il candidato di centrosinistra e attuale governatore Michele Emiliano e l’avversario principale, il candidato di centrodestra in quota Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto, è tutta da giocare con esito molto incerto. Fuori dai giochi la candidata del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia, troppo lontana nei sondaggi per poter competere.

Fitto in leggero vantaggio su Emiliano

I sondaggi elettorali Ipsos per le regionali in Puglia, indicano Raffaele Fitto, che della regione pugliese è già stato governatore dal 2010 al 2015, al 41%, in vantaggio su Michele Emiliano che è stimato al 39,4%. Si ricorda che se il primo ha l’appoggio di tutto il centrodestra, ovvero anche di Lega e Fratelli d’Italia, il presidente in carica non può contare sull’appoggio di tutta la coalizione di centrosinistra, in quanto Italia Viva e +Europa appoggiano il candidato voluto da Matteo Renzi, Ivan Scalfarotto, stimato all’1,6%.

Antonella Laricchia del M5S è indicata dal sondaggio di Nando Pagnoncelli al 15,6%, zero chanche di ambire concretamente alla carica di presidente della Puglia. Gli altri candidati sono stimati al di sotto dell’1%.

Raffaele Fitto può contare anche sulle liste che lo appoggiano, il cui totale di consensi è stimato al 42,4%, +1,4% rispetto alle intenzioni di voto personali. Al contrario, Michele Emiliano, nonostante le tante liste a suo sostegno, può contare su un totale del 38,4%, -1,0% rispetto alle intenzioni di voto del proprio candidato.

Il candidato PD Emiliano si sta giocando un’altra carta interessante, dopo che il suo appello al Movimento 5 Stelle per trovare un’alleanza è caduto nel vuoto, ovvero, il voto disgiunto. Il governatore della Puglia ha chiesto agli elettori del M5S di esprimere due voti, uno per la propria lista e l’altro disgiunto per lui. Una mossa che se farà breccia in una piccola parte dell’elettorato Cinquestelle, potrebbe consentirgli di vincere le elezioni regionali.

L’ennesimo appello di Emiliano, stavolta potrebbe andare in porto, d’altronde, Pagnoncelli segnala che il 45% degli elettori M5S esprime gradimento nei confronti del governatore uscente, il quale, spera che con la consapevolezza di una vittoria impossibile della loro candidata, essi possano andare contro Salvini, quindi contro l’elezione di Fitto.

Le intenzioni di voto ai partiti

Il partito del non voto è quello di gran lunga più alto, l’affluenza è sondata al 55%, e c’è da tenere conto che il 15% rappresenta degli indecisi. Una variabile che inciderà molto sull’esito del voto pugliese e che potrebbe stravolgere le previsioni.

I sondaggi politici Ipsos per le elezioni regionali in Puglia, hanno indicato anche il consenso delle forze politiche. Attualmente, in testa c’è il Partito Democratico con il 18% dei consensi, seguito dalla Lega al 17,5% e dal Movimento 5 Stelle con il 17%. Più distante Fratelli d’Italia al 12,9%, e ancora di più Forza Italia al 7,5%.

In conclusione, la partita tra Emiliano e Fitto per la corsa alla carica di presidente della Puglia è apertissima, ci sono diverse variabili che rendono la differenza tra i due candidati, stimata da Ipsos nella misura dell’1,6%, davvero irrisoria.

Argomenti:

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories