Pensione quota 100 con decorrenza nel 2022: si corre qualche rischio?

Lorenzo Rubini

22 Gennaio 2021 - 15:21

condividi
Facebook
twitter whatsapp

La pensione con la quota 100 scade il 31 dicembre 2021; cosa accade se la decorrenza del trattamento «scivola» nel 2022?

Pensione quota 100 con decorrenza nel 2022: si corre qualche rischio?

La scadenza, ormai prossima, della pensione con la quota 100 il 31 dicembre 2021 comincia a preoccupare i lavoratori che possono fruire della misura. La quota 100, infatti, prevede delle finestre di attesa variabili di 3 o 6 mesi in base all’appartenenza del lavoratore al settore pubblico o a quello privato.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno
A novembre di quest’anno raggiungo la fatidica «quota 100» quindi ho sia l età che i contributi. Ma a quanto pare devo conteggiare anche i 3 mesi per arrivare alla prima finestra disponibile (cioè marzo ’22)! Dal momento che la scadenza di questa pensione è a fine 2021 non mi spetta più quota 100?
Grazie”

Pensione quota 100 con decorrenza nel 2022

La scadenza del 31 dicembre 2021 riguarda solo ed esclusivamente il raggiungimento dei requisiti di accesso alla pensione quota 100 e questo significa che tutti i lavoratori che entro tale data compiono i 62 anni e contestualmente maturano almeno 38 anni di contributi possono accedere alla misura.

E questo, ovviamente, indipendentemente dal fatto che la decorrenza del trattamento pensionistico, anche a causa delle finestre di attesa, slitti al 2022.

La scadenza, di fatto, riguardando solo il raggiungimento dei requisiti non influisce sulla decorrenza della pensione in quanto lo stesso decreto che ha introdotto la quota 100, il numero 4 del 2019, chiarisce che per chi raggiunge i requisiti entro il 31 dicembre 2021 è possibile la presentazione della domanda di pensione in qualsiasi momento successivo.

Essendo, quindi, possibile presentare la domanda di pensione in qualsiasi momento successivo al 31 dicembre 2021 a patto che per questa data si sia in possesso dei requisiti richiesti, appare chiaro che lo slittamento della decorrenza al 2022 non faccia perdere il diritto a poter fruire della pensione con la quota 100.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, la finestra che fa slittare la pensione al 2022 non le fa perdere il diritto a pensionarsi con la quota 100.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories