Premio Nobel 2020 per l’Economia: chi sono Paul Milgrom e Robert Wilson

12 ottobre 2020 - 13:05 |
12 ottobre 2020 - 14:43 |

Il Premio Nobel 2020 per l’Economia è andato a Paul R. Milgrom e Robert B. Wilson. Ecco chi sono e perché hanno vinto il prezioso riconoscimento.

Premio Nobel 2020 per l'Economia: chi sono Paul Milgrom e Robert Wilson

Il premio Nobel 2020 per l’Economia è andato a Paul R. Milgrom e Robert B. Wilson: ma chi sono e perché hanno vinto? Queste le due domande che hanno accompagnato l’annuncio avvenuto oggi 12 ottobre.

I due nuovi premi Nobel per l’Economia 2020 non sono in realtà degli sconosciuti per chi mastica il mondo della finanza e, in particolar modo, il mercato delle aste: proprio per il loro contributo alla crescita e al cambiamento di questa particolare forma di vendita si deve il loro prezioso riconoscimento.

Vediamo più da vicino chi sono i due economisti americani e quali sono stati i punti fondamentali che li hanno portati alla vittoria del Nobel 2020 per l’Economia.

Chi sono Paul Milgrom e Robert Wilson, premi Nobel per l’Economia 2020?

Allievo e maestro di veneranda età: Paul Milgrom ha 72 anni mentre il Robert Wilson ne ha 83. Insegnano entrambi all’Università di Stanford e si sono aggiudicati il Premio Nobel 2020 per l’Economia grazie al proprio contributo sui progressi dati alla teoria delle aste e l’invenzione di un nuovo sistema d’asta per le stesse.

Robert Wilson, nato nel 1937, è oggi professore emerito alla Stanford University e ha contribuito in maniera sostanziale alla scienza del management e dell’economia aziendale. Milgrom è allievo invece di Wilson, nato nel 1948 e professore alla Stanford dal 1987: esperto della cosiddetta game theory, elaborata e studiata insieme a Wilson nel corso degli utlimi anni. Ha creato il sistema del No trade insieme a Nancy Stockey ed è specializzato nella teoria delle aste e delle strategie dei prezzi.

Perché hanno vinto il Premio Nobel 2020 per l’Economia

Il premio Nobel 2020 per l’Economia è stato assegnato a Milgrom e Wilson per i loro studi su come funzionano le aste. In particolare, come illustrato dalla commissione svedese, sono stati premiati le loro intuizioni utili a progettare nuovi formati di aste per beni e servizi altrimenti difficili da vendere in modo tradizionale (un esempio diretto le frequenze radio). Grazie al loro contributo nel mondo dell’economia sono stati avvantaggiati venditori, acquirenti e contribuenti in tutto il mondo.

Le aste non vendono infatti solo oggetti d’antiquariato, case o pezzi d’arte: titoli, minerali ed energia (così come gli appalti pubblici) sono considerati oggi giorno aste in tutto e per tutto.

Attraverso la teoria elaborata da Milgrom e Wilson è stato possibile comprendere i risultati delle diverse regole che ordinano le offerte e i prezzi finali. Il loro contributo ha permesso di analizzare qualcosa di molto difficile in quanto gli offerenti di un’asta tendono a comportarsi in modo strategico sulla base delle informazioni disponibili.

In particolare Robert Wilson ha sviluppato una teoria per le aste con oggetti aventi un valore comune, ovvero quello che è incerto prima dell’asta ma uguale per tutti. Si fanno come esempi il valore delle frequenze radio o dei minerali contenuti in una particolare area: l’economista ha dimostrato come gli offerenti più razionali tendono a fare offerte sotto la loro stima del valore comune preoccupandosi della cosiddetta maledizione del vincitore (ovvero pagare troppo e, di conseguenza, perdere).

Paul Milgrom ha formulato invece una teoria più generale sulle aste che non consente solo valori comuni, ma anche valori privati ​​che cambiano da offerente a offerente. Ha analizzato le strategie di offerta in una serie di formati d’asta noti arrivando a dimostrare come un formato darà al venditore entrate attese più elevate quando gli offerenti imparano di più sui valori stimati degli altri durante le offerte.

Queste analisi hanno permesso con il tempo di inventare nuovi formati per la vendita all’asta di diversi oggetti correlati: nel 1994 gli Stati Uniti hanno utilizzato per la prima volta uno di questi formati d’asta per vedere le frequenze radio a operatori del campo delle tlc. Oggi tanti Paesi ne seguono l’esempio e adottano un sistema d’asta che non sarebbe potuto esistere senza gli studi di Milgrom e Wilson.

Argomenti:

Premio Nobel

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories