Expo 2015: come sta andando? Andamento delle vendite e novità

icon calendar icon person

A due mesi dall’apertura dei padiglioni dell’Expo 2015, si iniziano a tirare le somme riguardo gli indici delle vendite. Il mese di giugno ha superato le aspettative dello sviluppo finanziario milanese e italiano?

L’andamento delle vendite dei biglietti, nel mese di giugno, per la fiera del cibo Expo 2015, è stato positivo, così come i guadagni dei commercianti milanesi che hanno potuto beneficiare delle richieste dei numerosi turisti.

Ad assicurare la buona riuscita della fiera è l’amministratore delegato di Expo 2015 e commissario unico delegato dal governo, Giuseppe Sala:

«Giugno è stato decisamente buono e abbiamo sensazioni positive anche su luglio».

Lo sviluppo finanziario, nelle zone limitrofe Milano, si sta sempre più generando; il settore alberghiero e quello della ristorazione stanno beneficiando di buoni guadagni.

A tal proposito, è stato chiesto a Sala se il business generato da Expo sia concentrato esclusivamente sul sito, escludendo la città di Milano; ma la risposta è arrivata perentoria:

«a maggio l’osservatorio CartaSi, che raggruppa tutte le carte di credito, indica un 17% circa in più rispetto a maggio dello scorso anno sul valore delle transazioni con le carte di credito nei negozi milanesi e questo mi pare un dato fondamentale. Mi pare, ma voglio vedere i dati definitivi, che a giugno possa essere ancora meglio, in particolare per quanto riguarda il contributo degli stranieri».

Sono ancora grandi le aspettative che genera la fiera del cibo aperta fino al mese di ottobre 2015. Nella giornata di oggi, infatti, saranno maestose le celebrazioni per la festa nazionale degli Stati Uniti d’America, nel padiglione USA.

Programma per la celebrazione dell’indipendenza americana
Il presidente, Obama ha designato una delegazione affinché celebri, presso il padiglione Usa all’Expo di Milano, la festa nazionale degli Stati Uniti.
A palesare la novità è la stessa Casa Bianca.
La delegazione sarà guidata dal ministro per l’agricoltura, Thomas Vilsack, insieme all’ambasciatore americano in Italia R. Phillips, la deputata Betty Mccollum e il commissario generale per il padiglione Usa all’Expo Douglas T. Hickey.

Novità: arriva Foody sui francobolli italiani
Nel corso della giornata del 3 luglio 2015, è stato presentato il nuovo francobollo che celebra l’Expo 2015. Il francobollo ha impresso l’immagine di Foody, mascotte della fiera..
A mostrare il francobollo speciale, dal valore di 80 centesimi per 1,6 milioni di esemplari, sono stati il presidente di Poste italiane Luisa Todini, il presidente dell’Istituto poligrafico Zecca di Stato Domenico Tudini, Roberto Maroni, presidente della Regione Lombardia, e Giuseppe Sala, commissario unico di Expo. La nuova affrancatura è accompagnata da una serie di 15 francobolli, rappresentanti delle xilografie tratte da un volume di agricoltura del 1560 di Giovanni Tatti.
Il francobollo sarà il pretesto per istituire un’esposizione universale, che, secondo Todini è

«una vetrina internazionale che racconta i sapori e suscita le energie vitali del mondo per nutrire il pianeta. Si tratta dunque di un’occasione straordinaria e Poste italiane con questa speciale emissione ne vuole sottolineare la rilevanza e l’impatto culturale sull’opinione pubblica».