Pensione quota 100 o conviene attendere il trattamento di vecchiaia?

Conviene maggiormente accedere alla pensione con la quota 100 o attendere di compiere l’età che permetterà l’accesso alla pensione di vecchiaia?

Pensione quota 100 o conviene attendere il trattamento di vecchiaia?

La pensione quota 100 permette l’accesso al compimento dei 62 anni a patto che si siano maturati almeno 38 anni di contributi. Molti lavoratori, però, si chiedono l’effettiva convenienza dell’accedere alla pensione con l’anticipo e hanno il dubbio se sia effettivamente meglio attendere i 67 anni necessari per accedere alla pensione di vecchiaia.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Gentilissimi, ho 65 ad anni ad agosto e 36 anni di contributi versati di cui circa21 presso l’INPS e 15 presso l’ex INPDAP attualmente confluita nell’INPS, a ciò si aggiunge l’anno di militare già accreditato . Ho accreditati cinque mesi come lavoratore precoce(17/18 anni) come apprendista. Quindi, a oggi, 37anni e qualche mese. Praticamente farò 38 anni di contributi ad aprile del 2021. Mi conviene chiedere la pensione anticipata con quota 100? O devo aspettare ancora più di un anno e accedere alla pensione di vecchiaia?”

Pensione quota 100 o di vecchiaia?

La pensione con la quota 100 non comporta alcuna penalizzazione nel calcolo dell’assegno previdenziale che verrà, quindi, stabilito sulla base del montante contributivo.

Unica cosa che potrebbe, in qualche modo, penalizzare il lavoratore che anticipa di molti anni la pensione rispetto al trattamento di vecchiaia è rappresentata dai minori contributi versati rispetto a quelli che avrebbe versato continuando a lavorare fino ai 67 anni (si immagini che accede alla quota 100 a 62 ed anticipa di 5 anni la pensione di vecchiaia: in questo caso l’importo dei due trattamenti potrebbe avere delle differenze anche abbastanza importanti).

Nel suo caso, però, visto che anticipa di un solo anno rispetto ai 67 anni, sia il coefficiente di trasformazione applicato nella trasformazione del montante contributivo, sia il montante contributivo stesso non subirebbero variazioni determinanti restando al lavoro un anno in più.

Raggiungendo i requisiti ad aprile 2021 ha tutto il diritto di accedere alla pensione quota 100 rispettando la finestra di attesa che è di 3 mesi se è lavoratore del settore privato e di 6 mesi se lavora nel pubblico impiego.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti:

Quota 100

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories