Dove andare in vacanza? Le città dove si spende meno (e di più)

icon calendar icon person

Dove andare in vacanza? Se volete prenotare un viaggio senza spendere troppo, ecco una lista delle città più economiche e come evitare le città più care.

L’estate è finita, ma non la voglia di vacanza: infatti, sono ancora molti gli italiani che si dirigono verso le agenzie di viaggio, o sui siti Internet più famosi, per prenotare una vacanza verso una meta esotica o una grande città europea.

Tuttavia, non è mai semplice scegliere dove andare in vacanza, perché si ha sempre paura di sbagliare meta e periodo. Qualsiasi mese dell’anno è adatto per partire, l’importante è scegliere una meta consona alle nostre possibilità.

Se non avete molti giorni di ferie, il consiglio è di andare in vacanza in un posto non molto distante, mentre se avete un budget limitato vi conviene controllare quali città sono più care e quali invece sono più economiche.

In nostro soccorso ci viene uno studio della banca svizzera Ubs che ha stilato una classifica delle città più care al mondo.

Ogni tre anni, UBS stila un rapporto denominato “Prezzi e salari”, in cui vengono prese in esame 71 città del mondo riguardo al prezzo dei prodotti, al salario, e alla qualità della vita.
Grazie a questo rapporto possiamo decidere con più facilità su dove conviene andare in vacanza poiché siamo in grado di scoprire in quale città si spende meno per mangiare e dove il prezzo degli hotel è più basso.

Dove (non conviene) andare in vacanza? Le città più care al mondo

Nel rapporto “Prezzi e salari” di Ubs, è stata realizzata una classifica delle città più care al mondo in base al prezzo di un paniere standard di 122 beni e servizi. Da questa classifica notiamo come le prime due città più care del mondo siano entrambe svizzere: Zurigo e Ginevra.

Quindi, se non avete molti soldi per prenotare la vostra vacanza è meglio che decidiate di andare in qualche altro posto, nonostante le due città svizzere siano molto belle da visitare.

New York si posiziona al terzo posto, ma è primo nella classifica delle città con gli affitti più alti, mentre Oslo è al quarto posto. Se siete indecisi se andare in vacanza a Londra o Parigi, sappiate che nella città degli innamorati si spende molto di meno: infatti, Londra è al sesto posto, mentre Parigi è addirittura ventiseiesima.

La prima città italiana che compare in questa classifica è Milano, che occupa il tredicesimo posto, mentre Roma è solamente ventottesima.

Le città più economiche

Se non avete un budget molto ampio, ma desiderate comunque andare in vacanza, il consiglio è di prenotare in quelle città dove il costo della vita è più basso.
Se si guarda la classifica al contrario si nota come Kiev è la città in cui si spende di meno per vivere, seguita da Sofia e da Bucarest.

La classifica è differente se oltre al paniere dei beni si prende in considerazione anche il costo degli appartamenti: la città più cara al mondo è New York, seguita da Zurigo e Ginevra, mentre quelle in cui si spende meno sono Sofia, Kiev e Bucarest.

Quanto costa fare la spesa?
Un altro studio di Ubs riguarda il prezzo della spesa, e anche in questo caso è molto utile guardare i risultati perché permette di capire in quali città costa di meno acquistare i beni alimentari.

Ubs ha calcolato quanto costa acquistare 40 prodotti alimentari: il prezzo medio complessivo è di $400, ma ci sono città che si discostano di molto da questo valore. Ad esempio, per acquistare gli stessi prodotti a Zurigo bisogna spendere quasi il doppio, circa $738, mentre a New York il conto sarà meno salato: 632$. Anche in quest’occasione tra le città più economiche ce ne sono molte dell’Est Europa: Varsavia ($253), Sofia ($214) e Praga ($255).

Tuttavia, bisogna considerare che in alcune di queste città i prezzi sono molto alti perché lo è anche il livello dei salari. Ad esempio, Zurigo e Ginevra oltre ad essere al primo e al secondo posto delle città più care al mondo, sono anche le città in cui si guadagna di più, mentre l’economica Kiev è all’ultimo posto della classifica dei salari.


Realizzata da La Repubblica