Mercato auto: in Europa -23,4% a settembre, ma il bilancio annuale è in positivo

Rispetto a settembre 2017, la flessione è stata notevole. Nonostante il -23,4% del mercato in Europa, il bilancio nei primi nove mesi dell’anno registra +2,3%.

Mercato auto: in Europa -23,4% a settembre, ma il bilancio annuale è in positivo

Come abbiamo visto per il mercato italiano, anche quello europeo nel mese di settembre ha subito una flessione importante: -23,4% rispetto allo stesso mese del 2017, un dato di per sé preoccupante se non fosse stato preventivamente compensato dall’andamento anomalo dei mesi di luglio e agosto.

Fattore determinante è stata l’entrata in vigore delle norme europee per il nuovo ciclo di omologazione WLTP nella data del 1° settembre, termine ultimo per vendere veicoli omologati con il vecchio sistema NEDC. Questo ha portato le case automobilistiche ad intensificare le offerte per liberare gli stock, e gli automobilisti ad acquistare a prezzi convenienti.

Dopo i numeri inusuali di agosto (+31,2%), era previsto un calo a settembre. Tuttavia, nel periodo gennaio-settembre il bilancio registra il 2,3% in più dell’analogo periodo dell’anno scorso.

Mercato auto in Europa, Germania e Italia le peggiori

Tutti i Paesi dell’Unione Europea e dell’Efta hanno chiuso il mese col segno meno, ma le peggiori sono state Germania e Italia, rispettivamente con -30,5% di immatricolazioni e il -25,4%.

Dopo viene il Regno Unito con -20,5%, ancora restio agli acquisti a causa dell’incertezza data dalla Brexit, la Spagna con -17%, la Francia con -12,8%.

Gli unici due Paesi che sono andati in crescita sono Bulgaria con +8,5 e Croazia con +3,3%.

Male FCA, bene PSA

A settembre FCA ha venduto 61.882 auto in Europa, con un calo del 31,4% rispetto allo stesso mese del 2017, e con la quota di mercato che è scesa dal 6,2% al 5,5%.
Per il gruppo italo-americano è col segno meno anche il bilancio del periodo gennaio-settembre, con -0,7%. Danni contenuti grazie alle buone performance del brand Jeep, che supera tutte le case automobilistiche con una crescita nell’anno del 66,8%.

Bene anche Alfa Romeo (+7,6%) grazie soprattutto alla Stelvio (+120,2%), mentre Fiat domina il segmento A grazie a 500 - anche nella versione 500X, in crescita - e Panda.

Il Gruppo PSA ha invece superato il colosso Volkswagen nel mese di settembre, diventando il primo per immatricolazioni e quota di mercato con 201.505 unità contro le 178.201 dei tedeschi.

Questo perché a Wolfsburg è stata registrata una perdita del 47,8%, causata da Audi (-60%), e le altre concorrenti non hanno fatto meglio: BMW è calata di solo dell’8,8%, mentre Renault e Nissan sono scese rispettivamente -31,5% e -43,8%.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Auto Nuove

Condividi questo post:

Commenti:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.