Auto elettriche: dal 2017 ricariche veloci a prezzi contenuti in tutta Europa

1 dicembre 2016 - 15:35 |
28 marzo 2017 - 14:57 |

Auto elettriche con ricarica veloce ed economica? I maggiori costruttori europei hanno raggiunto l’accordo per una rete di ricarica a partire dal 2017.

Auto elettriche 2017: dal prossimo anno nascerà una rete europea di ricarica.
I principali costruttori vanno tutti nella stessa direzione, ovvero quella di favorire l’energia elettrica per le automobili al posto del carburante.
BMW Group, Ford Motor Company, gruppo Daimler, Gruppo Volkswagen e Porsche hanno firmato un accordo d’intesa per creare la più estesa e potente rete europea di ricarica per auto elettriche.

Sappiamo da tempo che il futuro dell’automobile sarà elettrico e conosciamo anche il limite intrinseco della mobilità elettrica, specialmente in Italia e in Europa, nonostante le auto elettriche siano ormai incredibilmente progredite e - come insegna Tesla - più progredite tecnologicamente delle auto tradizionali.

Dal Salone di Parigi è iniziato il trend delle principali case automobilistiche che puntano a trasformare l’intero catalogo a emissioni zero da qui alla fine del decennio. Jaguar, Mercedes, BMW, Volkswagen, Honda, Toyota, Seat, anche Ferrari. Insomma le nuove norme anti inquinamento hanno imposto un progresso importante nel mondo dell’automobilismo secondo cui i costi scenderanno e che nel 2030 i due terzi dei veicoli nelle grandi città europee saranno elettrici.

Se le auto elettriche 2017 saranno bellissime e altamente performanti, rimane ancora dell’incertezza intorno alla mobilità green. Le auto elettriche 2017, rispetto ai precedenti modelli, non solo saranno di più, ma avranno una autonomia elevata, che finora era stato tra i principali deterrenti per l’acquisto di auto elettriche. Il grande difetto delle auto elettriche in Italia e in Europa riguarda le possibilità di ricarica.

Gli utenti non si sentirebbero a disagio se i prezzi fossero più contenuti e soprattutto se le colonnine di ricarica fossero distribuite in modo capillare su tutto il territorio come oggi sono i benzinai. Inoltre, coloro che decidono di affidarsi alle auto elettriche devono comunque sostenere importanti cifre per la ricarica.

Gruppo Volkswagen, BMW Group, Ford Motor Company, gruppo Daimler e Porsche collaboreranno per creare questa rete capillare di colonnine per la ricarica di auto elettriche che manca in Europa. A queste si aggiungeranno quelle dei principali gestori energetici europei, come Enel, che in Italia sta già promuovendo la nuova mobilità elettrica con molte colonnine sul territorio nazionale e con le prime offerte tariffarie per i proprietari di auto elettriche.

Auto elettriche 2017: il progetto dei costruttori europei per la rete di ricarica

L’accordo siglato dai principali produttori europei, che insieme racchiudono la maggior parte delle auto che sono sulle nostre strade, agevola la possibilità di viaggiare comodamente a zero emissioni lungo tutta l’Europa. Addio carburanti, il futuro è elettrico e al posto delle pompe di benzina, sulle principali strade europee ci saranno colonnine di rifornimento più veloci e più economiche.

All’impegno delle istituzioni doveva far eco necessariamente anche l’impegno dei costruttori di automobili, non solo per proporre auto elettriche ma anche per promuovere possibilità di ricarica agevolata.

Con l’accordo, saranno coordinate sia la produzione che la rete d’alimentazione e dal prossimo anno inizierà ad essere realtà. Il progetto si basa su un’inedita collaborazione tra costruttori che consentirà di affrontare lunghi viaggi.

I lavori per realizzare la rete di colonnine di ricarica iniziano nel 2017 e le 400 stazioni di ricarica previste saranno solo il primo passo del progetto che, entro il 2020, conterà migliaia di colonnine ultra veloci.

Auto elettriche 2017: le nuove colonnine di ricarica in Europa

Il progetto comune tra i grandi produttori europei Gruppo Volkswagen, BMW Group, Ford Motor Company, gruppo Daimler e Porsche prevede la costruzione di migliaia di colonnine per la ricarica veloce di mezzi elettrici entro il 2020, ma inizierà con 400 colonnine sulle principali autostrade europee.

Si tratta di colonnine di nuova generazione addirittura più rapide e potenti di quelle di Tesla: le colonnine europee saranno in grado di erogare fino a 350 kW, contro i 150 kW dei Supercharger di Tesla. La sosta per la ricarica sarà quindi ancora minore, e in pochi anni i mezzi elettrici si ricaricheranno al tempo di una sosta per fare il pieno di benzina.

Questa rete di ricarica sarà un incentivo per acquistare e utilizzare automobili elettriche dal momento che la poca autonomia è sempre stata un problema di questi nuovi veicoli. Ora i veicoli prodotti arrivano anche a 400 chilometri di autonomia e con le nuove colonnine in costruzione viaggiare su auto elettriche sarà molto facile.

Rimarrà il problema dei costi più elevati, ma secondo la European Consumer Organisation (BEUC), dal 2024 i costi di acquisto, manutenzione ed esercizio di un’auto elettrica saranno uguali a quelli di una vettura a benzina e dall’anno dopo sarà addirittura più conveniente.

Argomenti:

Motori Auto Elettriche

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories