Ecco cosa sa il Fisco di noi (grazie all’auto che guidiamo)

Cosa sa il Fisco di noi in base all’auto che guidiamo? Se qualcosa non coincide con la dichiarazione dei redditi, ecco che scatta l’allarme.

Ecco cosa sa il Fisco di noi (grazie all'auto che guidiamo)

L’occhio lungo dell’Agenzia delle Entrate passa anche attraverso l’acquisto di un bene come l’automobile: se qualcosa non coincide con la dichiarazione dei redditi, ecco che scatta «l’allarme».

Ci pensa il redditometro, che misura la “compatibilità” tra il reddito riportato nella dichiarazione dei redditi e le spese sostenute dal contribuente nel medesimo anno di imposta: se queste superano il 20% rispetto al primo dato, l’ufficio delle imposte si “attiva” e scatta il controllo.

Cosa sa il Fisco di noi in base all’auto che guidiamo?

«L’accertamento sintetico è basato sul redditometro, strumento che consente all’Agenzia delle Entrate di valutare la disponibilità di determinati beni mobili e immobili siano o meno compatibili con il reddito dichiarato dal contribuente» - ha spiegato a ilGiornale.it l’avvocato Guglielmo Di Giovanni dello Studio Legale Dirittissimo.

«L’agenzia utilizza dei coefficienti ministeriali chiamati moltiplicatori che vengono applicati ai valori di un determinato bene: se si ha un’auto con 233 cavalli fiscali l’agenzia, individuando anno, potenza, vetustà e quota di disponibilità, applica un reddito presunto».

Come ci si può difendere senza incorrere in sanzioni?

Dimostrando che si può gestire e mantenere quel bene beneficiando, ad esempio, anche del reddito della moglie convivente, o del padre se si fa ancora parte del nucleo familiare.

In questo modo, l’Agenzia delle Entrate non darà rilievo al reddito del singolo contribuente oggetto di controllo ma terrà conto che, a quel reddito, possono aggiungersi anche i redditi di coloro che convivono con quella persona.

E poi c’è il superbollo che appartiene alle auto cosiddette «di lusso», per le quali bisogna versare un pagamento addizionale che entra nelle casse dello Stato. In questi casi è altamente probabile che il fisco utilizzi la propria lente d’ingrandimento.

Continua a leggere su IlGiornale.it

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories