Come guidare sulla neve e sul ghiaccio, nei giorni particolarmente rigidi? Prendendo in prestito il motto di una nota serie TV, l’inverno sta arrivando, e quindi è bene informarsi sulle modalità di guida che possono farci viaggiare senza problemi anche su fondi innevati.

Con la neve, anche manovre quotidiane e spesso date per scontate come i parcheggi possono diventare difficili. Per questo motivo vediamo alcuni consigli per la guida su strade innevate, validi sia se ci si trova in campagna o nelle grandi città.

Per guidare meglio, sono fondamentali e anche obbligatorie le gomme invernali dal 15 novembre su quasi tutte le strade e autostrade d’Italia: in loro sostituzione, è necessario avere le catene da neve a bordo da montare in caso di necessità. In caso di nevicate abbondanti o zone a rischio, è il caso di montare sia le gomme invernali che tenere a bordo le catene.

In casi di scarsa visibilità come anche in caso di nebbia è obbligatorio anche il giubbotto catarifrangente.

Come guidare sulla neve? 5 consigli

Attenzione alle frenate

Sulla neve l’aderenza degli pneumatici si riduce considerevolmente quindi le frenate meritano molta più attenzione, per non rischiare scivolamenti. L’ABS non è ormai disinseribile per legge, ma è possibile disinserire l’ESP. Quindi bisogna frenare con molto anticipo e in maniera morbida, per evitare di planare. Sicuramente entrerà in funzione l’ABS che farà tremare il pedale. Fondamentali sono le distanze di sicurezza che sulla neve devono almeno raddoppiare per consentire spazio alle lunghe frenate.

Non fidarsi troppo dell’elettronica

L’elettronica aiuta sempre, ma in caso di neve o di ghiaccio, si sente tutto il peso della meccanica: i controlli elettronici di frenata, trazione e stabilità non possono risolvere tutti i problemi ed è sciocco affidarsi ciecamente a questi assistenti.

Disinserire i controlli di trazione

Se la strada è molto innevata, è meglio disinserire il controllo di trazione tramite i tasti ESP, TCS, ASR quando si deve partire. Questi assistenti diminuiscono la potenza della trazione per evitare slittamenti su manti stradali bagnati, ma dal momento che la neve è più solida è necessario disporre di tutta la potenza del motore per riuscire a partire.
Una volta partiti, va inserito nuovamente il controllo di trazione, perché l’elettronica darà una mano per evitare perdite di aderenza.

Parcheggi

Se si parcheggia in pianura è meglio, perché così si può evitare di inserire il freno a mano, dato che sotto zero i cavi potrebbero danneggiarsi e disinserirlo potrebbe essere pericoloso. Se si deve ripartire e l’auto è stata circondata dalla neve, i mucchi vanno rimossi manualmente e prima di farsi spingere da qualcuno è bene provare a fare il “gioco” retro-prima per darsi un po’ di slancio e provare a uscire dal pantano.

Usare il freno motore

Dato che sulla neve è difficile frenare l’auto in modo sicuro e veloce, è consigliato usare al massimo il freno motore specialmente in discesa, per evitare inutili scivolamenti a ruote bloccate. Il freno motore è fondamentale quando si scala la marcia e l’auto decelera.

Come tirare fuori l’auto dalla neve?

Il fango ghiacciato o la combinazione fango e neve dovrebbe essere il contesto ideale per le gomme invernali Mud+Snow. Nonostante l’aderenza venga garantita dal battistrada, può capitare di rimanere con l’auto bloccata nella neve o nel fango innevato.

Per rimettersi in marcia ci sono diversi sistemi: le catene dovrebbero bastare, ma nel caso in cui si sia sprovvisti, si possono usare altri tipi di attrito tra ruota e suolo come i tappetini dell’auto, coperte, pezzi di legno. Infine è possibile farsi trainare da un mezzo più pesante oppure riuscire a legare un bastone ad una delle ruote per riuscire ad utilizzarlo come leva di marcia ed evitare che la ruota giri completamente a vuoto.