Prestiti piccoli imprenditori Nord-Est, boom insolvenze in cinque anni

icon calendar icon person

Le sofferenze bancarie sono letteralmente esplose dal 31 dicembre del 2008 al 30 novembre del 2013. Il Rapporto della Cgia di Mestre.

I piccoli imprenditori del Nord-Est sono a corto di liquidità, con la conseguenza che è sempre più difficile restituire i prestiti anche perché per le Pmi rimane tutt’altro che facile recuperare i crediti a causa dell’aumento dei tempi di pagamento.

Prestiti piccoli imprenditori Nord-Est, sofferenze bancarie +263,1% in cinque anni

E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia scattata dalla Cgia di Mestre che ha analizzato l’andamento delle sofferenze bancarie nel Nord Est dal 31 dicembre del 2008 al 30 novembre del 2013. Ebbene, le sofferenze bancarie in cinque anni sono passate da 4,2 miliardi di euro a 15,2 miliardi di euro con un incremento medio del 263,1%.

Banche Nord-Est: crollano gli impieghi a Belluno, Trieste e Pordenone

A Trieste, Verona, Padova e Venezia le sofferenze bancarie, in crescita sopra la media, sono letteralmente esplose a fronte del maggior calo degli impieghi, da parte degli istituti di credito, rilevato nel periodo di osservazione a Belluno, Trieste e Pordenone.

Sofferenze bancarie: male anche Udine, Rovigo e Vicenza

Pesante è l’andamento delle sofferenze bancarie anche a Udine, Rovigo, Belluno e Vicenza a conferma di come la crisi, che ha fatto crollare i consumi, e la mancanza di liquidità, abbiano fatto impennare l’insolvibilità dei piccoli imprenditori che spesso, per non licenziare i propri dipendenti, hanno messo in pegno le proprietà per ottenere il credito necessario al fine di far fronte al crollo delle commesse.

Banche Nord-Est tagliano gli impieghi nel Triveneto

Per quel che riguarda l’ammontare complessivo dei prestiti alle imprese che sono stati erogati dalle banche nel Nord-Est, si è passati dai 148,8 miliardi di euro al 31 dicembre 2008 ai 142,4 miliardi di euro al 30 novembre del 2013 a fronte di un maggiore contrazione degi impieghi, in termini percentuali ed in valori assoluti, nel Triveneto.