C’è stato un tempo in cui il produttore di aspirapolvere Dyson stava progettando di costruire la propria auto elettrica per affrontare Tesla. Purtroppo, il progetto è stato improvvisamente annullato lo scorso ottobre, quindi non abbiamo mai visto l’auto elettrica segreta di Dyson. Questo almeno fino ad ora. Durante un’intervista con il Times, il miliardario britannico James Dyson ha presentato per la prima volta al pubblico l’auto elettrica cancellata dalla società e ha rivelato alcuni dettagli di specifiche allettanti che avrebbero preoccupato Elon Musk.

Dyson ha svelato come sarebbe stata la sua auto elettrica

Con il nome in codice N526, l’auto elettrica di Dyson sarebbe stata una vettura premium a sette posti in stile crossover con un’imponente autonomia di quasi mille km. Per fare un confronto, è quasi il doppio dell’autonomia di Tesla Model X a lungo raggio, che offre circa 500 km con una singola carica. Secondo Dyson, le batterie a stato solido dell’azienda sono state in grado di raggiungere questa prestazione «anche in una gelida notte di febbraio, ad una velocità di 110 km orari in autostrada, con il riscaldamento acceso e la radio al massimo».

Nonostante abbia un peso di 2,6 tonnellate, il crossover di Dyson avrebbe potuto accelerare da 0 a 100 km orari in 4,8 secondi e raggiungere una velocità massima di 200 km orari. Insieme, i due motori elettrici da 200 kW avrebbero prodotto 536 CV. Il miliardario fondatore di Dyson ha detto che c’era già un prototipo funzionante di questo modello guidato «segretamente».

Per quanto riguarda il design esterno del prototipo, questo sembrava apparentemente ispirato al Range Rover Sport PHEV. Gli scatti interni forniti dal Times mostrano anche i sedili all’avanguardia del prototipo con esclusivi poggiatesta a forma di lecca-lecca che avrebbero fornito un supporto posteriore migliore rispetto ai sedili convenzionali. A dominare il cruscotto c’era un display head-up ad alta tecnologia che «galleggia davanti al viso come un ologramma».

È davvero un peccato non aver mai visto Dyson sfidare Tesla, anche se non sarebbe stata una grande sorpresa. Sebbene il progetto fosse estremamente ambizioso, non era commercialmente praticabile, dal momento che Dyson avrebbe dovuto fare tutto da zero. Secondo il rapporto, ogni auto elettrica venduta avrebbe dovuto costare oltre 180 mila euro per ripagare dei costi l’azienda.