La piattaforma elettrica eVMP di PSA è sicuramente una delle novità più importanti nel mondo dei motori di questo mese di luglio. La nuova tecnologia è stata presentata dal CEO Carlos Tavares in sede di presentazione dei risultati finanziari del gruppo francese che nei prossimi mesi dovrebbe concludere la fusione con Fiat Chrysler Automobiles. A proposito di FCA, si dice che la nuova piattaforma elettrica eVMP possa venire impiegata anche per futuri modelli di segmento C e D di Fiat, Alfa Romeo e Jeep.

Fiat, Alfa Romeo e Jeep in futuro potrebbero usare la nuova piattaforma eVMP di PSA

Questa nuova piattaforma, secondo quanto dichiarato dal CEO di PSA dovrebbe garantire nei modelli top di gamma fino a 650 km di autonomia con una singola ricarica. La piattaforma infatti è stata realizzata per supportare la trazione anteriore e quattro ruote motrici fino a 250 kW e per consentire l’integrazione di batterie con capacità da 60 a 100 kWh per intervalli WLTP da 400 a 650 chilometri.

Il debutto della nuova piattaforma eVMP avverrà nel 2023 con un nuovo C-SUV che secondo i soliti bene informati sarà la nuova Peugeot 3008. Tuttavia sono elevatissime le probabilità che questa tecnologia possa venire impiegata successivamente anche da Fiat, Alfa Romeo e Jeep. Tra i modelli che potrebbero trarre beneficio da questa base il futuro D-SUV di Fiat.

Durante la relazione finanziaria semestrale del Gruppo, Tavares ha anche parlato di Stellantis, il nome dato al nuovo produttore automobilistico nascente dalla fusione tra Gruppo PSA e Fiat Chrysler. L’amministratore delegato di PSA ha sottolineato le forti possibilità di sinergia tra le 14 case automobilistiche che faranno parte della nuova società, il che indica che i marchi condivideranno componenti e piattaforme. Infine Tavares ha anche rivelato che la sua società entro il 2025 rivedrà anche la piattaforma eCMP esistente che sarà aggiornata e resa ancora più efficiente.