Nuovo Codice della Strada: tutte le modifiche verso l’approvazione

Al via l’iter legislativo che porterà alla definizione del nuovo Codice della Strada. Ecco le proposte contenute nel testo unificato giunto in commissione Trasporti alla Camera dei Deputati.

Nuovo Codice della Strada: tutte le modifiche verso l'approvazione

Il nuovo Codice della Strada arriva oggi alla Camera: la commissione Trasporti ha ricevuto il testo unificato contenente tutte le modifiche proposte finora a cui sarà possibile aggiungere gli ultimi emendamenti fino alla data del 3 giugno. Dopo, la discussione passerà dalla commissione all’aula, prima alla Camera e poi al Senato. Per questo motivo i tempi di approvazione potrebbero slittare di alcuni mesi e forse anche di un anno.

La strada per apportare le modifiche è ancora lunga, ma sono ormai note le proposte di base su cui inizierà la discussione e che potrebbero portare importanti novità per tutti gli utenti della strada. Una delle più interessanti riguarda l’introduzione dei motoveicoli 125 tra i veicoli che possono circolare su tangenziali e autostrade, purché a guidarli sia un maggiorenne, un provvedimento con cui l’Italia cesserà di essere l’unico Paese in Europa a porre questo limite di cilindrata.

Aumenteranno però anche le tipologie di strade, con l’introduzione delle Strade scolastiche che avranno nuovi limiti di velocità per tutelare gli istituti e gli studenti. Novità anche riguardo l’uso di smartphone al volante, a cui vengono accorpati anche tablet, notebook e altri apparecchi che distraggono dalla guida. Le sanzioni si fanno più severe, compreso il ritiro della patente da una settimana a un mese.

Rimangono da sciogliere invece ancora alcuni nodi, come quello sui seggiolini anti-abbandono che è slittato in autunno. Mentre sono stati bocciati definitivamente i limiti di velocità a 150km/h proposti dalla Lega, così come il divieto di fumo in auto. Rimane confermato il potere dei Comuni di poter deliberare su eventuali spazi ad hoc per ciclisti presso i semafori.

Nuovo Codice della Strada, tutte le modifiche del testo unico

Vediamo quali sono le modifiche raccolte nel testo base che da oggi inizia l’iter legislativo che lo porterà dopo il prossimo 3 giugno in Parlamento con le eventuali correzioni.

Veicoli 125 cc in autostrada

Una delle novità più interessanti è l’eliminazione del divieto di circolazione su tangenziali e autostrade ai motoveicoli 125 cc. La norma, su cui sono in accordo sia Lega che M5S, prevede che i motocicli con una cilindrata inferiore a 150 cc e maggiore di 120 cc potranno circolare sulle dette tratte purché guidati da maggiorenne in possesso di patente A, B o di categoria superiore, oppure, con almeno due anni di patente A1 o A2.

Smartphone alla guida, e non solo

Per quanto riguarda l’uso di smartphone alla guida, vengono accorpati anche computer portatili, notebook, tablet e “dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante”. Inoltre sono state ridotte le pene previste inizialmente: la sospensione della patente - che oggi scatta solo in caso di recidività - sarà prevista dai 7 ai 30 giorni, o da uno a tre mesi in caso di infrazione reiterata. Inizialmente, per la guida al telefono era stata prevista una sospensione da due a sei mesi. Aumentano anche le sanzioni pecuniarie, che vanno da 422 euro fino a 1697 euro. Per la seconda violazione in due anni la multa partirà da 644 euro.

Semaforo, luce gialla da 5 secondi

La durata dei semafori cambia in base all’incrocio ma la proposta di legge riguarda un tempo minimo di almeno 5 secondi per la durata della luce gialla di passaggio tra il verde e il rosso.

Guida senza patente

Raddoppiano le sanzioni se il conducente che guida senza patente o con patente diversa sarà coinvolto in un incidente stradale.

Decurtazione punti

In caso di violazioni che prevedono la decurtazione di punti dalla patente, non contestate su strada, comunicare l’identità di chi era alla guida al momento dell’infrazione sarà obbligatoria solo in caso la persona sia diversa dal proprietario dell’auto. L’avvenuta decurtazione non sarà più notificata e ogni automobilista dovrà controllare eventuali variazioni solo sul Portale dell’automobilista.

Spazi riservati ai disabili

Sale la multa per chi sosta sugli spazi riservati ai disabili da 87 a 161 euro per le auto e da 41 a 80 euro per ciclomotori e motoveicoli. I veicoli al servizio degli invalidi potranno sostare gratuitamente nelle aree di parcheggio a pagamento nel caso in cui gli stalli a loro riservati siano occupati. Le macchine ad uso di persone invalide potranno anche circolare sulle piste ciclopedonali in caso di emergenza.

Parcheggi rosa

I comuni potranno riservare spazi per la sosta di veicoli di donne in stato di gravidanza o con un figlio piccolo.

Foglio rosa

Raddoppia la durata del foglio rosa da sei a 12 mesi. Mentre rimangono invariate le possibilità di ripetere l’esame.

Violazioni

Una banca dati delle violazioni dove trasmettere i dati. I dati dell’anno precedente saranno messi a disposizione di tutti entro il 30 giugno di ogni anno sul sito del ministero.

Strade scolastiche

Le strade scolastiche saranno quelle in prossimità dei relativi edifici, per le quali i comuni potranno stabilire limitazioni alla tutela degli studenti in orari di attività didattica, di ingresso e di uscita.

Strade riservate

Intere strade potranno essere riservate a determinate categorie di veicoli, non più soltanto corsie.

Segnali sociali

La proposta di legge introduce “segnali che indicano messaggi sociali o di sensibilizzazione”.

Ambulanze

Sarà consentito il trasporto di un accompagnatore ma solo se lo richiederà la persona soccorsa.

Nuove regole per bici, mezzi ecologici e parcheggi

Spazio anche ai mezzi più ecologici, dalle bici ai veicoli elettrici. Per quanto riguarda le biciclette, viene rimandata alle amministrazioni locali la possibilità di deliberare su spazi ad uso esclusivo dei ciclisti che comunque potranno circolare sulle corsie preferenziali per bus e taxi, purché indossino sempre il casco.

Nel dettaglio, i comuni potranno consentire la circolazione delle biciclette sulle corsie riservate ai mezzi pubblici, la realizzazione presso i semafori di postazioni esclusive per ciclisti, posti lungo le strade con limite fino a 50 km/h.

Le novità puntano anche a regolarizzare per la prima volta monopattini, skate, hoverboard e segway elettrici, mentre le moto elettriche potranno andare in autostrada.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Codice della strada

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \