Pensione quota 100: il diritto alla cristallizzazione può essere cancellato da futuri decreti?

Lorenzo Rubini

26 Marzo 2021 - 13:46

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il diritto alla pensione quota 100, così come previsto dal decreto 4/2019, può essere esercitato anche in qualsiasi momento successivo al 31 dicembre 2021.

Pensione quota 100: il diritto alla cristallizzazione può essere cancellato da futuri decreti?

Il principio della cristallizzazione del diritto alla pensione si applica anche alla quota 100 e pertanto, così come previsto dal decreto legge numero 4 del 2019, per i lavoratori che hanno raggiunto i requisiti di accesso alla misura (almeno 62 anni di età ed almeno 38 anni di contributi) entro il 31 dicembre 2021, la domanda di pensione può essere presentata anche in qualsiasi momento successivo.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno,
volevo porre un quesito relativo alla cristallizzazione del diritto relativo alla pensione anticipata «quota 100».
Premessa : la cristallizzazione del diritto con la pensione quota 100 è prevista :
- dal D.L. 28 gennaio 2019, n. 4 / LEGGE 20 marzo 2019, n. 26
“il diritto conseguito entro il 31 dicembre 2021 può essere esercitato anche successivamente alla predetta data.”
- dalla circolare INPS numero 11 del 2019 al punto 1.1
“I lavoratori che perfezionano i prescritti requisiti nel periodo compreso tra il 2019 ed il 2021 possono conseguire il trattamento pensionistico in qualsiasi momento successivo all’apertura della c.d. finestra di cui al successivo punto 1.3.”.
Da parte del mio datore di lavoro c’è un interesse a farmi rimanere a lavorare oltre la data del 31 dicembre 2021, data della cessazione della «quota 100»; nel corso del 2022 vorrei però esercitare il mio diritto ed andare in pensione.
E’ possibile che il governo, dopo il 31 dicembre 2021, possa emanare futuri decreti o leggi che possano modificare e/o far cessare questo diritto ?”.

Cristallizzazione quota 100: cosa potrebbe accadere?

La nostra normativa prevede che i lavoratori che raggiungono il diritto alla pensione con una determinata misura, possano esercitare tale diritto anche in un momento successivo ed anche se intervengono norme che cancellino o modifichino la misura in questione. Lo stesso principio vale anche per la quota 100 la cui domanda di pensione, come lei stesso fa notare, può essere presentato anche in un qualsiasi momento successivo alla scadenza della misura fissata al 31 dicembre 2021.

Il lavoratore che, però, dopo la scadenza della quota 100 decide di continuare la propria attività lavorativa non potrà vantare un vero e proprio diritto acquisito ma dovrà sottostare a novità normative.

A specificarlo è un messaggio INPS, il numero 210 del 2013 che precisa al punto 8, dedicato appunto alla “Cristallizzazione dei requisiti per il diritto ai trattamenti pensionistici”:
“Si conferma che, allo stato attuale, rimane fermo il principio che una volta acquisito il diritto alla pensione di vecchiaia o pensione anticipata, si può accedere alla pensione da qualsiasi momento successivo, a condizione che non intervenga una ulteriore norma che disponga modifiche alla disciplina vigente e che alla data di decorrenza della pensione i soggetti siano cessati dall’attività lavorativa dipendente”.

Quindi, il messaggio INPS, pur sostenendo che la cristallizzazione del diritto alla pensione rimane un principio fermo, non escluse che possa essere cancellato qualora intervenga una norma che disponga modifiche alla disciplina vigente.

Potrebbe, quindi, intervenire una norma che vieti l’accesso a coloro che pur avendo raggiunto il diritto alla quota 100 entro il 31 dicembre 2021 e che non hanno richiesto la pensione con la misura entro la validità della stessa. Non è detto che accada, ma l’INPS si tutela affermando che potrebbe anche accadere.
Una normativa successiva alla scadenza della quota 100, quindi, potrebbe andare a cancellare il diritto a richiedere la pensione anche in un qualsiasi momento successivo alla scadenza della misura. Potrebbe, anche se non è detto che accada.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories